Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
novembre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Bertinotti, il subcomandante nato leninista e finito ciellino

Schermata 2017-08-30 alle 14.32.23La cosa più bella della biografia di Fausto Bertinotti si incontra giusto alla fine della prima riga della sua pagina Wikipedia: “ex politico”. In quella prima parolina, “ex”, è racchiusa tutta la gioia liberatoria provata quando ripensi a qualcosa che prima purtroppo c’era e ora per fortuna non più. Certo, si potrebbe asserire non senza fondamento che quelli dopo di lui son quasi riusciti a farlo rimpiangere, ma si sa: essere di sinistra in Italia è dolore, è golgota, è martirio. Di fatto la sinistra italiana, salvo meritorie eccezioni, esiste per darti ogni giorno più voglia di diventare di destra. Ogni tanto di Fausto Bertinotti si torna a parlare, quasi sempre a fine agosto, quasi sempre durante l’avvincente meeting di Comunione e Liberazione. E’ qui che, ogni anno, l’ex compagno Fausto ci guida e – con ciò – ci detta la linea. Nato 77 anni fa a Milano, il subcomandante Berty ebbe l’anno scorso a dirci: “Il movimento operaio è morto, in CL ho ritrovato un popolo”. Parole forti, e soprattutto a caso. Come quasi sempre. La ricetta bertinottica, che faceva impazzire tanti barricaderi assai presunti e ben poco veri, è sempre stata così: un po’ di questo, un po’ di quello. E una spolveratina di niente. La tecnica oratoria era consolidata: parlar tanto per non dir nulla, abusando di immagini il più possibile auliche affinché tutti capissero che lui era comunista. Molto comunista. Sì. Però colto. Colto e figo. Tanto figo, come testimoniavano i completini di cachemire, il sigaro pendulo per sentirsi quasi Che Guevara, i portaocchiali al collo che in tutta la storia dell’umanità si è potuto permettere giusto Ivan Graziani. E poi quella “erre”, che il Lider Fausto soleva arrotare su se stessa con fare sommamente compiaciuto, prima di dispensare l’agognato Verbo lenin-marxista-bertinottista. Di lui forniva un’imitazione magistrale Corrado Guzzanti, più vera del vero come lo è quella di Maurizio Crozza quando dà vita al sempre più improponibile Renzi. Emblema della sinistra salottiera e velleitaria, massimalista al punto giusto da non contare nulla e per questo stimatissimo dalla destra, Bertinotti – lo si scrive ai più giovani o a chi, senza neanche troppa fatica, ne ha già dimenticato le gesta politiche – è stato uno dei tanti ad alimentare speranze per poi spazzarle via. Bombardando pure, ove possibile, le fondamenta di quelle stesse speranze così bellamente disattese. Uomo del “tutto o niente”, come lo erano un tempo i Chicco Testa, gli Staino Sergio e i Genny Migliore, ha presto finito con l’accontentarsi civettuolamente della maglietta di Presidente della Camera dei Deputati. L’ha indossata, con orgoglio e medio cipiglio, dal 2006 al 2008. Dieci anni prima, come non smette di rinfacciargli Nanni Moretti (e mica solo lui), disarcionò Prodi permettendo così che la sinistra perisse definitivamente – o giù di lì – grazie alla brodaglia del governo D’Alema. Bei momenti. Sindacalista mai domo, o così pareva, il subcomandante Berty ha sempre detto di sentirsi a cavallo tra “socialismo lombardiano” e “comunismo ingraiano”. Qualsiasi cosa volesse dire. Pochi giorni fa, dal pulpito notoriamente bolscevico di CL, Egli ci ha parlato ancora. Ascoltiamolo: “La sinistra si è disfatta della storia, CL no”; “Dobbiamo porci il problema della fede”; “Il futuro senza tradizione rende succubi”. E giù applausi, e poi ovazioni, e quindi supercazzole. Così parlò il subcomandante Berty, l’uomo nato leninista e finito ciellino. Lasciando, nel mezzo del suo e nostro cammino, macerie politiche inaudite. Di cui, probabilmente, neanche si è accorto. (Il Fatto Quotidiano, rubrica Identikit, 29 agosto 2017)

8 Commenti a “Bertinotti, il subcomandante nato leninista e finito ciellino”

  • Luigi Buscemi:

    Carissimo Andrea, per la precisione: Bertinotti non è mai stato leninista, era socialista della corrente di Riccardo Lombardi. Al massimo poteva essere marxista, ma ho i miei dubbi. Il poi è stato un variegato pianeta!

  • luigi:

    Quanto percepisce di pensione?

  • matteo:

    Dott. SCANZI questa volta, mi capita raramente, sottoscrivo quanto da Lei scritto. Da vecchio militante del PSI( 1960-1994 corrente lombardiana) rilevo che quando il ” parolaio rosso ” dice di trovarsi tra il socialismo lombardiamo ed il comunismo ingraiano è un altro inconsistente artefizio verbale con cui ha campato tutti questi anni , compresa la sua presenza in CGIL ( anche qui sono un vecchio militante ) .
    Dalle mie parti questi personaggi sono definiti ” FALAMPI “.
    Con stima.

    Matteo Lanteri

  • Clesippo Geganio:

    altro sinistrato ideologico della politichetta pro cricca…. e chi se ne frega degli italiani.

  • Mauro:

    92 minuti di applausi

  • Antonella Minopoli:

    Hai detto benissimo Andrea Scanzi, un po’ di questo, un po’ di quello. E una spolveratina di niente! Che delusione, per non dire/scrivere altro.
    Antonella Minopoli

  • Massimiliano:

    disarcionò Prodi permettendo così che la sinistra perisse definitivamente – o giù di lì – grazie alla brodaglia del governo D’Alema

    Sono d’accordo su tutto, tranne che su due punti fondamentali:
    1) Bertinotti non può essere considerato massimalista, altrimenti non avrebbe mai accettato di appoggiare, una prima volta, dall’esterno, il Governo Prodi e poi di entrarne a far parte alcuni anni dopo;
    2) La sinistra in Italia è morta con la svolta della Bolognina. Continuare ad identificare come “sinistra” la classe dirigente che ha affossato il Pci dando vita al PDS-DS-PD (alias “centrosinistra”) è un grave errore che una persona acuta come Andrea Scanzi non dovrebbe commettere. Bertinotti ha cominciato a sfasciare la sinistra che ancora esisteva e resisteva in Italia proprio quando ha deciso di cominciare un dialogo col PDS-DS-PD in vista di appoggi esterni ed interni… Se non si capisce questo, non si capisce nulla.

  • Claudia:

    Bè, pover’uomo, bisogna capirlo, si è sforzato di trovare la quadra fra due opposti fondamentalismi e il risultato ha comunque una sua logica. Dopo essersi convinto che il movimento operaio è morto è andato in cerca di una formazione politica che gli garantisse la resurrezione.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento