Articoli marcati con tag ‘Le Regone’

Cantina Caleffi

Schermata 2020-05-18 alle 18.15.02Ho già parlato di Cantina Caleffi. L’ho scoperta con Proposta Vini. Sono rimasto colpito dal loro Le Regone ven negar, un Lambrusco rifermentato in bottiglia a maggioranza Ancellotta (da qui il nome, e soprattutto il colore). E’ un Lambrusco ruspante e animale, genere Graziano e Angol d’Amig, entrambi nel modenese. E una simile “animalità”, nel cremonese, erroneamente non me l’aspettavo.
L’azienda, dopo aver letto la recensione e aver visto la diretta Facebook #ScanziLive in cui bevevo il loro vino, ha avuto la bontà di inviarmi un campione dei sei vini Schermata 2020-05-18 alle 18.31.11prodotti. Ho accettato, anche se di solito evito: i vini amo comprarli e i regali mi imbarazzano sempre (non solo i vini). Ma ho molto apprezzato la loro gentilezza. Devo ancora provare i due rossi fermi, mentre ho provato tutti i Lambrusco (tre) oltre al Regone bianco (Malvasia in purezza). Quest’ultimo è delizioso, e io non amo mai particolarmente i vitigni aromatici. Devo però dire che la Malvasia rifermentata che si trova nel parmense (Crocizia, Donati) e appunto nel cremonese, mi risulta sempre gradevolissima. Ed è questo il caso.
Del Regone Vin Negar ho già detto: gran Lambrusco. Il Regone in fiore e il Regone Ven Ros sono entrambi Lambrusco a maggioranza Viadanese. Il primo è un rosato, con un 15% di Salamino e un 5% di Fortana. Piacevole, garbato, da aperitivo o tutto pasto. Il Ven Ros ha un 75% di Viadanese, 20% di Salamino e un 5% di Ancellotta. E’ il fratello educato del Ven Negar ed è pienamente riuscito (anche se il negar mi emoziona di più).
Riassumendo. Vini del cuore: negar e Malvasia. Vini da provare: Rosato e Lambrusco “classico”. Concludendo: avevo il sentore che fosse una bell’azienda e ora ne ho conferma. Bravi!

Le Regone Ven Negar – Caleffi

Schermata 2020-04-09 alle 17.37.15Ho appena bevuto un Lambrusco animale & splendido. 60% Ancellotta, 30% Lambrusco Viadanese, 10% Lambrusco Salamino. L’ho scoperto per caso tramite Proposta Vini e ne sono rimasto davvero colpito. Si chiama Vin Negar e l’azienda è Caleffi. Spineda, dunque Cremona. Metodo ancestrale, dunque un rifermentato in bottiglia.
Premessa 1. Ho aperto questo vino con la mia compagna per festeggiare il sorpasso su Facebook del numero di fan della mia pagina rispetto a quella di Matteo Renzi. Dunque questo vino è partito bene a prescindere.
Premessa 2. In questi giorni sto guardando una serie televisiva su Sky, si chiama Yellowstone e il protagonista è Kevin Costner. Ambientata ai giorni nostri nel Montana, è una serie western perché nel Montana sono ancora al Far West (e non è detto che sia un male). Bevendo questo vino, e sentendo le note oltremodo animali e “stallatiche” (genere gli amatissimi Vittorio Graziano e Scaramusc) che piacevolmente ti assaltano, abbiamo definito questo vino “la bottiglia di John Dutton“. John Dutton è appunto il nome di Costner nella serie, che è tutta piena di cavalli, mucche, fieno e stalle. I primi sentori del vino in oggetto.
Ciò detto e ribadito, il Vin Negar di Caleffi è terminato in un attimo. Vino di carattere e splendidamente ruspante, naturale, perfetto per l’uso quotidiano. Di beva prodigiosa, per nulla anonimo, riuscitissimo e persino divertente. Applausi.