Il talento di Ivan Graziani calpestato dalla sua terra

Il chitarrista che chiedeva un occhio di riguardo al suo Dio, e quel riguardo non lo ha avuto, compirebbe tra poco settant’anni. Ivan Graziani è nato a Teramo il 6 ottobre 1945 e se n’è andato troppo presto, il Primo Gennaio 1997 a Novafeltria, il luogo della moglie Anna in cui si era trasferito da tempo. La sua bella città dovrebbe come minimo organizzare una festa di compleanno per uno dei suoi cittadini più illustri, ma la giunta fa poco. Anzi nulla. Gli amanti del cantautore più atipico italiano stanno lamentando – per esempio nel gruppo chiuso “Maledette malelingue” su Facebook – il disinteresse dei politici locali. Non è una novità. Evidentemente una delle cifre di Graziani, il cui talento è stato tanto enorme quanto insolito, è quella di essere stato sottovalutato in vita come in morte. Un anno fa, a dicembre, ha avuto luogo nel Teatro di Teramo – gremitissimo, perché il pubblico c’è sempre stato e sempre ci sarà – la 17esima edizione del Festival Pigro a lui dedicato. NeIvan-Graziani esisteva anche una versione primaverile a Bolognano (Pescara): oggi non esiste né l’una né l’altra. A Teramo, lo scorso dicembre, sfilarono tra gli altri Cristiano De André e Enzo Decaro, Fausto Mesolella e il figlio Filippo, la cui voce è davvero vicina al timbro – pure quello personalissimo – del padre. Fu una festa, in parte rovinata da una conferenza stampa tesa. Il sindaco Maurizio Brucchi (Forza Italia, secondo mandato) e l’assessore alla Cultura Francesca Lucantoni sottolinearono le difficoltà della serata gratuita (pare che il costo fosse 14mila euro ivate, di cui 3mila dal Comune) e presagirono un’edizione a pagamento nel 2015. Di contro, la famiglia Graziani lamentò la perdurante freddezza di Regione e Comune. Di lì a poco, per il concerto di Capodanno, la giunta ebbe la straordinaria pensata di spendere 37800 euro più Iva (sic) per il concerto di Marina Rei. Un flop fragoroso, per via del freddo e non solo. Secondo la Digos c’erano poco più di 250 persone, anche se l’assessore Lucantoni postò su Facebook una foto della piazza piena e scrisse con impeto involontariamente comico: “Nonostante la temperatura, in risposta alla solita blanda e patetica strumentalizzazione politica, ringrazio tutti coloro che hanno lavorato con grande spirito di squadra!”. Subito scoperta e zimbellata dal web (e dalFattoquotidiano.it), la Lucantoni provò a farfugliare che la foto non l’aveva scattata lei e che i soldi erano tutti derivanti da sponsor, anche se secondo il M5S “9mila euro erano stati sborsati da un ente pubblico come il Bim”. Un disastro fragoroso, che si poteva evitare facilmente: bastava invitare Filippo Graziani, che avrebbe garantito molta più gente e che oltretutto sarebbe costato assai meno. A parlar troppo di beghe così infime sorge però il sospetto di fare un torto ulteriore a Ivan Graziani, e sarebbe imperdonabile. Graziani è stato tante cose: chitarrista sontuoso e artista eclettico, pittore FullSizeRendere scultore, nonché disegnatore che a inizio carriera si arrabattava tra esperienze pop di pregio (Anonima Sound) e fumetti quasi-porno per riviste svedesi con tanti “pupazzetti scopatori”. Ora lirico – ma a modo suo – e ora boccaccesco, con un gusto tutto suo per la parola cantata e con un’inclinazione mirabile per i ritratti femminili (Agnese, Cleo, Dada, Angelina, Federica, Marta eccetera), resta
l’unico cantautore in grado di scrivere brani su uomini intenti a leggere sulla tazza del cesso (Io che c’entro) e far poesia con assoli di neanche trenta secondi (Olanda). Ivan Graziani ha toccato vette che ancora troppi faticano a vedere. Nella seconda metà dei Settanta era posseduto da un demone che lo ha portato a partorire dischi – semplicemente – perfetti come “Pigro” (1978) e “Agnese dolce Agnese” (1979), opere che da sole valgono più di mille Roberto Vecchioni. Gli anni Ottanta sono stati per molti cantautori un’ecatombe creativa e pure lui ha sofferto, andando per esempio al Sanremo ’85 con una canzone che giustamente non piaceva neanche a lui (Franca ti amo), ma ad averne oggi di Limiti e di Navi, per non parlare della ispirata risciacquata nel rock di fine decennio (Ivangarage). Quanta follia geniale c’è nella sua Motocross, quanta crudezza di provincia nella sua Fango. E come vola alta quella perla inaudita chiamata Fuoco sulla collina. Difficile passare senza smarrirsi da “Ivette senza tette”, “capelli fermi come il lago” e “parole appese a un gancio come quarti di vitello”: difficilissimo, ma a lui riusciva. Non ci è dato a oggi sapere se la giunta di Teramo tornerà sui suoi passi: sarebbe bello, e sarebbe il minimo. Se ciò non accadrà, sarà solo un altro esempio di ignoranza crassa. Pazienza: vorrà dire che la festa di compleanno la faranno, e faremo, altrove.
(Il Fatto Quotidiano, 16 settembre 2015)

10 Commenti a “Il talento di Ivan Graziani calpestato dalla sua terra”

  • Questo intervento è francamente scritto come si deve, così come tutto il
    il sito (http://www.andreascanzi.it) generalmente.
    Son un assiduo lettore, a presto.

    vai a questo link

  • Clesippo Geganio:

    Questa è l’Italia, la misera e squallida Italia dal nord al sud passando per il centro di inenarrabili miserie culturali, non solo dimenticando illustri cittadini ma splendidi luoghi naturali e capolavori realizzati nel passato da uomini colti e preparati, parchi, giardini, ville, palazzi e centri storici lasciati degradare per l’incuria delle amministrazioni locali o peggio depredate della flora o delle pietre che costituiscono il patrimonio.

    Poi senti il TG… e la politica degli idioti pensa ad una legge-flash da approvare in 7 giorni per evitare che i siti archeologici non vengano chiusi per scioperi improvvisi !!??!! …allora il bicameralismo perfetto esiste!

    La bellezza appartiene a chi la sa riconoscere e tutelare, noi italiani non ne siamo più in grado, meglio se la comprino e godano gli stranieri, oppure la distrugga l’isis, così in virtù del principio “si riconosce il valore di una cosa dopo averla persa” si potrà ricostruire l’Italia e gli italiani, forse.

  • Roberto Maiocco:

    Ho sempre amato Ivan Graziani e ho pianto la sua scomparsa … sono anni che accarezzo il sogno di formare una band che riproponga le sue canzoni e sono anni che mi chiedo perché tutti lo abbiano dimenticato così. Ha scritto parole e musiche di una bellezza ineguagliabile … quando sento o suono (non lo si sente così spesso purtroppo) Lugano Addio mi salgono le lacrime agli occhi! Una volta che ho sentito un duo che in una località turistica ha cantato un paio di sue canzoni sono andato a ringraziarli. Bisogna fare qualcosa per ricordare alle gente chi fosse Ivan Graziani!

  • Conoscendo Ivan, nemmeno in vita si aspettava molto dai politici. Pero’ aveva il suo pubblico, e la gente d’Abruzzo lo amava particolarmente. Ancora oggi, quando voglio vincere facile su di un palco, accenno una sua canzone, e gli applausi arrivano in automatico. Il problema è che quando qualcuno scopre che vivo in questa regione, mi dicono invariabilmente: “Ah si!.. Le pecore ed il senatore Razzi”. Che tristezza.

    • Roberto Maiocco:

      Grande Goran! Ricordo quando cantavi con Ivan e Ron: momenti indimenticabili. Ma hai ragione: pensare che l’Abruzzo venga identificato con Razzi è una cosa che fa tristezza, specialmente pensando che potrebbero associarlo ad un genio (e gran chitarrista — invidia) come Ivan!

    • Alessandro:

      “stanotte ho scritto una canzone, Che come una figlia si mette a giocare, io chiudo gli occhi e la lascio fare…”.
      Io non vi scordo.
      Ale

  • Paolo Romboni:

    Ciao Andrea, ti volevo fare i miei complimenti per le cose che scrivi sul grande Ivan. Anch’io sono un grande fans di questo grandissimo artista e credo che la sua musica sia ancora attualissima, ho due figlie di 27 e 21 anni e più volte ho cercato di trasmetterli la passione per i grandi cantautori italiani, Ivan Graziani non sapevano quasi che esistesse mi prendo sicuramente il merito di averglielo fatto scoprire. Specialmente la più piccola ha avuto un periodo che lo ascoltava sempre e questo mi ha fatto molto piacere. Che dire, non ci rimane che ascoltarlo nelle sue splendide ballate rock, l’unico modo che abbiamo per tenerlo ancora vivo nei nostri cuori.

  • Roberto Romanelli:

    Grande articolo..sono cresciuto a pane e Ivan e amo la sua musica in maniera assoluta..mi piace dire del contributo delle varie tribute band (la mia ivangarage band) che spesso radunano centinaia di fans e avvicinano generazioni di ragazzi che non lo hanno conosciuto, alla sua musica ..Ovunque abbiamo suonato abbiamo trovato riscontri affettivi verso Ivan indescrivibili e commoventi e una genuinita’ difficilmente riscontrabile altrove…purtroppo tutti vogliono Liga e Vasco e suonare non e’ frequente ma poi quando sentono Ivan drizzano le orecchie e capiscono cosa e’ stato Il Chitarrista…w Ivan sempre

  • AlSAl:

    L’acuta giunta pensava bastasse assoldare una il cui cavallo di battaglia si intitola “Primavera” per garantirsi il bel tempo. Ben gli sta. Grazie Ivan. E, dall’Abruzzo, grazie Scanzi.

  • luca burani:

    Ciao Andrea, qualche tempo fa ti sei soffermato a fare i complimenti ad un mio amico musicista che intratteneva i turisti (tra i quali tu) in un residence turistico, ora ti vedo fare l’elogio di uno dei più geniali e eclettici cantautori italiani di sempre, che io adoro. Se un giorno chiederai ai tuoi fans di stilare una classifica di personaggi più sottovalutati di sempre, come è avvenuto per i più sopravvalutati, sono sicuro che Ivan ne esca vincitore assoluto per distacco.
    Complimenti

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento