Archive del 3 agosto 2011

Alenta 2006 – Sarrapochiello

Di Nifo Sarrapochiello ho molta stima. I bianchi di questo giovane produttore campano sono tra i migliori d’Italia.
Ieri sera mi è capitato di ritrovare una sua bottiglia particolare. Alenta, Vendemmia Tardiva di Falanghina, Doc Sannio.
Produzione di 6mila bottiglie, 14 gradi, 14 euro.
Era nascosta in cantina, insieme a tante altre.
Non molti rischiano la vendemmia tardiva – senza resuduo zuccherino – per un vitigno ritenuto facile come la Falanghina. Ci sono molte incognite (ammuffimenti indesiderati etc) e la resa è bassa. Sarrapochiello, che ha sede a Ponte nel beneventano, ama le sfide.
I vigneti, nel comune di San Lupo, hanno 20-25 anni. Bene lo ricorda Alessandro Marra nella recensione del portale Vinix. I terreni sono argilloso-calcarei.
Bel giallo dorato, denso. Profumi speziati ed erbacei, con nuance (?) di liquirizia. Frutta e fiori gialli macerati. Morbido e caldo, con acidità percettibile – che un po’ fatica a camuffare la botta alcolica.
Elegante, felice progressione in bocca, persistenza pregio.
Non direi che è il vino che preferisco di Sarrapochiello, ma solo perché la sua produzione è davvero alta.
Da provare.