Tenuta Migliavacca

Luigi Brezza è stato il primo vigneron biodinamico italiano. I dettami di Rudolf Steiner li ha portati lui, nei Sessanta. In tanti sono stati suoi allievi, anche Stefano Bellotti di Cascina degli Ulivi. Se n’è andato quattordici anni fa, a ereditarne l’arte è stato il figlio Francesco.
L’azienda si chiama Tenuta Migliavacca. Il luogo, poco battuto dai turisti, San Giorgio Monferrato nell’alessandrino.
Non avevo mai bevuto i loro vini. L’ho fatto l’altra sera perché, a Luserna San Giovanni, un appassionato torinese me ne ha fatto dono. Si chiama Paolo Rossi, ringrazio lui e sua moglie.
Le bottiglie erano una Barbera del Monferrato e un Grignolino del Monferrato Casalese. Entrambi 2009. Nove euro il primo, dieci il secondo (prezzi da enoteca onesta). Ottimo rapporto qualità/prezzo.
La Barbera è come deve essere: semplice, verticale. Schietta, direbbero le guide. Buona (non buonissima) bevibilità. A colpirmi maggiormente è stato il Grignolino: tra i migliori che abbia bevuto (un altro è quello di Luigi Spertino). Il Grignolino è uno dei tanti autoctoni rossi “minori” piemontesi. Per forza: quando hai il nebbiolo, tutto il resto pare una diminutio. Questa cosa, a me, fa un po’ rabbia. Tendo a inalberarmi quando non si dà il giusto risalto a Dolcetto, Freisa, Ruchè, Pelaverga. E Grignolino. Un vitigno all’apparenza senza pretese, ma capace di conquistare con discrezione, grazie a tannini nevrili (?) e un che di speziato. Frutto non scontato, alcolicità giusta, bevibilità suprema.
Se il Barbera Migliavacca è un bel vino, il Grignolino di Francesco Brezza è un inno ai piccoli piaceri della vita.

4 Commenti a “Tenuta Migliavacca”

  • Giovanni Corazzol:

    bagnacauda col cardo bianco gobbo di nizza monferrato.
    essendo questo il piatto forte della cena per la festa dei miei incipienti 40anni, il prossimo mercoledì sarò da quelle bande a far la spesa. il grignolino l’avevo considerato come compagno. tac. grazie

  • alberto:

    Bravo Scanzi !

  • Approvo la tua difesa ai meno blasonati Dolcetto, Freisa, Ruchè, Pelaverga e Grignolino.
    Sono quelli che scelgo maggiormente come amici di tavola nei miei innumerevoli pellegrinaggi nei ristoranti.
    Dolcetto forever!!!

  • Grande anche Francesco!
    Una semplicità e uno stile da vero contadino, allevatore e vignaiolo.
    Bravo Andrea! Ti ho scritto una mail, su facebook, spero che tu la possa vedere! A presto, spero

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento