Ehi, 5 Stelle, ci siete?

_ZIF4827.JPGNon so voi, ma è da un po’ che mi chiedo: “Sì, okay, ma concretamente i 5 Stelle che stanno facendo?”. D’accordo, quasi tutta l’informazione gli rema contro. D’accordo, sono gli unici che fanno davvero politica sul territorio (vedi anche la marcia in Puglia contro il Tap). D’accordo, in Parlamento (spesso, quasi sempre) conducono battaglie giuste. E non è poca cosa. Poi però uno pensa a questa cappa opprimente calata dall’alto, con l’obbligo del Pensiero Unico Renziano (laddove “pensiero” è una parola grossa) e si chiede: oh, Grillo, puoi battere un colpo? Puoi far sapere non solo a chi passa 24 ore su 24 in Rete, ma anche al resto degli italiani cosa fanno i 5 Stelle? Di Sel non si ha quasi più traccia. La Lista Tsipras colleziona figuracce che ne basterebbero la metà. L’opposizione coincide con i 5 Stelle. E loro la fanno. Ma non lo sa quasi nessuno. E i risultati, per loro, elettoralmente sono impietosi. Basta leggere Pagnoncelli sul Corriere: il 57% degli intervistati non ritiene che coinvolga realmente i cittadini nelle decisioni, mentre il 54% pensa che faccia molte polemiche senza progetti concreti; oltre un milione di elettori del 2013 ha abbandonato M5S preferendo il Pd alle Europee; un elettore su 4, tra coloro che hanno votato M5S a febbraio 2013, si dichiara deluso; e tre elettori su 4, tra coloro che non li hanno votati, dicono che in Parlamento non fanno nulla (dunque il M5S non ha capacità attrattiva, al massimo consolida il 75% del suo bacino di un anno e mezzo fa).
Due giorni fa ho letto l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto. Cito in particolare: “In Parlamento i 5 Stelle hanno assunto quasi sempre la posizione giusta, anche a costo di sfidare i vertici (vedi reato di clandestinità). E bene fanno ora a respingere il ricatto sul duo Violante-Bruno, offrendo i loro voti a candidati indipendenti per la Consulta. Ciò che manca dimaioperò è un progetto complessivo che risulti credibile e autorevole. Ma anche visibile. E qui non si scappa: le idee camminano sulle gambe degli uomini e questi devono farsi sentire. Affidare la comunicazione al blog di Grillo e alle sue uscite per metà azzeccate e per metà goliardiche, scombiccherate, estemporanee e cacofoniche (tipo quelle su immigrati e Tbc), per giunta alternate dai balletti “tv sì-tv no”, “vado da Vespa-mai più da Vespa”, è un errore madornale. In Parlamento si possono fare cose splendide, ma se poi la gente non le viene a sapere, strillare ai media di regime (sai che novità) non serve. Manca una figura credibile e autorevole che ogni sera enunci ai tg e ai giornali (i talk show visti finora sono i salotti del Nazareno) la posizione della prima e spesso unica forza di opposizione. Un portavoce eletto dagli eletti non snaturerebbe il movimento né lo trasformerebbe in partito. Che sia Di Maio o un altro, poco importa: purché ci sappia fare. Quando Renzi si atteggia a ultima spiaggia, fa ridere: morto un premier se ne fa sempre un altro. Ma, senza un’alternativa seria, l’altro sarà sempre uguale al predecessore. I 5 Stelle ci pensino, nei tre giorni al Circo Massimo. E ci pensi soprattutto Grillo che forse non se n’è accorto, ma è il capo dell’opposizione. Se non vuol farlo lui, lo faccia fare a qualcun altro”. Fatico a dargli torto. Anzi, condivido interamente. “Cittadine” e “cittadini” 5 Stelle, al di là delle meritorie agorà e della lodevolissima battaglia in Parlamento, potreste far sapere al mondo – non solo agli “iniziati” e ai “prescelti” – cosa diavolo state facendo? Così, giusto perché la stragrande maggioranza degli elettori non continui a credere alle bombe mediatiche di Renzi e della sua ghenga.

67 Comments

  1. Sembra tutto casuale , ma in realta’ non lo e’!Il Movimento 5 stelle ha gia’ fatto il suo corso ….volge ad una inevitabile parabola discendente!Il perche’ potrebbe sfuggire ai piu’ ma e’ , a parer mio , molto chiaro!Il Movimento nasce con il preciso obbiettivo , stimolato dagli Usa,di dare stabilita’ politica all’Italia.La presenza di Berlusconi costituiva un elemento fortemente destabilizzante, per cui la nascita del Movimento ed il suo naturale attecchimento pur togliendo dei voti al PD e’ andato a sottrarre a Berlusconi quel 10% che lo ha messo praticamente fuori gioco .Alla fine chi si e’ avvantaggiato di ogni cosa non e’ stato Grillo ma il PD , CHE STA COMUNQUE IMPONENDO IL SUO GIOCO !Ormai per Grillo l’obbiettivo e’ raggiunto ed e’ per questo che lui non cerca di far fare al Movimento il salto di qualkita’ , dandogli i connotati di partito ed una organizzazione interna indispensabile per chi vuole attecchire nel territorio.Ad oggi questo attecchimento e’ inesistente perche’ le sezioni non sono coordinate ma abbandonate a loro stesse .Questa e’ una disorganizzazione voluta e non casuale perche’ ne Grillo ne Casaleggio vogliono davvero che il Movimento cresca !

  2. gli unici che fanno politica sul territorio??
    no bello, ti sbagli di grosso, a fare politica sul territorio c’è solo la sinistra extraparlamentare, le associazioni, i centri sociali,…
    Abito vicino melendugno, il paese dove dovrebbe approdare TAP, e 50 persone che vengono a farsi la passeggiatina con le bandierine – in attesa che arrivi la sera per poter andare a cena con il leader superstar – non si possono chiamare “politica sul territorio”.

  3. saverio pugliese
    saverio pugliese

    non credi che la manifestazione di ottobre al circo Massimo sia un segnale ben preciso per dire che ci siamo?

  4. questo e quello che ci meritiamo ,cosa deve fare il movimento 5 stelle ,per farsi sentire la rivoluzione non e nato per questo la rivoluzione la sta facendo renzi e berlusconi con le cazzate che dicono noi ci meritiamo questo governo di ladri .penso che ancora l’italiano può mangiare pane e olive se manga questo allora questi onorevoli ministri ladri devono stare attenti che non fanno altro che rubare i nostri soldi

  5. La verità e che Grillo avrebbe dovuto lasciare che il Movimento Cinque Stelle diventasse un vero movimento, con regole democratiche chiare, con organismi territoriali eletti, capace così di rapportarsi agli altri movimenti e rispondere alle aspettative dei tanti che ci avevano votato. Grillo non lo ha fatto (anzi, lo ha impedito) perché ha bisogno solo di un pubblico da zittire. Il risultato è che i migliori dal Movimento Cinque Stelle se ne sono andati e sono rimasti solo i “fedeli”. Peggio di una Chiesa.
    http://www.francescosantoianni.it

  6. ho avuto il p.c. rotto per tre mesi (non devo spiegare perchè no? ho guardato solo tele e senza p.c. se i parlamentari non vanno in tele praticamente non esistono (anche se rivoterei M5S comunque ) ciau

  7. E’ l’eterno dilemma e TUTTO origina dalla condizione penosa dell’informazione in Italia.
    “far sapere non solo a chi passa 24 ore su 24 in Rete, ma anche al resto degli italiani cosa fanno i 5 Stelle” si fa presto a dirlo ma come farlo?
    Se le premesse sono che “quasi tutta l’informazione gli rema contro(…) sono gli unici che fanno davvero politica sul territorio (e) in Parlamento (spesso, quasi sempre) conducono battaglie giuste” cosa resta da fare? La possibilità di saperlo, per coloro ai quali interessa VERAMENTE saperlo , già esiste.
    Secondo me il problema vero è che a due terzi almeno degli italiani di tutto questo non gliene frega un … , se l’informazione di regime può quotidianamente ammorbarci con le str..ate di Renzusconi è perché evidentemente il lavoro grosso è già stato fatto in epoche precedenti, e adesso la maggioranza degli italiani VUOLE sentirsi dire queste cose. Ed il sistema dell’informazione sta in piedi perché risponde ai desideri non soltanto del “sistema” quanto soprattutto a quelli di una massa di persone terrorizzate da qualsiasi idea di cambiamento e che per questo vogliono sentirsi rassicurati dal teatrino dell’informazione.

  8. Si è vero sono un pò delusa dell’invisibilità (in tutti i sensi ) del m5s però se dovessi votare domani il mio voto sarebbe nuovamente per loro perchè nonostante tutto sono il meglio della nostra politica

  9. Le ha già risposto qualche attivista, prima di me, quindi, signor Scanzi, ha già materiale per dedurre cosa si stia facendo nel Movimento, ossia, in sintesi, lavorando, ciascuno come puo’, per partecipare alla Cosa Pubblica, ma mi fa piacere lanciarle qualche spunto di riflessione perché so che con lei non vanno sprecati, essendo una persona intelligente. Dunque… Abbiamo capito cosa volete dirci, lei ed il signor Travaglio, quando scrivete che bisogna che il Movimento 5 Stelle, a vostro autorevole parere, debba organizzarsi meglio per essere presente nel mainstream (voi siete consapevoli che le elezioni si vincono quando i politici martellano con le loro facce e str… cavolate, bugie e inutilità varie i Cittadini passivi, ché, diciamocelo, sono la maggioranza degli elettori, sì, capito) ed avete assolutamente ragione, per carità: è così che è, le persone non se ne fregano una fava lessa di partecipare alla Cosa Pubblica, vogliono che qualcuno risolva i problemi del Paese in nome e per conto proprio. Lo sappiamo. Facciamo fatica noi per primi ad essere attivi, non è la versione facile della vita quella di complicarsela con i problemi della collettività in aggiunta a quelli personali e lavorativi e così via. Dovremmo starci ore a confrontarci sui meccanismi che hanno portato le persone a questo stadio di alienazione perdurante, ma non è luogo, questo, allora facciamo che sia dato per vero che questo è il dato reale, con beneficio di dubbio ed inventario. Bene. A furia di incazzarci, nel Movimento, da anni a questa parte (eravamo già incazzati prima della nascita del M5S, come ben sa, il Movimento ha solo fatto da catalizzatore e a Beppe Grillo & Co dobbiamo il grande riconoscimento di averci anche portato a conquistare postazioni all’interno delle Istituzioni di carattere elettivo), abbiamo sviluppato una specie di consapevolezza: incazzarsi non serve a niente. Cosa serve? E, poi, a cosa serve cosa? Eccoci qui. Abbiamo l’impressione, nel Movimento, almeno qui dove bazzico io, ma credo sia idem sentire un po’ ovunque, che il lavoro per uscire da questo fondo fosso in cui siamo precipitati sia lungo, periglioso e che non abbia molte scorciatoie. Il lavoro che abbiamo davanti è quello di cambiare noi stessi, insieme ad altri, sempre di più, ad abituarci al fatto che dobbiamo ricostruire il tessuto sociale di cui siamo stati spogliati. Non gliela faccio più lunga, anche perché è difficile parlare in generale di un Movimento che è a questo livello e modo plurale e sfaccettato, solo le chiedo di tener presente che sarebbe bene che chi volesse davvero informare i Cittadini riguardo cosa stia facendo il M5S oggi scendesse un po’ più a fondo nel tessuto del reale. Noi del M5S non stiamo più attaccati alla TV, sempre meno, comunque, in alcuni casi si è sancito un vero e proprio divorzio per giusta causa. Questo ci porta un po’ lontani, è vero, dagli altri Cittadini, quelli “passivi”, e si rischia di ergere muri di incomprensione reciproca, il che non deve assolutamente accadere, motivo per cui le sto scrivendo cercando di trasmetterle la percezione di una necessità alla quale le persone di buona volontà devono aprirsi ed adeguarsi: non perdiamoci di vista. Siamo qui, signor Scanzi, dentro i Gruppi di Lavoro, nelle riunioni di quartiere, cittadine, regionali, nazionali. Siamo dentro la macchina e stiamo studiando come aggiustarla ed ogni tanto mettiamo mano a qualche riparazione di fortuna, ed altre volte a qualche bel colpaccio assestato a culo, più che altro. Costa fatica fare tutto ciò, ma lo stiamo facendo davvero. Le faccio un esempio, giusto perché capisca: nel Gruppo di Lavoro Cultura/Spettacolo di Regione Lombardia (con il quale collaboro), stiamo facendo uno studio dei dati reali relativi ai Conservatori, alle scuole di musica ed al contesto lavorativo relativo in Regione Lombardia, paragonando i dati, per ora, di tutta Italia. Perché lo stiamo facendo? Perché vogliamo capire quali possano essere delle efficaci strategie fattibili per riparare ai danni fatti da politiche ben precise portate in Lombardia, ma anche nel resto d’Italia, in questo Settore. Non è un progetto semplice e abbiamo altri progetti che stiamo strutturando con lo stesso scopo: studiare e capire per arrivare a circoscrivere problemi ed a proporre soluzioni efficaci (o quanto meno a provarci). Conti che siamo, tutti i partecipanti a questo Gruppo di Lavoro (come tutti i 5 Stelle), persone comuni con tutti i mal di testa normali della vita, quindi si renderà conto che ci stiamo sforzando non poco per inserire l’attività sociale a favore del Bene Pubblico, ma ci vogliamo riuscire, perché sentiamo che è questa l’unica via per rinascere sotto una bella stella. E vogliamo essere contagiosi. Ci aiuti a non perderci di vista. Noi siamo qui: ci vede? No? E se ci avvicinassimo a metà strada? Se noi ci abituassimo ad agitarci di più davanti ad una telecamera e lei venisse a trovarci un po’ più dentro alle cose che facciamo, potrebbe andar meglio? Ma, comunque, signor Scanzi, nessuno perda di vista un fatto oggettivo: agitarsi troppo puo’ essere controproducente, almeno quanto non agitarsi affatto. Virtus in medio stat.

  10. Gli italiani che hanno un QI decente e hanno voglia di seguire la politica sanno cosa fa il M5s e possono essere d’accordo o meno. Gli “altri” possono solo ascoltare le TV di Berlusconi o leggere le fesserie dei pennivendoli vari. In questo ultimo caso bisognerebbe combattere Renzi (Silvio) con le sue armi ma oltre a non avere le munizioni giuste, andrebbe contro la logica del M5s. Se gli italiani vorranno cambiare l’italia dovranno cambiare il loro modo di approcciarsi alla politica, diversamente continuerà tutto così.

    • Eh no caro Fabrizio, non è l’elettore che deve andare dal M5S ma viceversa. Questo errore di supponenza l’hanno già fatto i radicali e guarda come sono messi, senza considerare che molti elettori sono anziani e il pc per loro è solo un soprammobile in più da spolverare. Come li raggiungi questi elettori? In un modo solo, andando in tv e sui giornali, con la presenza fattiva e concreta sul territorio andando anche di porta in porta se necessario, distribuendo nelle caselle di posta informative sull’operato del movimento. Non si faccia l’errore di considerare l’elettore medio italiano un elettore maturo ed informato perchè non lo è. L’elettore medio è farcito di propaganda, guarda i tg bevendosi tutto, per poi passare a guardare Amici o il Grande Fratello, ha un’idea sommaria e polverosa di ciò che accade, sa che son tutti ladri ma non conosce alternative, anche perchè il M5S di errori ne ha commessi parecchi. Poteva davvero essere una forza di cambiamento ma ha perso il treno affidando a due coglioni (Crimi e Lombardi) le trattative difficilissime ed importantissime con Bersani, trattative che avrebbero potuto cambiare davvero il paese, ma la supponenza del M5S non ha fatto cogliere l’occasione ed ora stiamo messi peggio di quando governava Berlusconi. Bisogna partire dagli errori se si vuole migliorare, e gli errori fanno intendere che sarebbe opportuno appoggiare i dissidenti del PD, compreso il Baffetto, perchè questo governo ci sta dando il colpo di grazia.

    • Gentile Fabrizio,
      peccato che il 70% degli italiani hanno un QI sotto la media, evidentemente! Non hanno una tale elasticità mentale per capire cosa sia vero e cosa falso, cosa possa essere concreto e cosa no! Credono (e si potrebbe iniziare un discorso sulla circonvenzione di incapaci o di credulità popolare…) a tutto quello che li viene detto alla TV come se fosse un oracolo. Non ti è mai capitato di sentire, specialmente una persona avanti con gli anni, “l’ho sentito alla televisione”? Che se fosse per tale motivo vero! Purtroppo l’Italia è una nazione di anziani che sta sta diventando vecchia. Di quella generazione che è nata senza “tecnologia”, che è cresciuta con la “prima” televisione e non riesce a pensare che quello che le viene raccontato in TV possa essere falso. E per assurdo dovrebbe essere vero… Allora crede a tutto. Si convince che sia vero! Non si spiegherebbero 20 anni di Berlusconi e ora di Renzusconi! Che Dio lo tenga in grazia ma che ce lo tolga dalle p…e quanto prima possibile.

  11. Caro Scanzi, visto che lei a volte partecipa a questi talk, non può non essersi reso conto di come agiscono! Vedi caso Otto e mezzo: La Gruber con in studio Di Maio che parlava in modo serio e pacato, in collegamento la Moretti con suggeritore al seguito che sferra un attacco del tutto fuori luogo e inaspettato! Parli anche di questo, l’avrà visto fare e non se n’è neanche accorto! Sono marci fino al midollo e non ci sono strumenti per contrastarli, io ho perso le speranze, visto che anche lei ed Travaglio non capite, non c’è proprio speranza.

  12. Caro Scanzi, ma cosa pretendi ancora dai 5 stelle ?
    ma cosa cavolo dovrebbero fare ancora di più i 5 stelle ?
    lo vuoi capire che il problema non sta nei 5 stelle ma nella mentalità degl italiani e di fronte a ciò non si ha speranza ?

    Io fossi nei 5 stelle dopo aver visto il 40 percento degli italiani votare renzi
    avrei mandato affanculo tutti (detto alla grillo 🙂 )
    e mi sarei messo a trafficare ed intascare denari come fanno tutti gli altri politici che tanto agli italiani va bene così….

    Scanzi ma te lo sei mai chiesto chi glielo fa fare ai 5 stelli di essere onesti, di restituire parte dello stipendio , di rinunciare ai milioni di finanziamento pubblico, di proporre in parlamento il programma per cui sono stati votati ecc ecc.. ?
    io si me lo sono chiesto ma francamente non sono riuscito a trovare risposta….

  13. ah ah ah, un “comunicatore” (grande)come te Andrea pensa che il M5S faccia benino però non riesce a “comunicare”, anche se le grandi “comunicazioni” hanno solo la preoccupazione di non “comunicare” neanche per sbaglio qualcosa che faccia pensare al Movimento, non mi sembra una grande “comunicazione”

  14. Perché non inizi tu a fare informazione… caro Andrea…hai tutto il tempo che vuoi per farlo nelle trasmissioni e sul giornale …se non sbaglio questo è il vostro mestiere… i rappresentanti documentano tutto quello che fanno, quindi non è il m5s che non informa ma voi giornalisti, chi più chi meno.

  15. Ma dai, sai perfettamente che la poderosa machina della informazione e’ nelle mani del pd. Che altro si può fare?? E come voler combattere contra l’esercito cinese. Non si può fare di più. Io credo che tutti abbiano provato a parlare con i collegio di lavoro, familiari e via dicendo ma la maggior parte delle persone continua a guardare e sopratutto credere ciò che si dice in tv. Quindi?

  16. Condivido ogni singola sillaba di questo articolo e mi rattrista leggere commenti che giustificano l’atteggiamento di Grillo e i suoi di questo periodo. La comunicazione dei 5 stelle è in mano a degli incapaci e quando qualcuno prova a dirne una giusta (vedi informativa dello staff comunicazione post Europee) viene subito smentito dal capo. Ho capito che i 5 stelle sono destinati al fallimento dopo la frase di Grillo “La tv ci ha danneggiati, non ci andremo più”. Ok perfetto, lasciate tutti gli spazi alla Bonafè e alla Picierno, che senza contradditorio sembrano quasi senzienti. Non vorrei che Grillo veda la tv con gli occhi dell’uomo di spettacolo e cioè che faccia il ragionamento: “non andiamo in tv a regalare ascolti e quindi introiti a rai, mediaset e la7”. Quanti di voi come me, facendo zapping si è soffermato su un talk politico e ha detto “ah, vabbè c’è Scanzi, allora lo guardo. O Travaglio, o Gomez”. Sembra che l’unica forza di opposizione a Renzi sia il Fatto Quotidiano. SVEGLIA M5S! Se nel passato i grandi condottieri non si fossero portati appresso schiere di cronisti e biografi oggi conosceremmo la metà di ciò che è scritto nei libri di scuola.

    • Ho seguito da sempre il m5s dal momento che li ho votati, però nonostante il fatto che lo rifarei , devo dare ragione a Scanzi cosi come hai fatto tu . Noi ci aspettiamo qualcosa di concreto dal movimento , ma non sentiamo altro che attacchi all’ebetino che non trovo cosi positivo per Grillo .Li abbiamo votati e quindi li vogliamo sentire e vedere in tv , ma soprattutto vogliamo da loro delle buone proposte ……e che si sveglino!!!!

    • Ma credi VERAMENTE che esistano persone che credono alla Picierno solo perché non esiste uno del M5S che va in trasmissione?
      Credi VERAMENTE che uno che crede alla Bonafè, possa mai un giorno essere folgorato sulla via di DiMaio?

  17. Ma svegliati Scanzi, non hai ancora capito cosa avrebbe dovuto essere il M5S! Ormai è il partito di G&C ed è morta la sua idea fondatrice… è morente… e ne subiamo tutti le conseguenze.

  18. Solo i ciechi, i sordi e gli ignoranti non si informano bene. Rimangono legati alla tv che regala selfie, gelati, e grazie a condannati.

    L’italiano abbocca.

  19. Dunque…..vediamo…..cosa stiamo facendo…..non posso parlare per gli altri…però parlerò per me. Dopo la batosta elettorale sto lavorando insieme ai miei amici del meetup per riuscire a far arrivare un po’di notizie dal parlamento (visto che i giornalisti/giornalai) hanno altro da fare, quindi volantini, banchetti, e discussioni e litigate varie. Si cerca di informare anche le amministrazioni locali delle possibilità aperte dai nostri ragazzi, una per tutte l’8×1000 per l’edilizia scolastica infatti pare che non ci siano molte richieste….strano…con tutto il tam tam che i giornalai sopra citati fanno!!!! Poi stiamo lavorando per fermare una centrale a biomasse che devasterà il territorio (assemblee, ricerche, esposti, petizioni), poi informiamo i cittadini che il loro comune li sta truffando facendogli pagare ICI E IMU maggiorate da 6 a 10 volte, ops mi dimenticavo…un pozzo di estrazione gas riaperto con tecnica del fraking, siti di stoccaggio gas sotto aree urbanizzate. Poi (io personalmente) lavoro le mie 10 orette al giorno per mantenere i miei 2 figli, pagare il mutuo e la mia settimana di ferie l’ho appena passata a farmi qualche lavoro di muratoria a casa mia (non avendo più soldi per pagarmi i muratori). Però se tu puoi fare meglio….vieni pure nel nostro meetup…..le riunioni sono aperte a tutti!

  20. Buongiorno Scanzi,

    sono un portavoce 5 stelle eletto in un comune di 17mila anime assieme a altri due consiglieri.
    Se mi fornisce una mail le condivido un “GoogleDrive” (sono certo che sa di cosa si tratta) in cui può capacitarsi della mole di attività che i cittadini possono fare all’interno di una amministrazione in soli tre mesi dall’inizio del mandato

    • piu’ che condividere con scanzi dentro google drive fra voi due perche’ non aprite un blog (myblog, wordpress, altervista) e mettete le robe in pubblico che le possiamo leggere tutti?

  21. Ciao Andrea, io lo so quali proposte fa in Parlamento il M5S. E questo mi basta per non approvare quasi nulla del Governo Renzi (illegittimo!!!)
    Renzi può fare tutti gli annunci che vuole, si è già smentito da solo un migliaio di volte. NON E’ CREDIBILE, COERENTE, NON E’ DIVERSO DAI SUOI PREDECESSORI E NON HA IDEE, STRATEGIE SE NON QUELLE DI 50 ANNI FA EFFETTUATE IN ALTRI PAESI. RENZI, IL MONDO E’ ANDATO AVANTI… DILLO AL MATUSALEMME DI BERLUSCONI!!!!

    • ISAIA VITO DI MEO
      ISAIA VITO DI MEO

      “Ciao Andrea, io lo so quali proposte fa in Parlamento il M5S.”. Si ma gli altri 99,999999999999999999999999999999995 degli italiani?

      • Che cavolo di commento è il tuo?????

      • Purtroppo c’è ancora gente che la pensa diversamente dal M5S e non la convinci nemmeno se hai il miglior comunicatore del mondo. Ma secondo me ben venga gente che la pensa in maniera diversa da me ma che mi faccia però riflettere facendomi crescere presentandomi un altro punto di vista!!!!

  22. Un po’ di pazienza, sono impegnati a farsi ricrescere le punte 🙂

  23. Noi ci siamo!!! Perché il M5S non c’è e non si presenta alle prossime elezioni comunali di Reggio Calabria???

  24. Il M5S mi ha cominciato a deludere precisamente a partire dal linciaccio web della Salsi.
    CHi non rispetta le donne è solo un miserabile, e il grillo da miserabile si sta comportando da sue anni a questa parte.

    Non pserate in una sua guida perchè lui guida non è, e nemmeno il suo ventriloquo casaleggio. Sono padroni, vi menano per il naso e il loro scopo è dirottare quel po’ di forze ancora vive nella società civile verso il nulla di fatto.

    Fascistoide, approssimativo, pronto a cacciare il primo che parla fuori dal coro dettato dallo strff, il M5S è persino più dannoso degli attuali partiti. E con questo ho detto tutto.

    Alle prossime elezioni, che difatti il vertice teme come la morte, il M5S arriverà a pezzi e perderà ancora un altra consistrente fetta di voti. Meritatamente. Perchè se i partiti hanno tradito, il M5S lo ha fatto due volte.

    Buona giornata

    • scusate i refusi, ho scritto di fretta

    • Non era una critica sessista ma politica. La Salsi non ha rispettato le regole che c’erano a quei tempi.

    • Pierluigi, lei sta postando delle enormi falsità su Beppe Grillo, Casaleggio e il M5S…solite critiche aride, poco convincenti e prive di ogni riferimento reale. Ma dove ha vissuto nell’ultimo anno e mezzo? Anche lei un disinformato cronico che vede tanta TV nazionale? Beato analfabetismo politico dilagante…ecco il motivo per il quale Renzusconi ha avuto tanti consensi alle passate europee…lei ne è la prova tangibile!

    • Da quanto scrivi, mi rendo conto che il desiderio di veder fallire il progetto del Movimento ti aggrada. E’ una tua speranza che hai unito nella riflessione di considerare anche il comportamento per come te l’hanno descritto i media. E grazie al tuo intervento che rispondo volentieri a Scanzi nell’andare a parlare con gli altri suoi colleghi giornalisti e capire perchè ne parlano male , perchè boicottano le attività del M5S. La colpa e del M5S CARO SCANZI? O DEI TUOI COLLEGHI?

    • Ma che stai dicendo???……occupati delle centinaia di espulsi del tuo partito che hanno osato contestare la linea dettata dal vertice della segreteria….quella la chiami democrazia vero??? ma per piacere!!!

    • il solito troll……vediamo chi voti alle prossime e ti classifichi da solo

    • la serracchiani ha appena detto: sull art 18 ne discutiamo pure, ma poi si vota come dice renzi, senno’, fuori.
      ecco, questa è la vera democrazia.
      ma dai, nascondetevi che è meglio!

  25. Carissimo Andrea,fino a qualche mese fa era anche la mia idea quella scritta da te e Marco,poi ho capito …finalmente il principio fondante del movimento, NOI siamo il movimento, sia i cittadini eletti che noi (ancora non eletti),siamo noi ad avere anche la responsabilità di far sapere cosa stiamo facendo,nella nostra vita quotidiana,al lavoro,in famiglia,tra gli amici ed i conoscenti.NOi abbiamo la responsabilità di far conoscere le idee ed i programmi,cercando di trasmettere il “sogno” di una Italia diversa. A noi non interessa il leader, non aspettiamo l’uomo forte di turno che ci aggiusta la vita,siamo noi ad aver deciso di essere al volante della nostra vita!!!

    • anche io la penso come te.
      ma, mi rendo conto che nel frattempo saremo sempre più trasparenti, evanescenti.
      diventeremo dei fantasmi.
      arriveremo alle elezioni e la risposta dell’elettorata sarà sale sulle ferite.
      al quel punto… saremo fottuti.
      NON ci sto piu’.
      per me ha ragione scanzi e anche travaglio.

    • Sì, ma in concreto, esattamente, cosa state facendo. Guarda, sono contenta di sentire che esiste un passaparola. Non è che per caso ti riferivi alla vecchia trasmissione di Gerry Scotti? Perché in sostanza, nel tuo commento ho percepito il solito politichese, ossia, un benemerito nulla.

    • ecco brava! è questo il concetto fondamentale che non viene capito in Italia. Ci vuole una rivoluzione culturale e purtroppo vedo che la nostra civiltà fa un balzo indietro invece

  26. …Scusate…ammesso e non concesso..Andrea Scanzi e Marco Travaglio in parte potrebbero anche avere ragione…se non fosse che:
    1)- gli Italiani (che sono tanti) che hanno un età compatibile con i nuovi mezzi d’informazione (in realtà neanche più tanto nuovi) devono imparare che non si può avere sempre “la pappa pronta”;
    2)- così come fa “il 75% del suo bacino” consolidato, il resto degli Italiani deve capire che per informarsi non esiste solo la TV e i Giornali, ma che un pò del tempo quotidiano di ognuno di noi deve essere dedicato al informarsi e al “sociale”, non solo al personale (ergo muovere il c–o);
    3)- il M5S e la sua ideologia mira a un cambiamento CULTURALE e non solo politico, e questo richiede tempo…molto tempo… Siamo in guerra, letteralmente, con battagli estenuanti a volte vinte a volte perse, ma abbiamo appena iniziato.

    Mi meraviglio di questi 2 giornalisti, che ritengo intelligenti, ma che evidentemente subiscono in parte del loro retaggio culturale.

    • si, intanto ke gl’italiani imparano a fare quello ke dici tu, gli altri acquistano consensi, il movimento perde appeal e l’italia sarà sempre più in mano ai soliti noti.
      complimenti!

    • Tu non vuoi fare i conti con la pigrizia italiota.

    • Tempo. Molto tempo????????????? E nel frattempo, l’italiano medio, quello che per intenderci non va in rete, e quello che per intenderci, il Grillo ha totalmente snobbato nella sua ultima campagna elettorale, (errore che per altro gli è stato fatale), cosa dovrebbe fare, schiattare????….ah, già, correggo, siamo già oltrepassati.

  27. Ascolta questo consiglio, Beppe, ti prego ascoltalo

  28. concordo in pieno con l’articolo. Non ho votato il M5S ma all’inizio ero molto interessato a seguirne l’azione sperando che avessero le capacità di: 1 – analizzare i problemi 2 – proporre delle soluzioni concrete. Successivamente ho visto invece che hanno cercato di cavalcare tutti i malcontenti anche a costo di contraddirsi, come ha fatto qualche anno fa Di Pietro. inoltre sono stati spiazzati dall’irrompere sulla scena di Renzi che concretamente cerca di cambiare le cose e si muove nella direzione di favorire i giovani. Concordo anche sul fatto che debbano designare un loro rappresentante, Grillo, Di Maio o Di Battista che appaia regolarmente ogni sera sui telegiornali e dica quali sono la posizioni e le proposte del M5S sulle varie problematiche. La prossima manifestazione di ottobre potrebbe essere l’occasione per presentare proposte concrete e fattibili, non quelle fantasiose e impraticabili come il reddito di cittadinanza.

    • Salve Roberto, ma lei l’articolo di Scalzi l’ha letto? Dice esattamente il contrario di ciò che lei afferma. Il Movimento in Parlamento e per le strade e piazze ha espresso proposte concrete, corrette e fattibili (compreso il reddito di cittadinanza). E’ proprio grazie a persone come lei che ingrassa la casta. Si fingono o si ritengono informate quando invece non fanno altro che convincersi e ripetere a pappagallo quanto l’informazione ufficiale diffonde, Renzi la ringrazia e conferma che la sua propaganda di slogan annunci e slide, per quanto palesemente falsa, funziona al suo scopo. Ma non si preoccupi e continui a non occuparsi di politica, la mala politica continuerà ad occuparsi di lei.

  29. Buongiorno, nutro grande stima per Lei e Travaglio, ma vorrei rivolgerle questa domanda? Cos’altro potrebbero fare i 5S che non abbiano già tentato? In che modo possono informare il mondo intero se a parte “il Fatto” nessuno è disposto a dargli spazio?
    Come lei stesso ammette tutti i media sono contro quindi questo non vuol già dire che non potranno mai avere visibilità attraverso quegli strumenti?
    Stanno lottando contro un sistema che fa paura, sono topolini contro un gigante eppure non mollano, cadono e si rialzano più determinati di prima; allora uniamoci ai loro sforzi e non prestiamo il fianco ai giganti. Non c’è bisogno di un leader politico, c’è bisogno di fare uno sforzo comune ed avere cittadini più informati, altrimenti non si ottiene nulla di duraturo e che non possa essere facilmente distrutto.

  30. Con questo voglio dire che si può fare di meglio(non c’è confronto con ciò che stanno facendo coloro delle larghe intese a aggiunti ….adesso anche Lega e S.E.L. sui NOMI( Violante e l’altro)) … sempre w il m5s

  31. Giusto…io sono insoddisfatto anche per ome agiscono con i Marò ed il tav…poco visibili

  32. La penso come te;
    ma, ho notato che la parola 5 stelle non viene pronunciata in nessuna trasmissione e da nessun ospite, le ho contate e passo a 1.

    Grazie ti seguo molto volentieri.

  33. magari per far girare un pò di informazione seria magari potrebbero occuparsene ,che so, i giornalisti ??? rigiro la domanda a scanzi: ehi, scanzi, ci sei? se fai il giornalista allora pensaci tu a pubblicare la verità sull’operato del m5s, e scrivi un articolo magari sui tuoi colleghi che fanno ancora meno di te

    “vabbè hanno tutta la stampa contro” … hai detto niente !!

  34. Andrea Scanzi, grazie per ciò che hai scritto. CONDIVIDO al 100% ogni parola. Ho votato M5S, ma mi stanno deludendo per le motivazioni di cui parli nel tuo articolo. Inoltre TROVO che non ci sia NULLA, PROPRIO NULLA da festeggiare in un momento delirante come questo. I tre giorni di Ottobre avrebbero dovuto essere impostati NON come una “FESTA” con gruppi Rock, popcorn e patatine, ma come UNA VERA MEGAMANIFESTAZIONE DI PIAZZA CONTRO AL “SISTEMA”…..questo è ciò che penso!!
    Buon lavoro, con stima
    Renata

    • Delusi siamo in tanti…ma per quanto mi riguarda non c’è paragone con gli altri(partiti)quello che sta accadendo in questi giorni per l’elezione di Violante e Bruno dalla consulta…noi non abbiamo proposto nome….sbagliando…ma Berlusconi che sta attirando i voti della Lega…e Renzie che fa accordi con il S.E.L. Questo come lo chiamiamo ancora più larghe intese? NOI NON SIAMO MESSI BENE….MA GLI ALTRI DA VOMITO..CHE NE PENSI?

    • Il M5S non ha purtroppo i numeri per poter governare o imporre la propria politica. Di fronte ha i partiti che hanno rovinato il paese governando arricchendo le tasche dei soliti noti e facendo finta di fare opposizione. Oggi questi stessi partiti vanno d’amore e d’accordo e la finta guerra che sino ad oggi si son fatti è venuta fuori con tutta la sua meschinità. Finalmente oggi un opposizione c’è e questo è innegabile. Ed è già un grandissimo risultato, una novità direi. Pretendere dal m5s delle cose che non può fare in forza dei numeri è assurdo, così come è assurdo da parte del m5s intestardirsi nel boicottare il canale televisivo. W il M5S!

    • Sono dello stesso parere di renata morri perciò auguro ai 5S boun lavoro fattivo e costruttivo. Siamo stanchissimi delle infinite balle propinate da generali eletti e non eletti. Siamo stanchissimi di pagare tasse, balzelli, accise, imu, tarsu, tasi, per poi non vedere nulla nei servizi. In bocca al lupo!

    • Giancarlo Di Giovanni
      Giancarlo Di Giovanni

      in realtá i tre giorni di ottobre non sono una festa ma un momento di incontro tra eletti ed elettori e pubblico in genere, con tavoli di lavoro, per fare in particolare il punto sul fatto e sul da farsi… quanto alle feste, guardiamo a quelle dell’Unitá, cosa devono festeggiare nel PD, l’essere riusciti ad ingannare il popolo italiano dopo averlo messo in ginocchio? consideriamole occasioni di incontro e di confronto, che necessitano anche di essere “alleggerite” un pochino…

    • io invece non condivido proprio nulla. Invece di scrivere un articolo per dire “L’opposizione coincide con i 5 Stelle. E loro la fanno. Ma non lo sa quasi nessuno”, perché lui e Travaglio non scrivono un articolo per dire cosa fanno?

    • Ho votato anch’io M5S e non mi sento per nulla delusa se vado a guardare le molteplici PROPOSTE DI LEGGE ,alcune delle quali (e solo alcune) sono sinteticamente riportate .
      1) sospensione acquisto cacciabombardieri F35 ( 07/ 2013 -respinta); 2)abolizione rimborsi elettorali ai partiti (04/2013 non presa in considerazione) 3)sospensione province ed investimenti in edilizia scolastica (05/2013 non presa in considerazione) 4) parlamento pulito;limite di due mandati,incandidabilità dei condannati e voto di preferenza (04/2013 mai presa in considerazione) 5) taglio pensioni d’oro e redistribuzione risorse alle pensioni minime (01/2014 respinta ) 6) eliminazione tassa IMU (05/2013 mai presa in considerazione)-proposta successiva del 20/1/2014 (emendamento Spadoni) per aumentare tassazione gioco d’azzardo ed evitare mini IMU ( respinta) 7) legge sul conflitto d’interessi (05/2013 mai presa in considerazione) 8) reddito di cittadinanza (10/2013 mai presa in considerazione) 9) rilancio della piccola e media impresa ( in totale n.5 proposte tra aprile e luglio 2013 nessuna presa in considerazione) 10) sfiducia ministero Alfano per il caso Shalabayeva e al ministro Cancellieri per il caso Ligresti,respinte entrambe. Per il caso Shalabayeva la Cassazione ha condannato il Governo Italiano ,quindi i contribuenti, al risarcimento del danno provocato da “un abuso di potere”. Va ricordato poi che il M5S ha votato contro la proroga delle missioni militari,contro la ratifica del TAV Torino ,mentre ha votato a favore della mozione Giachetti per l’abolizione del “porcellum ” ed il ritorno al “mattarellum”. Nell’aprile 2013 il M5S ha chiesto all’ufficio di presidenza della camera di dimezzare gli stipendi dei parlamentari e l’eliminazione immediata delle auto blu a disposizione della camera. Nessuna votazione in merito. Il Movimento 5 Stelle ha onorato l’impegno di rinunciare al finanziamento pubblico di oltre 40 milioni di euro,così come ogni parlamentare ha dimezzato il proprio stipendio e ,dopo aver rendicontato le spese ,restituisce il “surplus”. Che cos’altro si vuole per non dichiararsi DELUSI?

Leave a Reply