La ferocia del partito unico e il (nostro) dovere di opporci

berlusconi-clarusonline.it_Deluderò molti, ma del processo Ruby me n’è sempre fregato pochissimo. Certo, conteneva elementi di “non opportunità” e “ricattabilità” evidenti, ma è la vicenda giudiziaria politicamente meno rilevante tra le 13mila o giù di lì che riguardano Berlusconi. E’ un plot perfetto per le articolesse moraleggianti dei soliti tromboni di quasi-sinistra: roba noiosissima, e io detesto annoiarmi. Ognuno ha la sessualità che vuole, le donne coinvolte erano consenzienti e – se mi consentite la battuta – trovo molto più “perverso” sognare di passare tutta la vita con Pascale e Dudù che godersi la vita finché ce n’è. Non mi scandalizza (figurarsi) che Berlusconi ami donne e promiscuità, il blaterare stantio sul femminismo sinistrorso mi sfrangia gli zebedei e ho in merito un parere gioiosamente libertino che collima con quello di Fulvio Abbate e (conclusioni politiche a parte) Vittorio Sgarbi. Casomai trovo scandaloso, nonché deprimente, che il Parlamento italiano abbia votato sul serio Ruby “nipote di Mubarak”: questo sì che mi fa schifo. E trovo parimenti scandaloso che le frequentazioni sessuali siano forse state usate (come sosteneva Veronica Lario) come selezione della “nuova” classe politica, ma sono solo rumours che peraltro non riguardano unicamente il centrodestra (ooops). La mia valutazione del Berlusconi politico è profondamente negativa per quello che ha fatto e non fatto; per i rapporti con l’eroe Mangano e per la condanna definitiva per frode fiscale; per la presunta compravendita dei senatori e per il lodo Mondadori; per le prescrizioni e gli indulti. Eccetera.
Non è l’assoluzione il punto: è il contorno – le reazioni e le esultanze – che trovo emblematico dello sfacelo italiano. L’assoluzione in appello viene ora narrata come una sorta di lavacro del berlusconismo. Quasi a dire: “Visto? E’ innocente e dunque le riforme vanno avanti”. Come se l’assoluzione di ieri cancellasse le condanne, i processi in corso e quelli mozzati da infinite leggi ad personam. Come se di colpo Berlusconi fosse divenuto San Francesco. In Italia è tutto capovolto e a testimoniare questo smisurato rincoglionimento generale – e spesso interessato – non è solo Forza Italia ma anche e per certi versi soprattutto il Partito Democratico. Lasciate stare le Boschi, gli Speranza e le Bonafè, infierire sarebbe troppo facile. Prendete Debora Serracchiani, quella che alle Europee del 2009 fu tratteggiata dagli house organ piddini come il futuro della sinistra e la Schermata 07-2456858 alle 12.20.37Obama italiana (wow). Quella che era renziana, poi civatiana, poi renziana. E poi niente. Quella che, ultimamente, ricorda un po’ il personaggio di Laura Betti in Tutta colpa del paradiso, senza però la bravura definitiva di Laura Betti. Lo stesso livore, la stessa cattiveria, la stessa ferocia. Ieri, con un’eccitazione politica mal dissimulata, munita di consueta frangetta da balcone di casa popolare e ballerine allegramente vedovili, ha sentenziato: “Berlusconi è sempre il benvenuto, ci dà più garanzie del Movimento 5 Stelle“. Il Pd sta provando in ogni modo a dimostrare che Grillo e Casaleggio hanno sconfessato Di Maio e rovesciato il tavolo, quello dell’altro giorno, quello in cui Renzi si è fatto notare per un bullismo direttamente proporzionale all’adipe. Peccato che i 5 Stelle, che certo si sono mossi tardi (grave errore che rimane e rimarrà) ma comunque si sono mossi, adesso siano lì e pongano risoluzioni concrete: no alle pluricandidature, no all’immunità, sì al doppio turno (che pure detestano), sì alle preferenze. Il Pd sa che ora non ha più l’alibi del “non potevamo fare altro che andare da Silvio” e allora, pur di proteggere il filotto di riforme “democraticamente autoritarie”, inventa una rottura immaginaria con i 5 Stelle. Celebrando al tempo stesso San Berlusconi, tornato di colpo forte e potente, che – furbo com’è – non vede l’ora di ingoiare in un colpo solo gli alfaniani e di mettere al più presto in difficoltà il suo figlioccio Matteo.
E’ uno di quei momenti in cui, all’orizzonte, non si scorgono vie di fuga. Uno di quei momenti che l’Italia conosce bene. Comunque ti muovi, qualcuno ti ammazza la speranza. Comunque ti giri, vedi pressoché ovunque un livello minimo di morale e coscienza. Verrebbe quasi voglia di mollare tutto. Di lasciargli campo aperto. Di rinunciare al sano indignarsi, al resistere, al libero pensare. Verrebbe quasi voglia. Appunto: quasi. Col cavolo che gli lasciamo, e lasceremo, la strada spianata.

58 Comments

  1. …la tanto abusata “superioritá intellettuale/morale della sinistra radical chic e lobbista italiana… Se solo ricordassero i versi di un nume tutelare del loro pantheon, che dicevano:”anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”…

  2. Andrea Scanzi sei un grande , rarissimo esemplare di giornalista italiano. Hai tutta la mia infinita stima. Grazie di esistere.

  3. Ma siete sicuri che la via corretta sia questa pseudo democrazia pseudo_umorale campagna elettorale dipendente
    So che la risposta sarà ………
    Però una piccola annotazione i votanti sono sempre meno è una buona percentuale di quelli che votano hanno interessi concreti che tutto segua uguale

  4. Condivido la tua analisi ed in particolar modo le vere motivazioni dell’incontro M5S PD, incontro fatto esclusivamente per fuorviare i cittadini circa le intenzioni del Movimento. A parte l’errore che fece Grillo,del quale se n’è parlato abbondantemente, quando si “rovesciò il tavolo”, come dici tu, personalmente credo che un atteggiamento analogo, con le stesse finalità, lo ebbe Bersani all’indomani delle elezioni politiche che fece “apparire” agli italiani la mancanza di assunzione di responsabilità del M5S davanti alla crisi del Paese e che costò parecchio consenso nelle amministrative e nelle europee.
    Ora, che il “Bluff” si è rivelato più evidente per diverse prese di posizione del PD, non ultimo il rifiuto delle dichiarate disponibilità del M5S con un programma simile, sono curioso di vedere che piega prenderanno le tanto annunciate riforme.

  5. Ecco, adesso i coglionazzi hanno un Santo in più da venerare:
    San Silviotto da Arcore, vittima innocente di accanite persecuzioni giudiziarie….

  6. Purtroppo al governo abbiamo delle donne che chiaramente con il loro modo di vestire, comportarsi e parlare non hanno spessore e per arrivare si sono appoggiate alle loro capacità fisiche. Quindi è inutile spendere soldi pubblici per realizzare un processo senza fondamenta. Il fatto grave, anzi gravissimo è che basta avere una tessera PD per essere assolto completamente. Pensavo che fosse solo una caratteristica della regione di Speranza (quello che parla come un registratore) e i lucani che non si sono arresi sono rimasti pochi. Infatti, questa gente viene sempre eletta .

  7. Quello che ho pensato e penso detto con estrema lucida semplicità. L’unica MIA incertezza è il quasi.

  8. complimenti ,bell’articolo ,verrebbe la voglia si hai ragione perfettamente ragione ,ma altro non si può fare che vomitare ,dal mal di stomaco ,e a niente vale il Malox o il Gaviscon

  9. condivido solo una piccola parte del suo scritto, in particolare ” Col cavolo che gli lasciamo, e lasceremo, la strada spianata.”
    Sono un elettore di 68 anni e che non ha mai votato, e mai voterà la sinistra becera Italiana, dalla scomparsa della DC quindi ho votato a destra. solo alle ultime elezioni europee ho votato 5 stelle. Purtroppo, a mio avviso ovviamente, la gente non ha capito che il voto ai 5 stelle doveva essere un urlo forte e chiaro per dire ” siamo stanchi di questa politica sia a destra che a sinistra. Questo tanto per classificarmi. Per quanto riguarda il processo Ruby, il suo può essere un punto divista, un altro potrebbe essere che in precedenza ci sia stato un accanimento della magistratura basato su ideologie politiche. Per chiudere il cerchio credo che dovremmo accettare le sentenze, sia la prima di colpevolezza che la seconda di innocenza senza ulteriori commenti. vorrei chiudere con una frase un po’ forte per dire come sono deluso oggi dalla politica e dalla magistratura ” la francia si liberò dagli oppressori ” la nobiltà” nel 1789; oggi questi metodi non sono più percorribili, chi ci libererà dai nostri politici e dalla magistratura?

  10. Abbiamo i politici che ci meritiamo…naturalmente…
    la nostra bella italietta molto conservatrice e, dispiace dirlo,molto arretrata…
    voglio sperare che prima o poi qualcosa cambi…soprattutto la nostra coscenza politica, civica e morale..

  11. Caro Andrea Scanzi, seguo sempre i tuoi articoli sia su “Il Fatto Quotidiano” cartaceo, che quello online, e non trovo mai nulla di quanto affermi e scrivi, sul quale io non sia d’accordo. Per la verità, tutti i giornalisti del “Fatto” meritano ammirazione, perchè tutti schierati a difesa del Diritto e della Costituzione. Ci siete rimasti solo voi, quale riferimento per resistere e portare avanti le idee democratiche contro coloro i quali vogliono abbattere gli Articoli più sensibili della nostra bella Costituzione. Grazie per il vostro coraggio! Luciano.

  12. Ciao andrea, non so bene ilmotivo, ma non posso più commentare i tuoi post e non so neanche se sto scrivendo sulla pagina giusta. Mi dispiace molto perché non so il motivo. Se ti ho offeso mi dispiace, ma non so neanche dove possa averlo fatto. Mi piaceva commentare i tuoi post, anche perché mi sentivo a casa. Sono anti renziano….non é una colpa.

  13. Da tempo,da molto tempo ormai,l’orizzonte culturale della nostra povera Italia è a mala pena percepibile,come alla fine di un crepuscolo.Sicché,citando Karl Kraus,”quando il sole della cultura è basso,anche i nani hanno ombre lunghe”.La Politica,con i suoi attori tutti,e il Modus Vivendi di gran parte della Società Civile (specie la cosiddetta “crême”),ne è il triste riflesso.Si potrebbe auspicare,citando il grande Edoardo De Filippo,che “ha da passà ‘a nottate”.
    ……Ma ogni Spirito Libero e di Buon Intelletto ,rimasto,dovrebbe scendere in campo e accelerare questo “trapasso”.Ogni cautela deve essere evitata.

  14. TI CHIEDO PERDONO SE TI HO OFFESO… E SE HO OFFESO LA DECENZA… A QUANDO LO SPETTACOLO SU GABER A CARPI IN PROVINCIA DI MODENA? MAGARI AL TEATRO SAN ROCCO, APPENA RICOSTRUITO DOPO IL TERREMOTO ED E’ A DUE PASSI DA CASA. BUONA SERATA A PARMA…

  15. Concordo pienamente con la prima parte, ma arrivando al M5S ragguaglio una perdita di oggettivita’. Mettendosi nei panni del PD (inevitabile se si vuole analizzarne le strategie) e’ ovvio che il peso dato ad un ‘partito’ padronale e ancora legato a lobby potenti come Forza Italia, non puo’ essere uguale a quello del M5S che cambia direzione mosso dalle pance di N-mila votanti del blog. Un movimento inoltre, che, per tutti i motivi che gia’ sappiamo, avrebbe tutto l’interesse a mettere in cattiva luce il PD e le riforme rallentandone il processo.
    Occorre di piu’, molto di piu’, dal M5S per pesare quanto Berlusconi al tavolo delle riforme.

  16. Non si può assolutamente lasciare campo libero siamo veramente tanti gli indignati, gli arrabbiati, quelli che pensano che RENZI insieme a tutti i buffoni -e che lo circondano stia rovinando totalmente l’Italia e questo lo sta facendo insieme al condannato ……..BASTAAAAAAA!!!!!!!!!! Facciamo petizioni!!!!!!! Insieme al FQ al suo Direttore agli ottimi giornalisti alla tv LA7 a Chicco MENTANA ecc….Bello quello che hai scritto Andrea e come sempre hai colto nel segno!!!!!!! sto guardando in onda e c’è MariaTeresa Meli potrebbe andare con la Serracchiani presuntuose antipatiche e stessa cattiveria!!!!!!!!!!

  17. Oggi Raffaele Cantone, nuovo commissario anticorruzione, ha detto: mi preoccupa chi rispetta le sentenze solo quando sono favorevoli.
    E’ un commento dilaniante, che sa di “sconfitta” della giustizia. Mi viene in mente la battuta di Sordi nel Marchese del grillo. Io so io e……

  18. Caro Scanzi a volte ti adoro a volte mi stai un po fastidioso.. Mi rincuora leggere che non mollerai perchè anche io non lo farò da quando ho aperto gli occhi ed ho capito che la sinistra (che non esiste) è uguale alla destra mi sono presa un impegno con me stessa, perchè penso che l’Italia sarebbe un bel posto dove vivere e non voglio che mia figlia scappi perchè ormai qua non c’è più futuro. Io questo Futuro lo voglio cambiare!

  19. cosa possiamo farci noi cittadini comuni? Abbiamo votato una parte politica e ora ce la troviamo alleata con il “nemico”…… sinistra italiana diretta da un democristiano doc….
    c’est la vie!

  20. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO…
    Quale popolo?
    Cosa abbiamo deciso noi?
    La costituzione cita che il popolo è Sovrano ma è maledettamente calpestata e strumentalizzata per i loro scopi…
    Dobbiamo riprendere la NOSTRA SOVRANITA’…questo si…

  21. Solita analisi lucida, non scontata, puntuale. Una persona con un minimo di intelligenze ed obiettività non può non condividere e, quindi, indignarsi. Ma siamo un paese che dorme, che preferisce vivacchiare finché ce n’è… Ma quanto ce ne sarà ancora? La speranza sta tutta in quel “quasi”….

  22. Congratulazioni per le tue analisi sempre correte e coerenti, nel mio tentativo di restare coerente, leggo tutte le informazioni da più parti e sempre devo riconoscere che il mio punto di riferimento sei sempre tu, Travaglio, Gomez e tutto lo staff del Fatto, dissentendo raramente ma quaclche volta dissentendo fortunatamente ad evitare il pensiero unico.
    Ho già commentato alle supercazzole della Serracchiani e di tutta la dirigenza PD, capisco l’esultanza dei berlusconiani e qui torno a ripetere che non capisco come abbiano fatto gli elettori del PD a dare fiducia ad una linea politica che sempre più porta al disastro dell’uomo solo al commando, che temo alla fine non sarà Renzi, la tendenza era Chiara, il successo è stato raggiunto per le europee, che secondo me non legittimano Renzi, ma con le proposte indecenti che sta facendo, I suoi elettori, continueranno a dargli il voto???

  23. dopo la magica assoluzione in appello del pregiudicato berlusconi sarà più facile a tutti capire cosa rappresenti quel famoso “patto del nazareno”… quando una persona ha gli scheletri nell’armadio diventa una persona ricattabile specialmente se ha molto da perdere. berlusconi che si è sempre circondato di persone ricattabili questa volta è caduto come un fessacchiotto nel suo stesso gioco di potere, quello di ricattare e corrompere. come può una persona di tal fatta appoggiare qualunque porcata di riforma costituzionale che il governo propone stando sotto ricatto e solo per salvare la sua capoccia!? lui stesso ricatta i suoi di votare a favore delle riforme costituzionali del governo pena l’espulsione da forza italia o peggio ancora (come accaduto a fini o altri) il massacro mediatico a mezzo dei suoi mezzii di informazione. ecco perchè hanno tanto a cuore l’italicum che con le sue pur piccole liste ma sempre bloccate diventa una sorta di doppio guadagno per i capi partito. la prima è quella di far versare (ed è già stato ammesso da verdini in una intervista) una lauta somma di danaro al partito o al capo partito (o a chi ne fà le veci) al candidato che vuole essere inserito in lista, la seconda e più grave è quella di scegliersi i candidati nel mazzo delle persone corruttibili e ricattabili (proprio come avviene nelle più segrete sette e nella mafia dove chi entra non può più uscire pena la morte mediatica o fisica). ora si capisce anche perchè (da molti anni proposte) non si è mai avuta la volontà di fare delle serie leggi anticorruzione e per il conflitto di interessi da parte di quasi tutte le forze politiche. ora è chiaro anche perchè renzi ha temporeggiato con la delegazione del M5S sulla discussione legge elettorale proposta dai cittadini e sulle riforme costituzionali che prevedono guarda caso l’immunità per il nuovo senato delle autonomie(che significa l’autonomia di farsi i cavoli propri); si aspettava la sentenza di assoluzione del condannato promessa al nazareno. la cosa che più mi preoccupa care amiche ed amici è la riforma del titolo V che verrà fatta solo per depredare ricchezze e risorse alle regioni (tra cui la nostra cara puglia) privatizzando e svendendo tutto il possibile pur di fare cassa da parte del governo centrale dello stato. ora io mi chiedo perchè il Signore si porta sempre via i più buoni e lascia a noi questa cacca maleodorante di gentaglia!? forse perchè questa gentaglia fà schifo pure a Dio!?

  24. Io mi chiedo come milioni di italiani non riescano a capire un concetto così semplice chiaro lineare. Anche i militanti più appassionati de PD devono capire che con una deriva così autoritaria delle nostre istituzioni, in questo momento storico, certo potrebbero governare loro (e con la fame e l’insipiensa di questa classe dirigente non so se è buona cosa…ma il tifo va oltre il raziocinio)ma la ruota gira…..e magari ci potrebbero toccare 50 anni di un Berlusconi 2 ( il signore ci scampi e liberi da questa nefasta possibilità ).

  25. Quindi silvio e’ innocente….ora allora devono pagare tutti quelli che lo hanno smerdato e non perke e’ berlusca solo xke avete smerdato un uomo e una nazione chiudete le finestre articolisti e redattori….fate schifo

  26. Ciao Andrea, leggendo questo splendido articolo ho ripensato a Gilles Deleuze, quando sottolineava come non fosse più il caso di avere paura, né di sperare, ma bisognasse semplicemente trovare nuove armi. Da bravo Giornalista tu le possiedi e le puoi utilizzare, continuando a fornire un’informazione libera e oggettiva.

  27. Ciao Andrea e scusa se ti tratto in modo così.Non è per prendermi “confidenza” o altro.Voglio solo esprimere la mia convinzione e la fiducia che ho in questa cosa che è nostra,di tutti noi del M5S.Anch’io non mollo mai.Inoltre odio perdere-da ex sportivo ogni tanto capitava…!Coraggio,rimbocchiamoci le maniche e,meditando sugli errori commessi,diamoci da fare,tutti.Se,oltre che tessere contatti a 5 stelle,parlare coi vicini,amici e-pochi…io ho 2 serpi in seno ma tanto non ci vediamo da 7 – 8 anni-parentiOra è Sabato.Lunedì mattino alle 7 vorrei sapere come andare avanti.Parli Di Maio,o Grillo,o Casaleggio…oppure tu,che ci tieni tanto quanto me(non per niente siamo “intorno ai quaranta”)ed obiettivamente,potendo solo parlare di me dico che sono il primo ad aver fatto nulla anni prima.Ora ,cioè dal primo V-Day mi impegno,e con persone meravigliose.Tu…sei in gamba(detto da me è un elogio,sono molto critico e pignolo pur non avendo seguìto studi classici o comunque a livello universitario).Coraggio,da Lunedì vorrei avere suggerimenti per poter fare un “di più”.Grazie e dai che uniti li manderemo a casa.tutti!Ciao e BUON WEEK-END A TUTTI!

  28. siete l’unico giornale libero che attualmente esiste in italia .se mollate voi è la fine .grazie a voi ancora riusciamo a far ragionare qualcuno ancora disposto a cambiare opinione grazie

  29. “….è il contorno – le reazioni e le esultanze – che trovo emblematico dello sfacelo italiano”: condivido in toto questa frase. Immagine di un’Italia border line un po’ tontolotta che gode o si rode in base ai giornali che legge. Siamo nel tempo della politica pro-privilegi pro-casta; nel tempo della verità menzognera e della menzogna veritiera; nel tempo dove l’evasione fiscale, la corruzione e la concussione sono virtù politiche dei furbetti “magnaccia” della politica stessa. Politica che viaggia tre metri sopra la Società, inarrivabile, intangibile, inadeguata, scorretta, venduta. La credibilità di questo Stato è al limite come al limite sono le nostre difficoltà quotidiane. Siamo un popolo che cammina nel buio del Futuro. Solo ad Hardcore continua a splendere la luce: ed è una luce tutta rossa, come si addice a certi ambienti.

  30. Sento tanta gente che ha votato Renzi che ora si indigna, si stupisce, si dice delusa per la sentenza…io non riesco neanche a replicare, la voglia di mollare sta prendendo il sopravvento!

  31. Caro Scanzi, ti seguo molto e rispetto il tuo lavoro come quello di pochissimi altri…..Commentare questo ultimo evento non si puo’ senza sfociare nella manifesta delusione o magari una rabbia malcelata.

    Mi limitero’ a dire che il popolo italiano è rimasto molto indietro ed è per questo che il nostro paese sta regredendo….Un processo inesorabile che si è innescato con napolitano ed i suoi tre premier che insieme rappresentano il vecchiume che non se ne vuole andare e come un virus cerca di mutare e resiste anche ad i piu aggressivi antiparassitari….

    Bisogna andarsene o rimanere per lottare, ma visto che gia in troppi se ne sono andati la scelta è quasi obbligata!!

  32. “…VERREBBE QUASI VOGLIA. APPUNTO: QUASI. COL CAVOLO CHE GLI LASCIAMO, E LASCEREMO, LA STRADA SPIANATA”. ECCELLENTE COME SEMPRE SCANZI, UNA CONCLUSIONE MIGLIORE AL SUO EDITORIALE NON AVREBBE POTUTO SCRIVERLA. BUON LAVORO.

  33. Tutto quello che sta accadendo in questo Paese è molto inqhietante, anche perché si legge chiaro il disegno che c’è dietro.Hanno lavorato per 20 anni per attuare il programma della P2 e sembra proprio che ci siano riusciti approfittando del disinteresse degli italiani e del l’abbassamento del livello culturale e della smemoratezza.Habbiamo la classe politica eticamente e culturalmente peggiore che abbiamo mai avuto.Ora chi ci salverà?Non vedo segni di ribellione da nessuna parte.Italiani ormai apatici presi solo dal quotidiano.Condvido tutto ciò che hai scritto!

  34. OK Andrea, come ci organizziamo per una mobilitazione attiva? ( mi sembra di essere tornato a quando avevo vent’anni )

  35. Mi dispiace Andrea, io ho mollato il 25 maggio.
    L’Italia è un deserto senza speranza. Ci rimane il silenzio dei vinti, dei disperati, degli sfigati.
    L’Italia è un condominio di piattume, di clan, di vizi e stravizi, di amici degli amici.
    Se non sei del giro, hai solo perso.
    Non rimane che il silenzio, in attesa del coraggio di andare via, in posti dove la concorrenza è forte, il lavoro è duro, ma dove c’è un po’ di giustizia.
    Ciao Andrea, stavolta a Castel Di Lama per impegni musicali non sono potuto esserci, peccato.

  36. Il fatto che il PD abbia il 40% nonostante l’imbarazzante incompetenza e bambinesca giocosità stile “Ce l’ho più lungo” dimostrata negli streaming con i 5S,la dice lunga sul QI della classe media italiana.Fantastico!

  37. Assolutamente d’accordo (come spesso accade) e pur nauseati e stanchi, credo sia necessario continuare ad opporsi a questa presa per i fondelli e sperare che forse piano piano anche altri si accorgano di ciò che realmente accade… Spero solo che i giornalisti non tifosi di una squadra piuttosto che dell’altra (anche se oggi vanno a braccetto sconfessando tutte le frasi storiche dette nel passato), aumentino… ma sarà difficile, in un paese dove, colpa anche la crisi si sono terribilmente accentuati opportunismo e personalismo…

  38. Sono sempre più convinto che gli elettori del PD non siano antiberlusconiani. In Italia si preferisce il politico disonesto ma conciliante e pacato piuttosto che quello con un linguaggio diretto e “maleducato” ma onesto (anche se ora Grillo pare essersi defilato a favore di Di Maio, secondo me più efficace di Di Battista). Più in sintesi, in Italia si privilegia la forma al contenuto.

Leave a Reply