Articoli marcati con tag ‘Trebbiano Abruzzo Valentini’

Trebbiano d’Abruzzo 2005 – Valentini

Qualche giorno fa ho raggiunto un traguardo lavorativo storico. Avevo bisogno, e voglia, di festeggiare.
Sono andato alla Taverna Pane e Vino di Cortona, da Arnaldo, con Perfect39.
Ho scelto un Trebbiano d’Abruzzo di Valentini. Arnaldo mi ha consigliato l’annata 2005. Costo al ristorante 47 euro.
All’azienda Valentini ho dedicato uno dei capitoli che preferisco de Il vino degli altri. Quelle pagine, frutto di una lunga intervista a Francesco Valentini (figlio di Edoardo, il fondatore dell’azienda), generarono polemiche. Mi ferirono, perché non le meritavo e non me le aspettavo – non da quel capitolo, quantomeno.
Inizialmente Francesco e sua moglie se la presero (senza motivo) e qualche ameno trombone pingue dell’enogastronomia cavalcò simpaticamente la querelle. Nulla avevo da nascondere – anzi quelle pagine mi piacciono ancora molto per tono lirico – e, infatti, quando rividi i coniugi Valentini a Pescara per ritirare il premio Abruzzo 2010, ci abbracciammo.
Adoro, dei loro vini, in particolare il bianco e il Cerasuolo.
Il Trebbiano d’Abruzzo di Valentini è uno dei bianchi migliori d’Italia. Un mito, amato e discusso (in particolare per un presunto esubero di solforosa), che non bevevo da tempo.
L’annata 2005 spiccava per sapidità e freschezza. La mineralità era netta. Naso (e aromi retrolfattivi) ricchissimi: in particolare mi hanno colpito i sentori iodati, ematici, di sottobosco (tartufo anzitutto) e quella sensazione di “omogeneizzato” che spesso esce fuori nelle recensioni dei Trebbiano di Valentini.
Applausi.
Un vino ricco, complesso, persistente. Grande bevibilità, con una personalità spiccata. Molto emozionante.