Articoli marcati con tag ‘Pas Dosè Fongaro’

Pas Dosè 2009 – Fongaro

Ero molto curioso di fronte a questo Pas Dosè Fongaro. Ne ho sentito, e letto, molto bene.
Qualcuno, mi pare il solito Michele Malavasi, lo ha citato anche qui. E la guida Slow Wine, in particolare, ne parla bene.
E’ il Pas Dosè 2009 dell’azienda Fongaro. Sorge in una zona non esattamente famosa per la spumantizzazione, eppure è un Metodo Classico.
Uva principale, in purezza o con Chardonnay: la Durella. Un autoctono che ai corsi Ais, assieme all’Asprinio, ti prendono a emblema di vitigno acidissimo. Solitamente, non a caso, si usa come aggiunta (magari non dichiarata) agli Champagne, per dare freschezza a spumanti altrimenti marmellatosi. L’idea di usarla in purezza, prima di Fongaro, era quasi impensabile.
Invece questa azienda, che ha sede a Roncà nel veronese, ci ha creduto. E ha fatto bene. Dal 1985 è biologica ed è ormai punto di riferimento per i Monti Lessini. Suoli vulcanici, Metodo Classico di spiccata acidità (non potrebbe essere altrimenti) ma buon equilibrio.
La produzione va dai base, sui 10-13 euro, alle Cuvèe più ambiziose sui 25-30.
Io ho bevuto un Pas Dosè 2009 (10mila bottiglie prodotte) che non mi ha deluso. Non posso dirvi che ha l’eleganza degli Champagne, o la femminilità dei migliori Franciacorta o Trento, ma ho avvertito con precisione il vitigno, il terroir, il rispetto della natura.
Non è il Metodo Classico della vita, e non potrebbe esserlo considerato il vitigno principale.
Se però l’obiettivo era rivalutare un cultivar bistrattato, esaltandone le caratteristiche spigolose ma affascinanti, Fongaro c’è riuscito.
Il rapporto qualità/prezzo è meritorio (in enoteca dovrebbe andare sui 15 euro), la bevibilità è qui cifra distintiva. Meglio in abbinamento che da solo (non lo consiglio come aperitivo, proprio per l’acidità netta, ma durante una cena un po’ grassa sì).
Lo ricercherò ancora. E grazie per la dritta.

P.S. Domattina, dalle 7.40 alle 8, sarò a Buongiorno Cielo da Paola Saluzzi. Parlerò anche di vino, facendo un piccolo viaggio enologico italiano. Un vino del Nord, uno del Centro, uno del Sud.