Articoli marcati con tag ‘Falanghina Nifo Sarrapochiello’

Falanghina- Nifo Sarrapochiello

Questo è uno dei vini più saturi di carattere e personalità che abbia mai bevuto. E non è neanche il prodotto di punta dell’azienda.
Lorenzo Nifo, che non conosco personalmente, è stato collaboratore di Luigi Moio alla Cantina del Taburno. Da anni coltiva, in regime rigorosamente biologico certificato, dodici ettari di vigneto sulle pendici del monte Pèntime, nel beneventano.
Il suo capolavoro riconosciuto è l’Aglianico del Taburno D’Erasmo Riserva, premiato dalla Guida Espresso come miglior rosso campano. Un vino incredibile a 14-17 euro. 4mila bottiglie – dicono – d’incanto. Lo proverò presto e vi dirò.
Ieri sera, per la prima cena nella casa nuova, ho aperto una Falanghina Taburno 2009 Nifo Sarrapochiello. Un vino giovanissimo, che non avrei scoperto (non subito, almeno) da Mauro Piantedosi. E’ un gioiello incredibile. Un capolavoro a otto euro.
Giallo intenso, quasi dorato. Al naso ti colpisce con una frutta inizialmente tropicale – mango -, poi tutta l’eleganza dei fiori gialli. Una mineralità prodigiosa. Un che di balsamico.
Al gusto non c’è nulla che non vada. Oltremodo sapido, praticamente salato. Mineralità esplosiva, come all’esame olfattivo. Fresco ma non volgarmente acido, morbidezza sottile e giusta. Equilibrato ma non bagascia, persistente che non ci credi. Ancora sapido (e sassoso) per retrolfazione. Fine, elegante.
Provatelo subito.