Articoli marcati con tag ‘Faccoli Franciacorta’

Faccoli – Franciacorta

Era da un po’ che non visitavo una cantina. Mercoledì scorso, tornando da VeDrò, l’ho fatto. Dirigendomi verso la Franciacorta meno nota, ma probabilmente più stimolante.
Ho scoperto i vini di Faccoli alla Tana degli Orsi di Pratovecchio. Me ne sono innamorato subito, in particolare del Senza Dosaggio e dell’Extra Brut.
Ho passato più di due ore con il vulcanico Claudio Faccoli e suo fratello. L’azienda, a conduzione familiare e intitolata al padre Lorenzo, è a Coccaglio (Brescia). I vigneti sono più difficili da coltivare, ci sono terrazzamenti e la collina non è così garbata.
Le aziende più note di Franciacorta non sono qui, ed effettivamente l’unica a distinguersi nella zona è Faccoli, ma è altrettanto innegabile che i terreni più ricchi di minerali e la particolare esposizione donano a queste uve – se ben lavorate – caratteristiche uniche.
Non era un’intervista, bensì una visita. Per questo, ben conoscendo la differenza tra colloquio privato e pubblico (come molti gamberoni rossi ebbero modo di scoprire 2 anni fa), non pubblicherò virgolettati di Claudio.
L’azienda è rimasta volutamente “piccola”, nonostante il successo. Cinquantamila bottiglie annue. Vigneti che vanno dai 3-4 anni ai 30. Quelli migliori si usano per il Senza Dosaggio. L’uvaggio, rosè a parte, è sempre Chardonnay al 60%, Pinot Bianco al 35%, Pinot Nero al 5% (cifra più, cifra meno). Nel Rosè il Pinot Nero sale al 40%, rimanendo comunque minoritario rispetto alle uve bianche.
Il vino più prodotto è il Brut, 20mila annue. Poi Extra Brut, 15mila. Rosè, 10mila. Pas Dosè, 5-6mila.
Faccoli è l’emblema dell’artigiano di Franciacorta. Un unicum, nella terra dei viticoltori-industriali. Claudio – che usa lieviti selezionati e non aderisce alla viticoltura naturale – ha comunque ottimi rapporti con il Consorzio Franciacorta (di cui è stato anche presidente). I suoi vini mi affascinano perché predilige lo spumante dritto, femmina, il Blanc des Blancs (o quasi) con percentuali zuccherine bassissime. Quando non inesistenti.
Claudio è uomo dal sorriso frequente e dalla onestà innegabile. Nei prezzi (in cantina tutti a 12 euro, tranne il Senza Dosaggio a 16-17). Nel dire che il Rosè lo ha sempre fatto, anche quando nessuno ci credeva e piaceva solo ai tedeschi, ma non è esattamente il vino della (sua) vita. Nel vendere il rarissimo Fondazione – millesimato 10 anni – solo a chi potrà apprezzarlo, altrimenti è sprecato. E nell’ammettere che qualche annata non viene come vorrebbe.
Tutti i vini di Faccoli sono, tecnicamente, millesimati. Ogni anno si vinifica solo quella vendemmia. Nessun blend tra annate diverse. Nell’etichetta, però, l’unico millesimato dichiarato è il Senza Dosaggio perché solo questa tipologia sosta sui lieviti quanto richiede il disciplinare (almeno 36 mesi, mi pare). Il Brut affina in bottiglia sui 18-24 mesi, Extra Brut sui 24-36, Rosè 36, Pas Dosè 48 (ma esistono oscillazioni per ogni annata).
Al momento il Brut ed Extrabrut in commercio sono quelli 2009. L’annata calda gli ha conferito una aromaticità che Faccoli non avrebbe voluto. Non lo nasconde. Per ora è più in forma il Brut (5-6 grammi/litro di zucchero) che l’Extra Brut. Proprio quest’ultima, forse la bottiglia più celebre di Faccoli, nel 2009 non ha alcuno residuo zuccherino. L’aromaticità “indesiderata” ha indotto i fratelli Faccoli a non aggiungere zucchero: di fatto è anch’esso un Pas Dosé, che ha però sostato molto meno sui leviti. E’ vero che, alla degustazione, queste bottiglie (sboccate a marzo) sono meno dritte di altre annate (la sboccatura di ottobre sarà migliore), ma siamo dalle parti del perfezionismo spinto. Della critica tra addetti ai lavori. Sono vini di assoluto pregio.
Il Rosè ora in commercio è il 2008. Non sarebbe mai il primo vino che sceglierei di Faccoli, ma è uno dei migliori Rosè di Franciacorta che abbia bevuto.
Il Senza Dosaggio è il 2007. Semplicemente meraviglioso. Qui, più che altrove, si avverte la grande mineralità e sapidità di terreni che mantengono ancora l’eco del mare – che sommergeva queste terre prima delle due glaciazioni -; il Monte Orfano ha funto da barriera naturale, mantenendo la zona di Erbusco (giustamente nota) più incantata e dolce, ma senza queste note marine.
In Italia Faccoli è distribuito da Teatro del Vino. Sono tornato a casa con una piccola scorta, da bere nei momenti importanti.
Ne ho parlato tante volte, di questa azienda. Nei libri e qui. Sono contento che molti lo abbiano scoperto con me. Incarna perfettamente – insieme a poche altre aziende, che più volte ho trattato – la mia idea di Metodo Classico italiano. Che non sfigurerebbe affatto nella Costa dei Bianchi francese.