Articoli marcati con tag ‘Demière Ansiot Champagne Scanzi’

Champagne Demière-Ansiot

“Smanettare”. La parola che aveva usato Giulia Cavalleri, parlandomi di molti Champagne. Il verbo che mi è venuto in mente bevendo questo Brut non millesimato di Dèmiere-Ansiot. Uno dei molti vignerons che mi sono fatto spedire (i loro vini, non loro in persona) dal negozio C-Comme di Epernay.
I vini si possono acquistare anche dal sito dell’azienda, questo viene 12.50 euro. Davvero poco. Io l’ho pagato 18 euro. Poi purtroppo ci sono le spese di spedizione, ma tant’è.
L’azienda è a Oger, cuore della Costa dei Bianchi. Enclave (quante volte userò questa parola?) del migliore Chardonnay spumantizzabile.
Non posso dire che sia uno Champagne irrisolto. L’ho bevuto con piacere, tutto. Lo riberrei. E’ bello al visivo, ha profumi onesti, una discreta acidità. Buon equilibrio, finale dignitoso. Ad averne.
La parola “smanettare” mi è venuta però in mente perché il classico Champagne che tradisce una eccessiva e invasiva presenza di sciroppo di dosaggio. E così quella sensazione dolcina e liquorosa, te la ritrovi sia al naso che in bocca.
Mi chiedo: che bisogno c’è di esagerare (in un Brut) con lo sciroppo di dosaggio, se hai – o dovresti avere – uno Chardonnay straordinario? Bah.
Per il resto, tra fine agosto e settembre dovrei fare tre presentazioni: Mantova, Carrù, Udine. Vi terrò aggiornati.