Pinot Grigio ramato (due esempi riusciti)

Schermata 2019-06-02 alle 19.04.57Il Pinot Grigio è uno dei vini più bevuti in Italia e non solo in Italia: in Inghilterra, per esempio, lo adorano. Il paradosso che non tutti conoscono è che lo beviamo deliberatamente rinunciando a molto del suo potenziale. Uva non a bacca bianca ma – appunto – rosato-grigia come la buccia di certe cipolle, se non la sottoponi a macerazione anche solo leggera di fatto un po’ la snaturi. Ecco allora il Pinot Grigio “ramato”, che non è altro che un Pinot Grigio – non per nulla parente del Pinot Nero – sottoposto a macerazione. Definirlo orange wine qui è inesatto: va proprio chiamato “ramato”. Il Pinot Grigio, in questa veste, apparirà del tutto diverso e molto più emozionante, sebbene esistano ovviamente dei Pinot Grigio “bianchi” (perdonate il bisticcio cromatico) splendidi.
I Pinot Grigio ramati, oltre al colore caratteristico, hanno alcuni tratti distintivi, per esempio le note agrumate e un’accentuata nota balsamica. Citerò qui due esempi che mi hanno convinto. Il primo viene dall’azienda Flaibani. L’ho scoperto acquistandola dal carnier di Luca Martini. Flaibani è un’azienda di 5 ettari situata a Cividale del Friuli nei Colli Orientali, con vigne terrazzate posizionate su colline molto ripide. E’ in fase di conversione biologica e in vigna utilizza dall’annata 2012 i preparati biodinamici. Sono poche Schermata 2019-06-02 alle 19.05.36le bottiglie prodotte: attorno alle 15mila. Il Ramato che ho provato era il 2016. Ne esistono più o meno 3mila bottiglie. La (crio)macerazione non è eccessiva, mi pare di aver capito attorno alle 6 ore. Che bastano comunque per dargli un carattere spiccato. Bello “denso” con archetti fitti, una spina dorsale acida che inizialmente fa fatica a mostrarsi appieno ma poi arriva, è un vino che migliora coi minuti e anzi con le ore: la sera dopo era ancora più convincente. Non abbiate fretta a berlo. Ci senti tanto il pompelmo e più ancora il melone. Assai agrumato e ancor più balsamico. Bella mineralità, gran persistenza. Finale sapido che asciuga e ripulisce. Mediamente elegante e certo equilibrato. In enoteca lo trovate (a fatica) sui 15/20 euro. Li vale.
Vi consiglio poi il Guastafeste di Villa Job. Pozzuolo del Friuli (Udine). Anche qui le dimensioni sono piccole: sulle 20mila bottiglie annue. Di queste, il Guastafeste ne conta 2500: è il Pinot Grigio ramato. Sempre annata 2016, sempre “vino naturale”, sempre azienda biologica che va verso il biodinamico. Macerazione qui più sostenuta, prezzo più o meno analogo. In questo caso ne ho bevuto solo un bicchiere (alla Formaggeria de’ Redi di Arezzo). Era un aperitivo e non so dirvi se il secondo e terzo bicchiere sarebbero stati migliori al primo: probabile. Vino splendido, “divertente”, di carattere e pienamente riuscito. Consiglio anche questo senza indugio.

2 Commenti a “Pinot Grigio ramato (due esempi riusciti)”

  • Mi permetto di suggerire anche il Vis Uvae del Carpino (from Oslavia with love…), in giro si trova l’annata 2015 e forse ormai anche la 2016.
    Ottimo potenziale di invecchiamento (ho bevuto da poco un 2007 da saltare di gioia) e prezzo sui 23 euro in enoteca.
    Menzione d’obbligo anche per il Pinot Draga di Janko Stekar.
    Saluti e salute.

  • Paolo Latini:

    Ho avuto il piacere e la fortuna di conoscere i Flaibani tanti anni fa. Una comune amica mi portò in azienda e mi accorsi di aver incontrato persone fuori dal comune. Parlavano del loro progetto aziendale con grande calore, oltre quello che era il grande impegno profuso. Poi mi fecero assaggiare i loro vini, con semplicità, senza enfasi, quasi a rimettersi in discussione, a voler migliorare. Quando misi il naso nel Pinot Grigio Ramato, ebbi un sussulto, non mi aspettavo un vino che mi coinvolgesse così tanto. Fu amore a prima vista e negli anni è rimasto il vino che lei ha magistralmente descritto e che riesce ad emozionare ad ogni bicchiere.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento