Vini ostinati e contrari: Stella Retica ArPePe

arpepeLa chiamano viticoltura eroica, e c’è un motivo. Vigneti a strapiombo, più o meno intatti, che costringono l’uomo a una lavorazione quasi sempre manuale. Capita in Liguria, capita sull’Etna. E capita anche in Valtellina, dove il Nebbiolo ha saputo adattarsi al clima particolarissimo fino a trovare massima espressione con il nome Chiavennasca. Le guide parlano soprattutto dello Sfursat, sorta – semplificando – di Amarone della Valtellina, ma i vini migliori sono quelli che alla muscolatura preferiscono l’eleganza. Per esempio quelli della giovane azienda Dirupi. E più ancora la pioniera ArPePe. L’azienda è nata nel 1984: un’intuizione di Arturo Pelizzetti Perego, il cui lavoro è oggi proseguito – con analoga tradizione e ispirazione – dai figli. Rossi personali, di grande bevibilità e ancor più grande classe. Vigne di più di 50 anni, 70mila bottiglie prodotte. La cantina è scavata nella montagna alle porte di Sondrio. Le etichette sono molte, dalla sottozona Inferno a quella Grumello, ma le tre bottiglie più prodotte sono il “base” Rosso di Valtellina (30mila bottiglie), il Sassella Stella Retica (24mila) e il Rocce Rosse (18mila). Il base costa 15 euro in cantina ed è uno dei vini “quotidiani” più ispirati d’Italia. Si sale, di prezzo e complessità, con la Stella Retica (la Riserva più giovane) e con il Rocce Rosse, che migliora di anno in anno (anzi decennio). I vini di ArPePe sono i classici rossi che piacciono anche a chi di solito preferisce bere bianchi. Imperdibili. (Il Fatto Quotidiano, 16 febbraio 2015. Quattordicesimo numero della rubrica “Vini ostinati e contrari”. Ogni lunedì in edicola)

Un Commento a “Vini ostinati e contrari: Stella Retica ArPePe”

  • Stefano Padulazzi:

    Andrea ciao, sono contento che ti sia piaciuto anche il vino dei Dirupi oltre al golden and classic AR.PE.PE. Trovo i Dirupi attualmente gli “outsider” ancora per poco. Inoltre altri vini meritevoli d’attenzione che vorrei segnalare a tutti sono Terrazzi Alti con il suo Sassella e Pietrisco di Boffalora, mentre chi preferisce il tocco del legno dosato bene il nome che vorrei fare è quello di Fay.
    Saluti e complimenti da Stefano “Agri”

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento