Vini ostinati e contrari: Fiero Bianco Cantina Margò

cantinamargoCome spesso capita ai vini ostinati e contrari, il difetto non risiede nella qualità ma nella quantità. Nel senso che, non di rado, le aziende sono così piccole da produrre pochissime bottiglie. Che, fatalmente, finiscono subito. E’ anche il caso di Cantina Margò, nata neanche cinque anni fa alle porte di Perugia. Il giovane produttore, Carlo Tabarrini, ha cominciato a fare vino quasi come se inseguisse una doppia vita: di notte operaio alla Perugina e di giorno a inseguire gusti antichi in cantina. L’inseguimento ha avuto buon esito e oggi (anzitutto) i suoi bianchi sono meravigliosamente gradevoli. Vini glou glou, come si suole chiamare in Rete quelle bottiglie che hanno la loro cifra distintiva nella bevibilità.
Il Fiero Bianco è il vino che racconta meglio il lavoro del vulcanico Tabarrini, oggi membro esuberante di VinNatur. Grechetto in purezza, macerazione di 3 giorni a tino aperto e senza temperatura controllata. Lieviti autoctoni e passaggio in legno usatissimo per il 30% della parte in riduzione. Tremila bottiglie prodotte delle 8mila complessive: pochissime. Cantina Margò (il nome della figlia) vinifica anche Trebbiano e Sangiovese, rosato e spumante sui lieviti, vendemmia tardiva e muffato. “Da bambino aiutavo il nonno e il papà che coltivavano per conto terzi”, racconta Tabarrini. Il suo sogno, fin dal 2000, era avere una vigna tutta sua, per poter realizzare vini così personali da somigliargli. Alla fine, con la sua microcantina, ce l’ha fatta (Il Fatto Quotidiano, 22 dicembre 2014. Sesto numero della rubrica “Vini ostinati e contrari”. Ogni lunedì in edicola)

3 Commenti a “Vini ostinati e contrari: Fiero Bianco Cantina Margò”

  • Mattia Tabacco:

    Vini capaci di regalare un sorriso, cosa rara di questi tempi. Io mi sono innamorato del Margò Rosso 2011.

    Forza Tabarrini!

  • Cristian Di Camillo:

    Che aggiungere a quanto descritto nell’articolo? Che il Fiero sur lie, 450 bottiglie ottenute da uve Verdello, ti ammalia e seduce, che il Fiero è il vino chiave di volta per fare entrare e fare innamorare i neofiti, del modo autentico ed integro di intendere il vino.
    Il resto va da se con la scoperta del Regio e del Sangiovese. Evviva Carlo

  • In una Umbria poco ostinata e ancor meno contraria, Carlo è presenza importante.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento