Vini ostinati e contrari: Casa Coste Piane (Prosecco Brichet)

IMG_8210Difficile, e non poco, trovare Prosecco capaci di emozionarti. O anche solo di lasciarsi bere con piacere. Vino iperprodotto, più abusato che usato, può perfino permettersi di essere cattivo: tanto al bar lo bevono tutti, quasi mai senza riprese. E poi c’è sempre la variante Spritz, che maschera i difetti. Qualcuno, però, resiste e produce – da decenni – il Prosecco come si deve e anzi dovrebbe. Per esempio Loris Follador, che dal suo avamposto di Valdobbiadene crea 50-60mila bottiglie l’anno usando il cosiddetto medico “sur lie” o “colfondo” (sì, tutto attaccato). La definizione più adatta, in realtà, è la più antica: metodo rurale. Metodo ancestrale. La rifermentazione non in autoclave, ma in bottiglia sui lieviti. Ne nasce un Prosecco (da uve Glera in purezza o quasi) di pronta beva e senza pretese, con bollicine esili ma vive, ottimo rapporto qualità/prezzo e una piacevolezza tanto all’aperitivo quanto a pranzo e cena. L’azienda si chiama Casa Coste Piane e fa parte dell’associazione Vini Veri. Consigliabili tanto il Prosecco “base” quanto il Brichet, quest’ultimo da un vigneto particolarmente vocato. Le bottiglie esistono sia con tappo da spumante che a corona. Uomo senza fronzoli e di cultura poliedrica, Follador si definisce “anarchico” e ironizza sulla presunta infallibilità del governatore Zaia: “Andrebbe chiamato ‘Profeta Zaia’, visto che lui non sbaglia mai. O così lui crede”. Un vignaiolo imperdibile per chi insegue Prosecco per nulla finti. Felicemente semplici. (Il Fatto Quotidiano, 1 dicembre 2014. Terzo numero della rubrica “Vini ostinati e contrari”. Ogni lunedì in edicola).

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento