Vini ostinati e contrari: Dolcetto d’Alba (Roddolo)

IMG_8099È una Langa felicemente immutata e immutabile, quella di Flavio Roddolo. L’ultimo passero sul ramo del Dolcetto. L’eremita silenzioso, ma a conoscerlo neanche poi troppo. Il vignaiolo timido e intatto, che preserva la tradizione non perché è una moda ma perché non conosce altre strade. Monforte d’Alba, Strada dei Roddoli. Trentamila bottiglie l’anno, a volte di più, nel 2014 molte di meno. Vini simbionti, che somigliano moltissimo a chi li fa. Inizialmente introversi, restii a concedersi. Poi, sconfitta la diffidenza iniziale, si mostrano complessi e longevi, di grande beva e invidiabile persistenza. Vini veri, semplici nel loro equilibrio tra artigianato e natura. Vigne vecchie, colline tufacee, 550 metri sul livello del mare. Nebbiolo come si deve, Barbera felicemente dritta e un Cabernet Sauvignon in purezza che ammalia puntualmente il pubblico femminile (e non solo femminile). L’incanto più riuscito è il Dolcetto (d’Alba), vitigno ritenuto stupidamente minore. È disponibile “base” e in versione Superiore. È un Dolcetto che va aspettato, come tutti i vini di Roddolo: per lui è sempre presto per aprire una bottiglia, e probabilmente ha ragione. Sono Dolcetto freschi e minerali, intriganti e carnosi. “Un po’ ematici”, direbbero i sommelier; “non poco meravigliosi”, sintetizzano i fedelissimi. I quali, ogni giorno, gli fanno visita per omaggiarlo. Per fargli e farsi compagnia. E perché, ogni volta, è un gran bere. (Il Fatto Quotidiano, 24 novembre 2014. Secondo numero della rubrica “Vini ostinati e contrari”. Ogni lunedì in edicola).

Un Commento a “Vini ostinati e contrari: Dolcetto d’Alba (Roddolo)”

  • ma che bello leggere che scrivi nuovamente di vino! bello, bello e bello! son proprio contenta di aver scoperto oggi questo articoletto sul fatto. :))

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento