Tunia

chiassobuio1Mercoledì scorso sono tornato da Collecapretta, per salutare i proprietari e far scorta di uno dei bianchi italiani che più preferisco, il Vigna Vecchia. Al pomeriggio, con Arnaldo Rossi della Taverna Pane e Vino, sono stato da Tunia. E’ un’azienda giovane, sorta nel 2008, che fa parte di VinNatur sin dalla sua nascita. I vigneti sono a Civitella in Val di Chiana, provincia di Arezzo. Le anime dell’azienda sono due ragazze, entrambe non aretine, l’enologa Francesca Di Benedetto e Chiara Innocenti (che si occupa degli aspetti commerciali). Sono giovani e appassionate. Il terzo socio è Andrea Di Benedetto, fratello di Francesca, che segue l’aspetto finanziario e che ha scelto anche il tipo di bottiglia (un po’ fighetta) da utilizzare.
Dopo avere visitato i vigneti, abbiamo degustato i tre vini prodotti nella casa poco distante di Francesca (l’azienda non è ancora pronta per accogliere gli ospiti, ma lo sarà). Tunia è un’azienda già meritevole e con ancora ampi margini di miglioramento. Arnaldo sostiene che ci sia una sorta di piccola discrepanza tra la evidente inclinazione alla naturalità dei prodotti e un apparente aspetto modaiolo di bottiglie, etichette, nomi e brochure. I vini migliorano di annata in annata e vanno aspettati, infatti adesso sono in commercio la vendemmia 2012 (bianco) e 2009 (rossi). Il Chiarofiore è l’unico bianco prodotto al momento (ma Francesca sta provando parallelamente l’efficacia di alcuni rifermentati in bottiglia). E’ un orange wine, tre quarti Trebbiano e un quarto Vermentino, figlio di 4 diverse vendemmie che vanno da agosto a novembre. Di queste quattro, una è anticipata per dare freschezza e una (3%) tardiva per conferire morbidezza e un accenno di botrite. Lieviti autoctoni, macerazione di media durata, poi affinamento in acciaio su fecce fini (12 mesi) e bottiglia (6 mesi). Mi ha convinto in parte, perché mi è parso in difetto di freschezza e dunque di bevibilità. Temo che possa dipendere proprio da quel 3% di vendemmia tardiva, che però aiuta a vendere meglio il vino (rendendolo un po’ più piacione e vagamente “dolcino”). Questo lo rende inadatto a essere bevuto da solo, mentre la sua spiccata originalità – non manca certo di carattere – fa sì che si presti a molti abbinamenti anche impegnativi (erborinati, foie gras eccetera). Il vino che ho preferito è il Chiassobuio (2009), uno dei Sangiovese toscani più ispirati e meno finti. Non è in purezza, ci sono anche una piccolissima percentuale di Colorino e Canaiolo, come si soleva fare nella zona. Le vigne risalgono ai primi anni Settanta. E’ un Sangiovese fresco e per nulla carico, dai tannini non invadenti, bevibile e felicemente elegante. Chiude la produzione il Cantomoro, di cui ho degustato l’annata 2009: Cabernet Sauvignon in purezza. Non raggiunge i livelli del Bricco Appiani di Roddolo, ma rispetta senz’altro la tipicità del varietale ed è anch’esso riuscito. Tunia è una realtà da seguire,: le potenzialità ci sono, l’approccio è quello giusto e la crescita di stagione in stagione giustifica tanto l’entusiasmo delle proprietarie quanto l’ottimismo di chi già è loro cliente.

2 Commenti a “Tunia”

  • Gabvat:

    Evviva il vigna vecchia !!!

  • Michelangelo:

    Ho assaggiato il Chiarofiore a Città di Castello a Only Wine Festival qualche settimana fa. La verità è che anche io mi ero focalizzato su bottiglia ed etichetta e all’inizio non avevo capito si trattasse di un orange wine. Tra i vini naturali bevuti ultimamente mi permetto di segnalare gli ottimi Rucantú e VB1 della Tenuta Selvadolce di Bordighera (magnifica la vista che si può godere dalle vigne sul mare, Mentone e, in fondo, Monaco) nonché la gentilezza e competenza del titolare. Lì vicino inoltre merita assolutamente una visita l’azienda A Trincea ad Airole, nell’entroterra vicino al confine francese, dove si produce un ottimo, secondo me, Rossese, che volutamente non rientra nella Doc, e dove i muretti a secco eretti per sostenere le vigne rappresentano veramente uno spettacolo per gli occhi.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento