Furlani – Sur Lie Alpino & Metodo Interrotto

furlaniA volte i vini ti inseguono. Due domeniche fa sono andato a prendere un aperitivo alla Taverna Pane e Vino di Cortona. Arnaldo Rossi, proprietario nonché produttore del sangiovese Dodo (VinNatur), mi ha proposto un Metodo Interrotto Brut Natur trentino. Quest’anno faceva parte della rassegna Cerea di Verona. Il produttore è un giovane viticoltore, Matteo Furlani. Si fa aiutare da Danilo Marcucci, che ho conosciuto anni fa durante la visita a Collecapretta e che aiuta altri produttori (presto ve ne parlerò, perché li ho provati proprio in questi giorni). La sua piccola azienda ha sede a Vattaro, Località Vigolo, Trento. Il Metodo Interrotto Brut Natur Furlani è 80% Chardonnay e 20% Pinot Nero. Prezzo 12 euro. Un Metodo Classico non sboccato, non dosato e senza solforosa aggiunta. Potete trovare qui la recensione di Vinix. Un po’ torbido, bollicine non troppo frequenti né persistenti, è il classico spumante pas dosè naturale che nasce senza pretese ma sa stupirti bicchiere dopo bicchiere per bevibilità e piacevolezza. Oltretutto ha un prezzo decisamente competitivo.
Giovedì scorso, prima della lezione-spettacolo Non è tempo per noi al Teatro Pavone di Perugia, all’interno del Festival Internazionale di Giornalismo, ho fatto un aperitivo con Perfect39 e Giulio Casale al Vivace, locale nel centro di Perugia che propone solo bollicine. Neanche a volerlo, mi hanno proposto ancora un Furlani. Stavolta un Sur Lie Alpino, un metodo ancestrale fatto con uve autoctone rare: pavana, vernaccia, lagarino bianco e verderbara. E’ il primo vino che Furlani ha deciso di produrre. L’impostazione non è dissimile dai Prosecco “col fondo”. Vivace vende la bottiglia a 12 euro, franco cantina si trova a meno. E’ ancora più “bruttino” del Metodo Interrotto, più lattiginoso e con meno bollicine. Ma ha una bevibilità prodigiosa: classico vino glou glou che d’estate butti giù con godimento raro. L’alcolicità è contenuta. Il Sur Lie Alpino è per ogni momento, il Metodo Interrotto leggermente più impegnativo. Costretto a forza, non senza un certo paradosso, preferisco il primo al secondo, che ho comunque ribevuto sia venerdì che sabato – di nuovo al Pane e Vino di Cortona – come bicchiere-apripista. Vini non della vita, tecnicamente non impeccabili e dichiaratamente non indimenticabili. Ma sani, invitanti e genuini. Adatti al bere quotidiano. Se fossero un voto, sarebbero un 6+/6.5. Con un gran rapporto qualità/prezzo.
Che dire? Un’altra azienda ostinata e contraria, che aggiungo con piacere alla mia playlist.

2 Commenti a “Furlani – Sur Lie Alpino & Metodo Interrotto”

  • Luca MIRAGLIA:

    Eh, eh, stavolta ti ho preceduto!! I due Furlani li ho conosciuti in rete un pò di tempo fa e la descrizione mi ha talmente incuriosito che li ho acquistati “a scatola chiusa”: concordo con te, è vero che sono vini da bere a secchi, qualsiasi serata estiva ne diventa il palcoscenico ideale, ma … la molla, quella dannata molla che scatta quando un vino tocca le corde dell’emozione, della memoria, ebbene quella molla, con i Furlani, non mi è scattata.
    Più ci ripenso e più li vedo pronti a spiccare il volo ma fermarsi all’ultimo colpo di reni, quasi intimiditi da un futuro incerto: fra i “col fondo” (ho capito che molti produttori di questa fascinosa e, per me, ormai imprescindibile tipologia, si incavolano di brutto se si usa la dizione “sur lie”!) trovo che altri esempi abbiano la schiena ben più dritta e le ali assai meglio distese.

  • Gabvat:

    Consiglio anche il loro bianco affinato in damigiana …

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento