Lama Bianca – Feudo D’Ugni

IMG_4727In queste ultime settimane ho bevuto grandi vini. Quasi tutti li conoscevo già, da Cavalleri a certe annate un po’ lontane del Paleo de Le Macchiole (strepitose 2001 e 2004). Ho avuto conferma della bontà dei Vermentino di Cantina Siddura e continua a non farmi impazzire la produzione di Cinque Campi. Ho anche ritrovato una lontana “Plenum Quartus 2001″ di Dievole, le edizioni deluxe dell’azienza senese che univa il suo Sangiovese a un’uva di un’altra regione (Piemonte) o straniera (Francia, Spagna, Portogallo). La “Quartus” proponeva un blend Sangiovese e Touriga Franca lusitana: da ragazzi, in Toscana, il Dievole era “il vino di lusso”. Ripensato e ribevuto oggi, capisci che nel frattempo è cambiato un mondo, e che le bottiglie più bevibili della loro produzione sono quelle meno ambiziose e più semplici.
Mi sono anche regalato due primizie, acquistate entrambe alle Vecchie Carovaniere di Arezzo da Francesco Mattonetti: l’Ardbeg non-chill filtered Airigh Nam Beist Limited 1990 Release, ormai fuori produzione; e uno dei miei Calvados preferiti, Les Vergers de la Morinière di Michel Hubert, un 13 anni del 2000 distribuito da Moon Import. Una volta provati, ne scriverò.
Mi rendo però conto che il vino di cui ho più voglia di parlare è un semplice Trebbiano d’Abruzzo naturale. Si chiama Lama Bianca, è un semplice vino da tavola, lo trovate a meno di dieci euro. L’azienza è la Feudo d’Ugni di Cristiana Galasso, Contrada Macchie San Valentino in Abruzzo Citeriore (Pescara). Qui trovate una bella presentazione di Lavinium, scritta nel 2010, che però segnala un indirizzo diverso da quello riportato in etichetta. E’ delizioso. Senza pretese, ha una bevibilità spiccata e finisce senza accorgersene. L’annata che ho bevuto con Perfect39 è la 2012. Fresco e sapido, di buona personalità e discreta persistenza, è un vino glou glou di quelli che amo sempre più. Dei bianchi italiani distribuiti da Arkè, assieme a Franco Terpin, Angiolino Maule, Stefano Legnani e Davide Spillare, è quello che mi convince di più. Lo conoscerete già: in caso contrario, ve lo consiglio.

4 Commenti a “Lama Bianca – Feudo D’Ugni”

  • Simone:

    Detto che ti invidio per la bottiglia pregiatissima di Ardberg, mi piacerebbe sapere se conosci (penso proprio di si) e che parere hai sui distillati di Vittorio Capovilla e in particolare sul Rhum Rhum.

    un saluto e buone feste da un tuo coetaneo e corregionale.

    Simone

  • Cristiana:

    Semplice, delizioso, senza pretese, buona personalità e glou glou …grazie per il bel ritratto del Lama Bianca.

    Cristiana

  • Cristian Di Camillo:

    Per la serie vini glu glu ti segnalo:

    – Trebbiano igt umbria di cantina margo’
    – vignamare (uve grillo) di Barraco
    – Buscaia Malvasia umbria igt Collecapretta
    – Vetua bianco az agr. Vetua (5terre)
    – Serment bianco toscano Poggio Concezione
    – Coste di rivaiolo 2009 San Fereolo
    – Goldmuscadeller Thomas Pichler
    – Sassocarlo Terre a Mano Fattoria di Bacchereto
    – Roero Arneis Valfaccenda
    – Tauma Cerasuolo d’Abruzzo Tenuta Pettinella
    – Malvasia istriana Rencel
    – Tarbianaaz Trebbiano az agr. Vittorio Graziano

    Chiedo venia per eventuali imprecisioni dovute alla scrittura di getto.

    ciao Cristian

  • Marco:

    Noto che Perfect39 continua a rimanere sempre 39…. non si starà mica prendendo gioco di te :)
    Di Feudo d’Ugni io ho bevuto solo i rossi, che ne pensi?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento