Bucci & Cavalleri (“vecchi” amici)

Tra le mie bevute di questi giorni, ci sono state due vecchie conoscenze. La prima, di cui parlavo in Elogio dell’invecchiamento, è Ampelio Bucci. Con il suo Verdicchio mi sono avvicinato a uno dei bianchi più malamente conosciuti (e dunque spesso sottovalutati) d’Italia. Poi ne ho scoperto molti altri, certo più naturali ma non necessariamente superiori.
Ho bevuto per la prima volta il base 2011 e la Riserva 2009. Impeccabili entrambi. La Riserva mi è sembrata meno facile delle ultime annate, e lo ritengo un pregio: la sua innegabile qualità, unita al blasone, avevano portato alcune vendemmie a presentarsi con vesti gusto-olfattive sin troppo figheggianti. La 2009, per quanto impegnativa (anche economicamente), è più diretta e meno ammiccante. Bene.
Continuo comunque a preferire la versione semplice, che in questo caso era la 2011. Un Verdicchio lineare, scolastico (nell’accezione più positiva). Di bella beva, appagante, digeribile. Lunghezza non trascurabile, freschezza, sapidità: lo riconsiglio, anche per il rapporto qualità-prezzo.
L’altra “vecchia” conoscenza sono i Franciacorta only-Chardonnay Cavalleri. Ne ho parlato tanto, anzitutto ne Il vino degli altri. Ho bevuto ieri sera il Pas Dosè 2008. Secondo Giulia Cavalleri, una delle annate più felici. Confermo. Eleganza rara. Glou glou.

5 Commenti a “Bucci & Cavalleri (“vecchi” amici)”

  • Due settimane fa ho bevuto per la prima volta Bucci, annata 2010. Mi è piaciuto.

  • Alessandro, Enea:

    Come tante aziende che si rispettano, per Bucci nel Verdicchio è come sfondare una porta aperta. Ho conosciuto questa azienda pochi anni fa, e da allora non manca mai nella mia cantina. Ogni bottiglia aperta riserva un’emozione: io adoro Podium e Mirium!
    Non posso fare altro che ringraziare Bucci per la continuità di un prodotto di qualità che non delude mai.
    Assaggio spesso Cavalleri da Lageder al Summa, devo dire che nella degustazione non mi coinvince sempre. La collezione Brut e il Pas Dosè invece, in altre sedi, mi sono piaciute molto anche se da Lageder non arrivo mai a questi ultimi, poichè già terminati.

  • Giulia:

    …ma il Podium non era di Garofoli?

  • Stefano Pica:

    Da sommelier marchigiano posso solo dire che concordo ferocemente !!!

  • gladio:

    Felicissimo di sapere che apprezzi il Verdiccio di Bucci, una delle eccellenze della mia regione! Un piccolo appunto al commento di Alessandro: il Podium, che anche io adoro tralaltro, non è di Bucci ma di Garofoli ;)

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento