Le Carovaniere

Ho un debole per i luoghi che uniscono competenza e passione. Viaggiando molto, ne ho scovati non pochi. Tanti piccoli rifugi, sparsi qua e là. Le Carovaniere è uno di questi.
E’ ad Arezzo, nel centro storico. Un azzardo, perché il 90%  del piccolo locale è dedicato ai distillati. Poi vini, sali, spezie, cioccolate. Un luogo mosso unicamente dalla passione – e appunto dalla competenza – del proprietario Francesco Mattonetti.
Non lo conoscevo prima di questa sua esperienza, lo vedo sì e no tre volte l’anno, non ci guadagno nulla a parlarne bene.
Ho deciso di dedicargli un post intero, dopo averlo citato più volte, a seguito della mia ultima visita. Ieri mattina. Mi sono regalato un whisky, peraltro griffato Le Carovaniere (nel senso che Mattonetti ha scelto la botte dalla Scozia dopo due anni di assaggi e si è fatto imbottigliare un whisky tutto suo). E un Calvados di altissimo livello. Il whisky è un Ledaig Isle of Mull, la variante torbata della distilleria Tobermory, 15 anni. Il Calvados è un 12 anni di Adrien Camut. Li vedete nella foto.
Le Carovaniere mi piace perché, nel suo proprietario, riscontro quella voglia mai sazia di studiare, cercare, inseguire. Di raccontare storie, di scovare aneddoti, di lasciare che la bellezza emerga di fronte a un contesto troppo spesso apocalittico. Lo stesso approccio che ho visto a Castiglion Fiorentino in Andrea Magi, applicato principalmente nel suo caso al mondo dei formaggi.
Sono stato da Mattonetti una decina di volte, in questi anni. Mi ha sempre fatto fare tardi (e viceversa) e non l’ho mai trovato impreparato. Mai. Che parli di Rum, Whisky, sale affumicato dell’Ontario o Gin. A proposito di quest’ultimo, è stato proprio Mattonetti a scoprire che uno dei migliori gin del mondo viene da Arezzo, grazie a una bacca di ginepro in qualche modo prodigiosa. La storia l’ha raccontata qui, nel suo blog. E di racconti così, Francesco ne ha tanti. Dovrebbe scriverci un libro.
E’ spesso in viaggio, tra distillerie e cantine. Studia, si informa, fa consulenze sul valore di bottiglie vintage scovate nelle cantine di famiglie incapaci di appurarne il valore. Organizza corsi, degustazioni, piccoli eventi di nicchia ma non troppo. Non sta fermo mai. Non mentalmente. E questo, oltre che raro, è approccio assai prezioso.
Quando incontro il talento dal volto umano, quando mi imbatto nell’artigianato di alto livello: be’, allora è un bel giorno. E alle Carovaniere mi succede sempre.

5 Commenti a “Le Carovaniere”

  • Claudio:

    Bello, se torno ad Arezzo ci passerò senz’altro. A Roma ti consiglio invece, in zona Basilica San Paolo, l’Emporio del Gusto, altro avamposto per il whisky d’autore con chicche nascoste, selezionate con cura e passione da Pino, un bel personaggio. Da non perdere.

  • marco:

    “Artigianato di alto livello” , realtà che ,fortunatamente, ancora resistono in campi svariatissimi ( ultimo per me il pipaio Bonfiglioli a Bologna ) e che quando scoperte ti attenuano per un pò i conati che questo popolo disgraziato regala.Quando s incontrano competenza e passione nasce sempre uno spettacolo da ammirare.
    Peccato siano realtà che viaggiano sul “sentito dire” ed abbiano poca eco , oppure che ci si lamenti dei prezzi esagerati ( io direi appropriati ) .
    Ci son tanti pronti a spendere 6 euro per 10 bottiglie merdose di vino , quando invece ne basterebbero 20 per apprezzare un vino che ha molto più da dire da solo rispetto ad altre 9 bottiglie che chiacchierano e basta.

  • Ci sono stato anch’io una volta, prima di andare a pranzo a Le Chiavi d’Oro.

    Le Carovaniere, molto interessante.

  • Gabriele:

    Tutto vero, tutto giusto su Francesco ed il suo locale.
    Confermo e rilancio!

  • [...] Riportiamo una Recensione che il noto Blogger/Giornalista/Autore Teatrale (e avrei potuto continuare) Andrea Scanzi ha scritto su di noi ai primi di Gennaio : Il Vino degli Altri . [...]

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento