Bollicine croccanti

Tra i degustatori si tende a dire che la differenza più evidente tra Franciacorta e Trento/Alto Adige, quanto a Metodo Classico, risiede nella bollicina. Anche a parità di vitigno, il Franciacorta apparirà con un perlage delicato e un po’ “fighetto”, mentre il Trento (più ancora dell’Alto Adige) avrà bolle croccanti e addirittura “gasate”. Un po’ virili, rudi. Forse non troppo eleganti.
Questa differenza, o semplificazione, mi è tornata alla mente bevendo – venerdì scorso – il Metodo Classico Opera Brut. Millesimato 2007. L’ho degustato alla Cantina di Manuela in via Poerio, a Milano. Prezzo al tavolo 29 euro.
Chardonnay in purezza, quindi Blanc des Blancs.
Opera è un’azienda in Val di Cembra, est del Trentino. E’ nata nel 2006 per “iniziativa di due amici“.
Il Millesimato Brut 2007 è un buon vino. L’abbiamo bevuto durante il pasto, si è rivelato duttile. Buona freschezza, discreta “drittezza”.
Media complessità, equilibrato, persistenza sufficiente.
L’unico difetto, o forse caratteristica, è proprio la bollicina virile. Non proprio un “perlage fine” come è scritto nel sito. Da toscano, mi ha ricordato un po’ – ho detto “un po’ – l’acqua Verna gas(s)ata.
Senz’altro questa caratteristica indeboliva l’eleganza. La bottiglia è però finita senza alcuna difficoltà, anzi con piacere. Da ciò si evince la seguente massima: meglio un Metodo Classico non troppo cool ma di carattere, che uno spumante ben vestito ma esangue.
Poi, certo, se lo trovate sia ben vestito che di carattere, siamo tutti più contenti.

Un Commento a “Bollicine croccanti”

  • Federico Bindi:

    Ne deduco che gli spumanti sono come le donne, ed infatti entrambi danno alla testa.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento