Porto Cervo Wine Festival

Da oggi fino  a domenica sera sarò al Porto Cervo Wine Festival. E’ la quarta edizione, comincia oggi. Tra gli ospiti, Jarno Trulli, Bruno Gambacorta, Luciano Pignataro.  E il sottoscritto.
Incontrerò il pubblico, per presentare i miei due libri sul vino, domenica alle 16.30.
La cornice scenografica è splendida, le aziende presenti inseguono un gusto molto “internazionale” (con qualche eccezione).
Mi sarebbe piaciuto vedere Zucchero che inveisce contro le turiste russe distratte durante il suo concerto, ma sfortunatamente non sarà presente a Cala di Volpe.
Ci vediamo là.  E se non ci vediamo, vi scriverò cosa ho visto e degustato.

5 Commenti a “Porto Cervo Wine Festival”

  • Giodemu:

    Mannaggia a te, Scanzi! Vieni in Sardegna proprio nel weekend elettorale (10 referendum regionali, di taglio prevalentemente “anti-casta”). Io dovrò lavorare mattina e pomeriggio da oggi a lunedì, mi perderò anche Donpasta Slecter. Peccato, davvero!

  • benux:

    Trulli viene per presentare i suoi vini?
    li hai mai bevuti?

  • Alessandro, Enea:

    Mi dispiace non essere presente a Cala di Volpe per conoscerti, se fossi stato più vicino sarei venuto anche se avrei litigato con i miei fratelli.
    Non credo che ti stupiscano i vini di Jarno se li dovesse presentare.
    In quanto ai tuoi libri che presenterai, sarà un successo, come sempre.
    Un caloroso saluto,

    Alessandro, Enea

  • simona:

    Benvenuto nella nostra terra.

    “Ubriacati” di Sardegna, anche se sei in posto molto “internazionale” e poco Sardo.

    Buon fine settimana.

  • Ci piacerebbe che venisse a degustare i nostri vini dopo la presentazione, ieri mi pare non avesse il calice con se.Cosa intende per aziende internazionali…?buon lavoro!eva

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento