I cani lo sanno

Da oggi in libreria.

È tutta questione di sguardi. È sempre stato così.
Il nostro – quello degli umani – è proiettato in avanti, spesso miope, quasi sempre selettivo. Il loro – quello dei cani – è ancorato al suolo, grandangolare, spalancato su un mondo dove niente è mai di troppo. Ed è il loro punto di vista basso, umile, mai servile, stoicamente onnipresente che ci insegna a essere umani.

Andrea Scanzi racconta delle sue Labrador, Tavira e Zara: delle loro abitudini, delle loro peculiarità, delle avventure di cui sono protagoniste.
Ci sono categorizzazioni, e tipologizzazioni (cane bonsai, cane Springsteen, cane camionista), che finiscono per evocare quello che Shakespeare chiamava “il catalogo degli uomini”. Ribaltato, però. Ci sono il sesso, le malattie, l’intelligenza emotiva. Un mondo in cui si ride, molto, e ci si commuove, non di rado. In Tavira e Zara, e in tutti i cani che a loro si accompagnano, si riflette la comunità umana e lì si scopre fragile e potente, sconsiderata e ottusa. Forse anche felice.
Felicemente animale.

(Andrea Scanzi, I cani lo sanno, Feltrinelli, Euro 14 pp 160)

12 Commenti a “I cani lo sanno”

  • Lorenzo:

    BRAVO!!!

  • TOPAZIO:

    Che grandissima sorpresa !!!

  • Luca Miraglia:

    …anche stavolta, da Feltrinelli, il tuo libro me lo hanno preso dai pacchi ancora chiusi!!

  • Mattia:

    Non capisco cosa mi sia preso: non sono ancora corso a comprarlo!
    Auguri per tutto,
    m.

  • Lorenzo (ma forza Vale):

    Intrigante, oltre a leggerlo, naturalmente, a naso credo che lo regalerò molto, ho già in mente un pò di persone adatte…
    Sul futuro di questo blog e della tua frequentazione del mondo del vino sei già stato chiaro nell’altro post, ma approfitto per chiederti conferma di una cosa che ormai mi sembra scontata: si è chiusa a tutti i livelli la tua collaborazione con La Stampa?Di conseguenza anche i tuoi contatti con il mondo del motomondiale?
    In bocca al lupo per questo nuovo spicchio di vita.

  • penso che lo comprerò, da amante degli animali, non che padroncino di Golden, gatti e civette.

    P.s. sono in vendemmia e ho una stagista dal Mendoza, che possiene una Bodega. Le ho dato da leggere “Il vino degli altri”. Codivide la tua visione di Argentina e di quella regione.

    Secondo p.s. quello che più l’ha sorpresa nella nostra azienda è a sue parole “usate quasi nulla su mosto e vino, come fa il vino a venire buono?”

  • Francesco Santini:

    Avendo anche questa passione in comune non mi resta che passare in libreria al più presto…

  • matilde:

    ho iniziato ieri il tuo libro, regalo di compleanno, e ne sono stata totalmente rapita. Non ti conoscevo se non di nome, saltuariamente avevo letto qualcosa di tuo. Ma il tuo stile mi ha stregata… ho aperto un capitolo a caso, e mi salta agli occhi Safran Foer, e non è un caso… poi scopro che sei anche critico di vino… insomma … non ti perderò di vista…

  • Se vi può interessare venerdì 14 ottobre uscirà su sololibri.net la recensione dell’ultimo libro di andrea ” i cani lo sanno”.

    Libro divertente, da condividere con chi abbia la passione per questi insostituibili esseri a quattro zampe. Buona lettura emmabi

  • Avevo lasciato un breve scritto per la lettura di una recensione del libro…ahimè è sparita..a meno che sia oggetto della revisione dei moderatori. Saluti cari emmabi

  • Andrea Scanzi:

    Avevo visto, Emmabi, e ho postato la tua recensione anche nel mio sito, http://www.andreascanzi.it.
    Ti ringrazio.

  • Lara:

    mi è piaciuto il capitolo sulla Cappella Sistina, il rito mistico insomma. Tutto verissimo. Essendo compagno di vita di due femmine non hai menzionato, però, un particolare, che mi permetto di aggiungere: nel momento del massimo sforzo creativo l’artista di genere maschile sfodera anche la spada infuocata in tutto il suo splendore. Il che, credo, non fa che confermare l’importanza del momento!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento