Torre dei Beati

Di Abruzzo ho parlato spesso. E’ terra che sento vicina e che mi affascina, per mille motivi. Quando ho modo, ci vado con entusiasmo.
Nel libro ho dedicato un capitolo intero a Francesco Valentini. Un’azienda di cui molto si sa.
Si sa un po’ meno di Torre dei Beati. A cui devo delle scuse: mi hanno spedito la loro pattuglia di vini quasi tre mesi fa e ho avuto modo di provarli solo adesso.
E’ un’azienda emergente, con sede a Loreto Aprutino, lo stesso paese di Valentini. I proprietari sono Fausto Albanesi e Adriana Galasso. Li ho conosciuti quando ho ritirato il Premio Abruzzo Wine a Pescara. Coppia piacevolissima.
Fausto, poco dopo quella serata dicembrina, mi ha scritto una lettera molto bella. Si era appena operato di ernia e nonostante questo ha trovato il tempo di raccontarmi la sua storia. Ho pure rischiato di rovinargli la degenza post-operatoria. Aveva appena letto Il vino degli altri e alcune pagine lo avevano fatto ridere troppo, rischiando di spostare qualche costola e vertebra (sì, anche a me il capitolo sul concorso in Valle D’Aosta sembrava essere buffo). Lo ringrazio, tardivamente.
I loro vini li ho bevuti ora da solo e ora con amici. In un’occasione c’era Filippo Graziani, figlio di Ivan: è stato il mio tributo ulteriore all’Abruzzo, che ha dato i natali al grande cantautore e chitarrista teramano.
Torre dei Beati è un’azienda che lavora in biologico. Fa quasi soltanto rossi. L’unico bianco, da Pecorino in purezza, si chiamava Primo Bianco e adesso Giocheremo con i fiori. Apprezzabile, non ancora centrato.
Il Cerasuolo d’Abruzzo, tipologia molto importante da quelle parti, è il Rosa-ae e mi ha convinto grazie a un’acidità e una mineraltà spiccate. Forse solo l’Abruzzo sa emozionarmi coi rosati.
C’è poi la milizia dei tre Montepulciano d’Abruzzo: il base e poi i fuoriserie Cocciapazza e Mazzamurello. Rossi importanti, strutturati, impegnativi. Da una parte c’è l’ambizione a trarre dal vitigno un’eleganza non scontata. Dall’altra ho avvertito qua e là un eccesso di muscolo, staticità e (forse) legno. Mi fa piacere, e non è la prima volta, che mi sia trovato in sintonia con Giovanni Bietti, che ne parla a pagina 105 di Vini naturali d’Italia Volume 1.
Allo stato attuale, Torre dei Beati è un’azienda in ascesa, con un bel rapporto qualità/prezzo e un livello organolettico medio di tutto rispetto. Ho però la sensazione che, a partire già dalle nuove annate, si assisterà a un miglioramento ulteriore.
Anche per questo credo vada tenuta d’occhio.

8 Commenti a “Torre dei Beati”

  • Marie Helene:

    Il nome è una garanzia…

  • Massimiliano:

    Sai che il Cocciapazza non mi ha convinto? Nessuna delle due bottiglie che ho comprato. Il Mazzamurello non l’ho ancora aperto mentre il Pecorino quando sono andato a gennaio (il 9 mi sembra) lo avevano finito.

  • Enone:

    Era ora..

  • Enone:

    Si si… e sono felice che lo ami anche te che sei un cultore..

  • Moschini Umberto:

    Molto interessante il Rosa-ae ,il Montepulciano cerasuolo d’Abruzzo

  • DOSON:

    Ho avuto il piacere di degustare il Pecorino e i 3 Montepulciano presso il loro stand al Vinitaly, bè il pecorino mi è sembrato molto piacevole e minerale, dei tre rossi sicuramente il mazzamurello, voglio provare a gustarmelo con calma ora. Un plauso a Francesca che ci ha illustrato la gamma dei Beati con passione e competenza!

  • franco bertini:

    direi che fausto e adriana producono dei vini favolosi e dico poco.

  • Packy:

    Azienda modesta con vini incapaci a fare breccia.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento