Battaglio – Tenuta Petruno Perniola

Alle radici del Primitivo“. E’ questo lo slogan della Tenuta Patruno Perniola. Gioia del Colle, Bari. Piccola azienda, tre etichette in produzione. Il Marzagaglia, una Doc Gioia del Colle 100 percento Primitivo: il vino più impegnativo, che non ho bevuto. Il Chirintana, Igt con Primitivo in purezza sottoposto a parziale appassimento dell’uva. Ne ho una bottiglia a casa, la berrò.
Il terzo vino, forse il più tradizionale, è l’Igt Battaglio. Ancora Primitivo in purezza. Vigneti con almeno sei anni di vita.
Sono venuto a conoscenza dell’azienda grazie a Manila Benedetto, che – durante la presentazione a Polignano a mare – mi tirò le orecchie, non senza motivazioni, per avere parlato poco dei vini pugliesi nei due libri.
Ho bevuto il Battaglio 2007 ieri sera. Sul Primitivo ci sono scuole di pensiero opposte; chi lo ritiene un vitigno che può solo fare “massa”, chi punta invece a un lodevole incremento qualitativo. In una regione, peraltro, non ancora uscita interamente dal concetto di vino quantitativo e non qualitativo.
Non conosco il prezzo della bottiglia, ma il Battaglio è un bel vino. L’unico limite che posso trovargli è una sorta di eccessiva educazione. Non è né ruffiano né piacione. Né marmellatoso (nonostante i 14 gradi: ben gestiti) o concentrato. Avrei solo preferito qualche lieve spigolatura in più. Maggiore anima, forse.
E’ un vino pulito, preciso, che mira alla morbidezza ma non dimentica l’acidità. Profumi schietti di frutta e fiori rossi, buona bevibilità. Inizialmente si percepisce al naso un legno non ancora smaltito appieno (dopo un primo periodo in acciaio, il vino sosta 8 mesi in barrique lievemente tostate).
Detto che è un bel prodotto, immagino con un rapporto vantaggioso qualità/prezzo, un coraggio più deciso permetterebbe al vitigno di raccontare ancora di più la sua terra. E la sua storia. La strada pare quella giusta. Si tratta solo di togliere qualche freno inibitore.

5 Commenti a “Battaglio – Tenuta Petruno Perniola”

  • benux:

    credo di essere a questo punto tra i pochi che adora questo vitigno anche al supermercato quando hai pochi euro da spendere esce sempre un buon prodotto.

  • Marco:

    La Puglia è una terra che può dare ma ancora non lo sa.
    Fortunatamente c è chi ne sta prendendo coscienza.

    Penso che tra i vari primitivi che possono “far massa” in prima fila ci sia quello prodotto a Manduria.Mi ricorda i vini californiani , alcolici(circa 18°) e molto dolci , abiurati dai bevitori vip perchè ordinati a man bassa nelle enoteche.
    Ma non può comunque essere un primo ed ingenuo approccio all immenso mondo vino ?

  • Antonella Briglia:

    Forza Peuceto…sei tutti noi…

  • roberto colucci:

    Sono contento di sentire apprezzamenti sui vini pugliesi spero di trovarlo anche a Torino

  • maurizio colucci:

    Questo vino deve essere apprezzato da molte più persone,mi auguro di vederlo esposto nelle enoteche di tutta Italia,se lo merita.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento