Vini Naturali a Roma 2011

Bella rassegna, quella dei Vini Naturali all’Hotel Columbus di Roma. La organizza Tiziana Gallo ed è la seconda volta che la visito. Ha avuto luogo lo scorso weekend, ci sono stato sabato. Era la terza edizione. Figurano sia aziende di Vini Veri, sia di VinNatur: il compromesso storico è possibile.
Rispetto a un anno fa, clima molto più gradevole e cordiale. Nessuna rissa, nessuno sclero, nessuno strale volgare. Sembrava tutto bello e sereno. Sembrava quasi che si stesse parlando “soltanto” di vino. Che tutti fossero lì per godersi una bella giornata e prodotti quasi sempre di pregio. Bel clima davvero (no, Sandro Sangiorgi non c’era).
Gran parte delle aziende presenti le ho citate nei libri e in questo blog. Se c’è un vanto che mi terrò sempre stretto, è quello di avere portato per primo – grazie a tanti bravi maestri – una galassia meritoria di prodotti eretici in un contesto “mainstream” come Mondadori. Sono aziende che dovrebbero uscire dalla nicchia o quantomeno dalla schiera ristretta delle pubblicazioni (a volte) barbose per iniziati o (talora) depressi frustrati.
Fare una recensione di tutta la milizia biologica/biodinamica/etc. sarebbe impossibile, anche perché al mio fegato tengo (più di Piero Ciampi, quantomeno) e ho dovuto fare le mie scelte. Mi limito così, ricordando che almeno l’80 percento dei partecipanti ha la mia stima umana e qualitativa, a segnalare i prodotti da me maggiormente apprezzati.
Bollicine. Non ce n’erano molte, a meno che non si faccia rientrare nella categoria anche le birre artigianali (Clan!Destino, Cittavecchia, 32 Via dei Birrai). Dico così – soltanto – Camillo Donati e Casa Coste Piane.
Bianchi. Macerati, soprattutto ma non soltanto. Castellada (Ribolla e Friulano in particolare), Zidarich (Vitovska e Prulke), Ciro Picariello, La Biancara di Angiolino Maule, Emidio Pepe, il Verdicchio de La Distesa, la Vitovska di Vodopivec.
Rosati. Massavecchia (sorprendente).
Rossi. La pattuglia dei Barolo deluxe (Giuseppe Rinaldi e poi Cappellano, Cavallotto, Principiano). Il Barbaresco di Teobaldo Rivella. Il Cesanese de La Visciola, il Dolcetto di San Fereolo, il Syrah 2008 di Stefano Amerighi (il ragazzo sta crescendo). La Barbera di Ezio Trinchero, A’ Vita di Vigna de Franco, Ar.Pe.Pe. (semper fidelis).
Vini dolci. Ezio Cerruti.
La lista è imparziale e qui mi fermo. Ma è stato, è e sarà un bel bere.

6 Commenti a “Vini Naturali a Roma 2011”

  • Andrea Scanzi:

    Una bella intervista di Giulia Graglia a Tiziano Gallo sulla rassegna.
    http://senzatrucco.wordpress.com/2011/02/02/vini-naturali-a-roma-2011-intervista-a-tiziana-gallo/

  • Claudio:

    c’ero anch’io come sempre e mi permetto di aggiungere alla tua minilista, tra le tante ottime cose presenti, Daniele Portinari per i bianchi (dal vicentino), Santa Caterina per il vermentino sia classico che macerato (Colli di Luni), Porta del Vento per i bianchi ed i rossi (il suo Saharay, carricante macerato, è stupendo, ma anche i rossi da Nero d’Avola e Perricone), Paraschos per tutto (provato il Not, Pinot Grigio macerato, praticamente un rosato?) ed infine Lantieri con la sua magica Malvasia delle Lipari, uno di quei pochi casi in cui mi innamoro di un vino dolce.

  • Giovanna:

    Posso sapere chi sono i suoi bravi maestri?
    grazie per la risposta .
    Giovanna Morganti

  • Una bella manifestazione dove erano presenti molti vini(futuri vini) attoadivenire…….;)

  • Andrea Scanzi:

    Quelli che cito nei miei libri, Morganti. Quelli che meritavano di essere letti e citati. Alcuni morti, altri vivissimi. Altri mai stati vivi.

  • Mattia ravioli:

    sono d’ accordo con te sul rosato di Massavecchia; davvero sorprendente…

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento