Prulke 2007 – Zidarich

Anno nuovo, vizi vecchi. Laddove i vizi vecchi risiedono negli orange wine o, come li chiama il mio amico Arnaldo Rossi, i vini macerativi.
Qualche sera ho cenato allo slowfood Grappolo D’Oro Zampanò. Un buon posto a Campo de’ Fiori, quindi una rarità nell’assai deludente contesto enogastronomico romano. Ancor più in centro.
La carta dei vini, buona ma un po’ acerba, lascia intendere che i proprietari vorrebbero osare ma hanno paura di non ricevere il plauso della clientela.
Ho scelto un Prulke 2007 di Zidarich. Uno dei migliori vini del Carso (non fate battute grevi: non è il blog di Martufello). Beniamino Zidarich è tra i maggiori interpreti della Vitovska. E non solo. Ne ho parlato più volte, nell’ultimo libro e in questo blog.
Il Prulke è un blend di 60 percento Sauvignon, 20 Vitovska e 20 Malvasia. Tutte le uve vengono dallo stesso vigneto. Lieviti autoctoni, pietra e vento come scenario carsico. Malolattica in grandi botti di rovere, affinamento in botti medie e grande di Slavonia (tostatura naturale). Non so il tempo esatto della macerazione, comunque non breve.
Niente filtrazione, niente stabilizzazione.
E’ un orange wine di grande carattere e altrettanta bevibilità. Giallo dorato, lievemente torbido. Al naso frutta gialla, anche mandarino. Speziatura evidente.
Freschezza notevole, sapidità da gridare al miracolo. Buona morbidezza. Non stanca minimamente e migliora con l’aumento della temperatura (qui il cestello del ghiaccio non serve). Lungo, complesso, fine.
L’ho preso a ventotto euro. Lo riprenderei subito.

10 Commenti a “Prulke 2007 – Zidarich”

  • Carolina:

    Fa impazzire pure a me!

  • Maria:

    Lo proverò.
    Andrea, a quando in Puglia..?

  • Antonio:

    Come darti torto?I vini di Zidarich sono strepitosi e raccontano un territorio straordinario che è quello del Carso.Qualcuno conosce invece i vini di Skerlj?

  • Fulvio:

    ‎28 euro? apperò….mi incuriosisce….dimmi qualcosa in più……

  • Andrea Scanzi:

    @Fulvio. Ventotto al ristorante in centro a Roma, in enoteca sta sui 20. Un bianco macerativo, quindi con più struttura, un po’ di tannini e profumi più da passito che non da bianco secco. Bella freschezza, grande mineralità. Ambizioso e riuscito. Abbinamenti: con quello che ti pare. :) La carne no, non piatti troppo elaborati almeno. Per il resto, se la cava con tutto. Anche da solo. Si beve con un piacere totale. Non buttarlo giù a temperature troppo basse, stai sui 15 gradi.

  • Fulvio:

    grazie Andre lo proverò!!!!

  • marco:

    Vino diverso, ma la tipologia di abbinamento è quella del Pico ?
    Sbaglio ?
    ciao

  • andreaB:

    Proprio un vino che appaga il cuore. Mi ricorda, per certi versi, la ribolla di Gravner: così complessa e così bevibile. La Ribolla forse più fine, il Prulke più sapido. Vini interessanti anche perchè combinano un’esplicita evoluzione e conseguente personalità con un grado alcolico contenuto.
    Prosit
    Andrea

  • Francesco Santini:

    Esce dalla cantina a 13,00, il vino è davvero buonissimo, serbo in cantina un paio di cassette del fantastico 2005!
    Tra l’altro Beniamino ha costruito (o forse sarebbe più corretto dire scavato) una delle più belle cantine d’Italia. L a sala degustazioen che si affaccia sull’alto Adriatico rappresenta una delle viste più impressionanti che abbia mai ammirato nella mia vita…
    Notevole anche la sua Osmiza.

    F.

  • pippo:

    Grande vino !
    Sono d’accordo.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento