Archivio di gennaio 2014

Casa Coste Piane & Vignai da Duline

IMG_4929Finalmente sono tornato a visitare qualche cantina. L’ho fatto durante una tripla del mio nuovo tour, Le cattive strade.
Venerdì, prima di pranzo, sono stato a Valdobbiadene (Treviso) da Casa Coste Piane. Loris Follador non c’era, la moglie e il figlio Adelchi sì. Di gran lunga il miglior Prosecco, soprattutto il Brichet, che ha l’unico difetto di essere prodotto in un numero fatalmente esiguo.
Il giorno successivo, sempre a pranzo, finalmente ho visitato Vignai da Duline a San Giovanni al Natisone (Udine). C’era il proprietario Lorenzo. Sono state due ore splendide. E’ bello che una giovane coppia si batta per difendere la tradizione e la natura. E’ una visita che consiglio, per i vini ma anche per le storie che ascolterete. Vignai da Duline produce 20mila bottiglie annue: poche. Non sono bottglie economiche, si va dalle 18 euro (franco cantina) del Tocai alle 53 del raro Pinot Nero. Credo però che sia un prezzo giusto. Nel Friulano non troverete solo il Tocai verde ma anche quello giallo, ormai in via di scomparsa, e fu proprio il Tocai Giallo a fare innamorare il Maestro Veronelli di Vignai da Duline. Anche il Merlot è quello “vecchio”, egualmente morbido ma con una freschezza che lo salva. Le vigne più giovani hanno 70 anni, ed è un bell’ossimoro. Nel mio personalissimo cartellino (cit) ho trovato mirabili il Friulano 2012, le due annate di Morus Alba (Malvasia e Sauvignon) e un Pinot Nero 2013 che uscirà tra tre anni ma che abbiamo spillato appena un po’ dalla botte. Non appena degustato, non ho potuto non comprare un’annata 2009, con cui festeggerò i 10 anni di Tavira assieme a Perfect39.
Sono state due visite che mi hanno fatto bene: che mi hanno dato l’illusione che questo paese sia ancora vivo. Ed è anche per questo, oltre che per la qualità dei prodotti, che vi invito a fare altrettanto.