Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
marzo: 2017
L M M G V S D
« Feb    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Articoli marcati con tag ‘Roberta’

Non ci conosciamo, eppure giudichiamo e addirittura tifiamo (a proposito dell’omicidio di Vasto)

Schermata 2017-02-05 alle 19.30.23L’omicidio di Vasto mi ha colpito molto, come immagino molti di voi. Tutti ne stanno parlando da giorni: tivù, giornali, social. E molti stanno dando il peggio: anzitutto i social, che sono ormai quasi sempre una cloaca a cielo aperto. Persino di fronte alla morte si ragiona per tifo: da una parte quelli che “ha fatto bene ad ammazzarlo” e dall’altra i luogocomunisti buonisti, che hanno sempre una parola buona per tutto (soprattutto se la vita è quella degli altri e non la loro). Ho letto belle riflessioni. Per esempio Matteo Grandi. Selvaggia Lucarelli, stamani sul Fatto, sottolinea come negli omicidi stradali è naturale immedesimarsi in Fabio, che ha perso la moglie investita mentre passava col verde (e l’auto col rosso). Mentre non ci viene naturale immedesimarsi con Italo, l’investitore, che spesso (non sempre) esce distrutto dalla vicenda. Dico “spesso”, e “non sempre”, perché mi è capitato di conoscere famiglie che hanno vissuto il dramma di Fabio, e ciò che li devastava non era “solo” la morte, e nemmeno la sua assurdità, ma l’indifferenza che pareva trapelare dall’omicida. E’ possibile perdonare chi ha ammazzato una persona a noi cara? Mi è venuto sempre in mente Fabio Salvatore. Attore e scrittore, è un caro amico. Dieci anni fa, nel 2007, suo padre è stato investito e ucciso da tre ragazzi ubriachi. Lui e sua madre hanno perdonato. Non so come abbiano fatto. Nel frattempo lo Stato ha fatto qualcosa per punire l’omicidio colposo, ma dieci anni dopo sono ancora in attesa di giustizia. Giusto ieri, Fabio scriveva: “Il dolore ti mangia il cuore e l’anima. Ti annienta. Ti toglie ogni cosa. (..) Lui ha scelto di ammazzare chi ha ammazzato. Nessuno può giudicare. Nessuno può additare. Ma tutti possiamo impegnarci a cambiare questo stato che non da giustizia. Io sono al punto di partenza. Come nove anni fa. Mio padre è ancora un numero di procedura penale. Il 28 febbraio ci sarà l’ennesima udienza dopo tre anni di silenzio ! Molti scelgono di farsi giustizia, io ho solo chiesto giustizia. Nessuno osi giudicare chi vive il dolore !!! Mio padre è stato ammazzato sulla strada. Il suo corpo si è perso nel sangue. Oggi si chiamano omicidi stradali. Ma nulla cambia. Perché in questo stato non c’è pena. Non c’è giustizia. Non c’è certezza della pena”. Oggi, a Domenica In, a parlare di omicidio stradale in rappresentanza dello Stato c’erano Gasparri e Picierno. Non è una battuta: c’erano proprio loro. Roba da vergognarsi in eterno. Fabio, che dopo l’omicidio ha lasciato la pistola davanti alla lapide della moglie Roberta come a dire “Adesso è finito tutto”, dice che Italo non ha mai chiesto scuso. Che se n’è fregato. Che lo ha addirittura provocato e sfidato. La famiglia di Italo afferma il contrario: era distrutto, non riusciva a più a vivere e tutti lo avevano abbandonato. Italo aveva 21 anni, era incensurato e faceva 62 km/h in una strada con limite a 50. Non era ubriaco. Forse stava guardando whatsapp, come facciamo a vent’anni e purtroppo non solo a vent’anni. Quante volte lo abbiamo fatto anche noi, e abbiamo avuto solo il culo di non investire nessuno mentre smanettavamo come deficienti sullo smartphone? Lo Stato non poteva punirlo più di così, perché la legislatura è questa. In tutto questo, ed è ciò che mi atterrisce, mi chiedo: io, al posto di Fabio, cosa avrei fatto? E voi cosa avreste fatto? Noi, che giudichiamo sui social dall’alto del pulpito di questo cazzo: noi, se fossimo stati coinvolti direttamente, come avremmo reagito? Se non avessimo avuto l’aiuto e il supporto necessari a elaborare un lutto probabilmente mai elaborabile, e se fossimo stati calati in una comunità che “chiedeva giustizia?, cosa avremmo fatto? La verità, almeno per me, è che non ho risposte. Sono obiettore di coscienza, pacifista e non ho mai preso in mano un’arma. Eppure non so, non lo so per niente, come reagirei se una persona mi togliesse un affetto caro. Non lo so. Farei bella figura, qui, a dire che “avrei perdonato”, ma non lo so se ci sarei riuscito. Non lo so per niente. Una parte di me, pur sapendo che ha sbagliato e pur avendo ben chiaro i pericoli del “branco” assetato di sangue, capisce il comportamento di Fabio. Sì: non lo condivide, ma lo capisce. Ci sono momenti, nella vita, in cui sai benissimo che non devi fare una cosa, perché sai che è sbagliata, eppure ti sembra l’unica soluzione.Basta una parola sbagliata, uno sguardo equivoco e poi è già troppo tardi. La vendetta è uno dei sentimenti più drammaticamente umani che esistano. Ed ecco cosa mi fa male: che tutti noi giudichiamo o peggio tifiamo, dimenticando che l’unica certezza è che – in quel maledetto incidente – sono morti non in uno ma in tre. Ecco cosa mi spaventa: che non ci conosciamo mai abbastanza, eppure pretendiamo addirittura di giudicare gli altri.