Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
febbraio: 2018
L M M G V S D
« Gen    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728  

Articoli marcati con tag ‘Cremona’

“Con il no, l’Italia ha voluto alzare la testa”

schermata-2016-12-13-alle-18-15-29Il balletto postato in Facebook in cui Andrea Scanzi festeggia la vittoria del no è diventato virale. La stessa performance ci sarà in Il sogno di un’Italia. 1984/2004 vent’anni senza andare mai a tempo, che martedì 13 e mercoledì 14 dicembre aprirà la stagione di prosa del Ponchielli?
“Non mi sarei mai aspettato tanto clamore. Comunque c’è un momento in cui sono sullo sfondo e ballo, mentre Giulio Casale canta Viva l’Italia”.
Nessun aggiornamento rispetto al recente esito del referendum?
“Io e Giulio abbiamo definito con precisione il periodo di tempo che prendiamo in esame per evitare sconfinamenti nella cronaca. Ma sul finale, quando riprendo la citazione di Mario Monicelli sulla speranza come trappola, la vittoria del no potrebbe starci”.
In che senso?
“Il fatto di sperare in un futuro migliore, in una soluzione possibile che non dipenda da noi ha da sempre caratterizzato il nostro paese. Con il no gli italiani sembrano aver alzato la testa”.
Il suo spettacolo è dedicato alla sua generazione, la stessa del rottamatore Matteo Renzi… Una bella disfatta per i quarantenni.
“Ma Matteo Renzi non è mai stato un rottamatore, è l’esatto contrario”.
Eppure si è presentato così.
“Da toscano come lui, posso dire che Renzi è quello che si potrebbe definire un bulletto di provincia. Si è presentato come l’anti casta, il rinnovatore, e alla fine si è rivelato una sorta di Gattopardo 2.0. Si è circondato di persone vecchie, non anagraficamente, ma nel pensiero. Gli italiani l’hanno capito e hanno votato no. Eppure Matteo Renzi un primato ce l’ha”.
Quale?
“E’ riuscito in tre anni a bruciarsi tutta la simpatia che aveva suscitato. Silvio Berlusconi ci ha impiegato vent’anni”.
Eppure considera il suo 40 per cento di sì un successo personale.
“Un’altra miopia, quel 40 per cento non è unitario come crede, è frutto di più voci e diverse posizioni. Ne’ più ne’ meno come il 60 per cento del no”.
Renzi è il frutto del ventennio di cui parla in Il sogno di un’Italia?
“Renzi è l’ultimo tassello di un processo iniziato vent’anni fa e precisamente nel 1984 con la morte di Berlinguer, quando si smise di dire noi per cominciare a fare una politica con protagonista l’Io. Basti pensare a Craxi prima e poi a Berlusconi…”.
Anni dell’edonismo reganiano prima, poi tangentopoli e la nascita della seconda Repubblica…
“E la strage di Capaci, l’attentato a Paolo Borsellino. Mi ricordo che dopo l’uccisione di Falcone e Borsellino, Antonino Caponnetto cominciò un tour nelle scuole italiane. Venne anche ad Arezzo. Quell’incontro fu folgorante, io e i miei compagni uscimmo con la convinzione di poter cambiare il mondo e poi alla nostra prima votazione ci trovammo Berlusconi. Da qui la discesa, abbiamo assistito e sopportato di tutto, il decadimento della politica”.
Perché nessuno ha reagito?
“Il popolo italiano è l’unico a non aver mai fatto una vera rivoluzione… Mugugniamo, ci lamentiamo ma poi buttiamo giù tutto, sopportiamo l’insopportabile. Se penso al decennio 1994/2004, lasciando stare il G8 che fa storia sé, l’unico moto di protesta furono i girotondi… ma con che effetto?”
Per questo legge il no di domenica come un alzare la testa?
“Chi ha detto no sono stati anzitutto gli under 35. Il sì ha pescato fra gli over sessanta… Questo dovrebbe far pensare”.
Che cosa vuole suscitare con Il sogno di un’Italia?
“Un po’ di indignazione e una comune presa di coscienza del nostro folle sopportar tutto”.

(La Provincia di Cremona, Nicola Arrigoni)