Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
Settembre: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Vodafone (Arezzo) Mon Amour

Premessa. Ho già un blog sul Fatto Quotidiano, ne ho un altro sul vino. E non è mia intenzione, qui, pubblicare tutto ciò che esce sulla versione cartacea del Fatto; sia perché spesso i pezzi vengono già ripresi da Dagospia, sia perché il giornale – giustamente – centellina sul web ciò che esce su carta.
Ho così deciso che, in questo spazio,  scriverò di quello che mi pare. Così, un po’ a cazzo di cane, come direbbe Renè Ferretti.
Oggi parliamo di Vodafone.
La cruda realtà dei fatti. Il 4 novembre 2011, alle ore 12.39 come attesta lo scontrino che posso esibire alla bisogna (cit), compro il mio iPhone nero 4S. Nessun comodato d’uso: lo acquisto e basta. Daje.
Avevo una ricaricabile Vodafone e, con l’occasione, ho deciso di continuare con quella compagnia telefonica. Seguo poco il mercato, non so quasi nulla di tariffe (che palle – ronf – chi le sa a memoria) e non so dirvi se Vodafone sia stata finora deludente o no. So che ho pessimi ricordi della Tre. La Tim? Già dato. Wind ha poca copertura: non c’è molto altro da scegliere.
Con l’acquisto dell’iPhone, converto la mia ricaribabile in un contratto con Partita Iva. Un canone mensile. Alla fine scelgo una delle opzioni proposte da Vodafone (inutile specificare quale).
Firmo il contratto e allego tutto ciò che serve: certificato di attribuzione del numero di Partita Iva, carta d’identità, carta di credito. Il contratto ha anch’esso firma 4 novembre 2011. Un venerdì. Nel momento dell’acquisto non c’è il proprietario, o colui che credo essere mio proprietario. Un quarantenne o giù di lì, assai risoluto e compiaciuto.
Ah, già. Il luogo dell’acquisto è il punto ufficiale Vodafone Arezzo, denominato Elettrocasa. Due passi dal centro. Era la prima volta che mi servivo lì e per questo non posso testimoniare o meno l’effettivo funzionamento della struttura (che immagino, solitamente, impeccabile).
C’è una ragazza, molto preparata, che mi segue con dovizia. E’ la commessa a compilare tutto. Accanto c’è un ragazzo ancora più giovane, che non avrà ruolo nella vicenda (se non marginale). Mantengo il vecchio numero, ma dovrò passare dalla vecchia SIM alla micro-SIM (in uso sugli iPhone). Quindi, fino a quando non sarà attivata la nuova micro-Sim, non potrò usare l’iPhone ma mantenere quello vecchio (che sta cadendo a pezzi).
La ragazza, pur non dandomi date esatte, mi fa capire che l’attivazione non sarà velocissima ma avrà luogo in pochi giorni, probabilmente all’inizio della settimana successiva. Mi conferma che ha tutti i fogli e che li invierà quanto prima a Vodafone.
Passano cinque giorni e nulla accade. Mi era stato detto che mi sarei accorto dell’attivazione della micro-SIM perché quella vecchia avrebbe cessato di colpo. Invece funziona ancora (purtroppo, mi viene da dire). Passo dal negozio martedì poco prima di pranzo e la ragazza, così come il giovin collega, mi confermano che “è normale che ci sia qualche ritardo, la schermata Vodafone diceva giusto ieri che la pratica era ancora in lavorazione“.
E’ normale, ripetono. Tempistica comune. Chiedo in giro e non è normale per nessuno. Neanche per me: in passato (non lontano) ho aspettato non più di 1-2 giorni per un cambio di tariffa e/o contratto e/o compagnia telefonica.
Venerdì vado in Langa per lavoro. La micro-SIM non è stata ancora attivata ed è passata una settimana. Cominciano a girarmi le palle. Chiedo a mio padre se può passare dal negozio. Mio padre ci passa venerdì pomeriggio. Trova ancora la ragazza. La quale, imbarazzata, ammette che ha sbagliato a compilare il contratto, che la Vodafone “non capiva una x” (cosa c’è da capire in una “x”?) e che la stessa Vodafone ha comunicato l’intoppo solo il giorno prima (giovedì: sei giorni dopo il contratto). Quindi il ritardo è colpa della compagnia. “Comunque stia tranquillo, oggi o massimo domani tutto funzionerà. Male male che vada, lunedì“.
Arriviamo a lunedì, cioè oggi, e sono 10 giorni dal contratto. La micro-SIM non funziona. Sì: mi girano decisamente le palle.
Impossibilitato a recarmi al negozio, telefono. Mi risponde (credo) il proprietario o colui che si spaccia per tale. Il quarantenne o giù di lì. Mi fa parlare appena (e da quel poco intuisco che non sa nulla della mia pratica). Poi mi interrompe con la sicumera di Briegel a valanga sulle caviglie coi tacchetti: “Si calmi, è normale questo ritardo“. Eddai: “è normale”. Deve essere il Mantra Vodafone. E’ normale che per una banale conversione (all’interno della stessa compagnia telefonica) intercorrano 10 giorni (dal 4 al 14 novembre). Faccio presente che non è minimamente “normale”, che è successo solo a me e che pochi giorni prima la ragazza aveva ammesso con imbarazzo l'(umanissimo) errore da cui derivava il ritardo.
Il tipo, in palese difficoltà, punta sull’arroganza: “Un attimo per favore!” (un attimo lungo 10 giorni), “E’ normale!” (ma bastaaaaaaaaaa), “Lei non sa di cosa parla!” (originale). Dopo avermi fatto passare per cliente sgradevole che osa lamentarsi di ciò che è invece prassi comune, ribadendo che “dipende solo dalla lentezza di Vodafone“, mi fa presente che la pratica è stata comunque corretta e rimandata, “come ha detto la ragazza a suo padre sabato” (no: era venerdì).
All’ennesima tirata supponente, lo stoppo con un “Arrivederci” e attacco.
A quel punto telefono al 190. Il numero verde Vodafone. Tutto questo accade alle 11.40 circa di lunedì 14 novembre, subito dopo la telefonata con Elettrocasa. Mi viene passato l’ufficio per i contratti con Partita Iva. Risponde una signora, molto gentile. Comunico il mio numero di Partita Iva. Non esiste alcun contratto a mio nome. Comunico il mio numero. A Vodafone risulta la mia vecchia ricaricabile, ma nessun contratto con Partita Iva. “Non so cosa hanno combinato nel negozio, ma qui non  c’è niente” (attenzione: pochi minuti prima il responsabile aretino aveva sostenuto che “ora è tutto a posto“).
La signora fa una ulteriore ricerca. Scopre, alla fine, che nella mia pratica c’è  una notifica datata 13 novembre (cioè domenica, quindi né venerdì e né sabato come sostenuto dal negozio). Lì si comunica che, in merito alla mia richiesta, mancano domicilio e modulo di autorizzazione relativo alla Partita Iva. Di fatto manca quasi tutto (e nessuno a Vodafone mi fa menzione di “x illeggibili” sul contratto).
La signora mi dice che in questi 10 giorni non è stato fatto niente, che quel ritardo non è minimamente “un lasso di tempo normale” e che, senza la mia telefonata, lo stallo sarebbe perdurato. Mi consiglia di richiamare il negozio. Giammai: piuttosto cambio compagnia. La signora dichiara allora di farsi carico – lei o un collega – della pratica. “Telefoneremo al negozio e le faremo sapere“. La ringrazio: è stata deliziosa (ormai, se incontriamo una persona garbata, ci sembra un miracolo. Pensate come siamo ridotti).
Pochi minuti dopo, esattamente alle ore 12.01, ricevo un sms. E’ un numero privato, immagino della “signora Vodafone” (oppure della commessa Tecnocasa in incognito). Il testo – che conservo come il resto: così i “furbini” troveranno pochi specchi da scalare – è inequivocabile. Recita, testualmente: “Gentile cliente ho contattato l’agenzia hanno risottomesso la pratica corretta. Grazie e buonagiornata” (sì, le virgole sono in disuso).
Dieci giorni buttati.
Ovviamente i drammi sono altri e tutti commettono errori. Io per primo. Sarà dipeso da una serie di coincidenze sfortunate. Non ho nulla contro la commessa. Quello che è sconcertante, da un lato, è constatare come la competenza sia spesso un miraggio; dall’altro, l’arroganza di chi non ammette lo sbaglio nemmeno di fronte alla evidenza. Preferendo, alle scuse, la prepotenza verbale (un ottimo metodo per fronteggiare la crisi). E mai pensando che quel cliente ha un blog su cui racconterà tutto (della serie: stare al passo coi tempi).
(Ultima puntata: la mattina successiva, 15 novembre 2011, la micro-SIM era magicamente attiva. Come aveva promesso la signora Vodafone. Vedi che coincidenza: è bastato telefonare e “arrabbiarsi”. Siamo in Italia, baby. Per la precisione, segnalo comunque che: a) iIl Servizio “Mobile iPhone” era stato inviato due volte dall’agenzia aretina a Vodafone (dal nulla al troppo), quindi mi è arrivato un sms che attestava il problema: ho dovuto richiamare il 190, rivelatosi nuovamente gentilissimo. Se non lo avessi chiamato, gli MMS inviati mi sarebbero costati 5 euro cadauno (non chiedetemi perché). b) La vecchia rubrica non era stata salvata correttamente sulla nuova microSIM, ho dovuto provvedere da solo).

P.S. Quando mi hanno abilitato la micro-SIM, per festeggiare ho telefonato a Luigi Amicone con l’iPhone e gli ho detto che è brutto. Mi ha risposto che glielo diceva anche Baget Bozzo.

22 Commenti a “Vodafone (Arezzo) Mon Amour”

  • Enrico:

    sarà stata una punizione divina del Dio dell’open source per aver comprato un iphone?

  • Cors:

    L’unico sistema oramai è incazzarsi come delle vipere calpestate.

  • Nicola:

    Anch’io ho passato UN MESE (!!!) da incubo grazie a Fastweb. Il tuo articolo da un lato mi consola nel senso che scopro di non essere stato l’unico ad aver problemi con le compagnie telefoniche, dall’altro avvilisce. Anche questa è l’Italia, baby!

  • Adriano:

    Io ho 3 attici perchè sono pieno di passione (cit,). Però soffro di vertigini

  • Stefano:

    E’ vero, la crisi non c’è. Stamattina ho aperto il rubinetto per lavarmi il viso, sgorgava un liquido rossastro, poco colorato. L’ho fatto analizzare: era Romanèe-Conti.
    Ho lasciato aperto il rubinetto.

  • Valentina:

    Ovviamente pure io ho dovuto minacciare rappresaglie planetarie
    Dubal

  • Donatella:

    sto aspettando di sapere dov’è il mio attico a roma, mi farebbe comodo nelle prossime settimane. ho lavorato per tutti i gestori di telefonia mobile [per la vodafone proprio ai contratti business, tra l’altro] e posso dire che “è normale”. secondo me fa parte delle condizioni del contratto d’assunzione l’essere dei cretini arroganti, non ti sto a raccontare il veleno nel trattare con sta gente. per quanto mi riguarda ho ancora un sospeso con telecom: ho traslocato e sono rimasta senza telefono e adsl per sei mesi, da maggio a novembre,e mi è arrivata una bolletta di 540 euro per quel periodo. devono solo ringraziare che non abbia chiesto i danni. quando arriva wimax?

  • Capy:

    Mi è successa praticamente la stessa cosa in un Centro Vodafone di Porto San Giorgio (FM). Dopo aver fatto un contratto con partita IVA per due sim da uno degli incaricati Vodafone che passano a domicilio, mi trovo con un telefono funzionante e un muto. La cosa è durata 3 settimane. Nel corso delle quali chiamo l‘incaricato: introvabile. Chiamo il 190 e mi dicono di rivolgermi al centro più vicino. Vado al centro di Porto San Giorgio e mi accoglie un uomo di Neanderthal (già scocciato perchè non avevo fatto il contratto da lui) con un espessione da mucca che guarda passere i treni. Non riesce a compilare il mio codice fiscale e dice che la vodafone l’ha scritto male (ma se uno dei telefoni funziona!) Gli dico che la cosa è impossibile e lui butta il foglio sul bancone dicendo che non ha tempo da perdere! Poi arriva (e te pareva!) il sosia del quarantenne dell’articolo, vestito e pettinato come un manichino della Standa anni 70, e con tutta l’arroganza tipica dell’idiota, mi dice che io non conosco le loro procedure e non mi posso permettere di protestare. Me ne sono andato dopo averlo insultato a dovere (veramente avevo pensato anche di picchiarlo ma non tocco la merda a mani nude). Com’è finita? Chiamo il centro Vodafone di Ancona e una signora gentilissima (si, purtroppo è un miracolo) in sole 4 ore mi attiva la sim.
    Io non ho un blog ma mi occupo di pubblicità. Per quelli di Porto San Giorgio la faccio gratis!

  • Antonio:

    Mi raccomando, chiama anche Porro, se no si offende!

  • Francesco:

    mi sto pisciando addosso leggendo di Voda.e io che gli scrissi di fare tutto di persona e non al tel.spero almeno che gli abbiano ricordato di ricopiarsi rubrica da vecchia sim.ma e’ troppo facile dire IO lo sapevo,ma davvero IO lo sapevo.

  • Gemma:

    ho fastweb funziona da dio e intervengono immediatamente in caso di problemi. Peccato che continuo a pagare da oltre un anno per una chiavetta che non ho mai usato. Dicono che stano analizzando la mia pratica … che fare?

  • Dory:

    Io ho lasciato la Vodafone per disperazione. Ho Wind, la copertura è decente (non ottima, ma decente sì) e le tariffe più basse.

  • Flavia:

    Hai osservato una cosa giustissima: la mancanza di umiltà nell’ammettere uno sbaglio, sostituito dall’arroganza. Miglior difesa: l’attacco. Mah!

  • Valentina:

    L’abilitazione della microsim dell’iPhone e’ esperienza deflorante
    Ebbi situazione analoga anche se duro’ assai meno con Tim (contratto compilato male e per fortuna che abbiam cognomi corti, coinvolgimento di parenti, mamma spedita in missione).
    Poi l’attesa del segnale tipo allunaggio.

  • Andrea:

    attento perchè se ti compri l’Iphone4 allora vuol dire che non c’è la crisi!!!

    • admin:

      Ma infatti la crisi non c’è, Andrea. Abbiamo tutti attici a nostra insaputa, maggiordomi diligenti e geishe che poi facciamo eleggere.

  • Eleonora:

    Il male comune peggiore, per me, sta in quel “ormai se incontriamo qualcuno di gentile ci sembra un miracolo

  • Lara:

    le persone poco professionali e incompetenti sono un mal comune e che nel mondo providers sono veramente tante: anche con me hanno sbagliato le procedure per un trasloco e sono arrivati ad inventarsi che non era possibile fare il trasloco del mio servizio da un piano all’altro di uno stesso stabile. Peccato che io lavori nel mondo ICT e che sapessi meglio di loro che mi stavano raccontando una bugia pur di farmi chiudere un contratto e riaprirne uno nuovo (guadagnandoci ovviamente di nuovo il costo fisso di accensione di contratto).

  • Adriano:

    La cosa tragicomica di questo reportage è la sua fottutissima normalità. Se tutto fosse andato liscio sarebbe stato quello il caso particolare su cui fare letteratura. Il rapporto con il cliente è sempre dramma. Se poi passi per i call center, il livello di deresponsabilizzazione giunge ad apici dadaisti. Rimane la democrazia della mediocrità. Puoi passare da un operatore ad un altro ma la mattanza rimarrà la cifra del rapporto con loro in caso di problematiche. Di Vodafone mi ha sempre divertito la tendenza all’invio forfettario di denaro per colmare le lacune. Con 3 ho dovuto passare a vie legali semplicemente per farmi ascoltare e le loro fatture sono compilate da Fibonacci. La Telecom ai tempi delle prime ISDN e poi ADSL mi ha fatto passare momenti leggendari. Segnalo anche l’abuso di teoria del caos in Sky. Occhio che se ti smette di funzionare il telecomando di Mysky potresti sentirti dire che in realtà hai “interferenze elettromagnetiche dominanti”. A quel punto ostenta una laurea in ingegneria elettronica. E’ l’unico modo per placare il delirio.

  • lastonza:

    un consiglio, anche se non richiesto: assicurati che abbiano attivato l’opzione iPhone o ti ritrovi a pagare milionate di traffico dati…
    Se chiami Amicone puoi dirgli mghfdmmmmmmmmm da parte mia?
    Cia

  • Lino Carso:

    Vodafone regna. Pensano di avercelo lungo, ma gareggiano da soli. Una compagnia che fa pagare il servizio di avviso credito residuo, che per anni ha mantenuta inalterata quella barbarie che è l’accesso a internet non richiesto dall’utente. L’altro giorno mi trovo 3 euro in meno sulla scheda; guarda caso, si era aperto internet (con la chiappa destra, dormendo, devo averlo inavvertitamente premuto). Chiamo, deciso a farla finita. La ragazza, molto gentile, mi ha riaccreditato i 3 euro senza che chiedessi nulla. “Davo per scontato fosse impossibile: la ringrazio, mi ha insufflato copiosa speme”. E’ proprio vero: il garbo e la competenza sono rarità inestimabili, roba da riesumare Dupré a erigere statue di tanto in tanto. Sempre così, mi raccomando Maestro: a cazzo di cane.

  • Anto:

    Queato è davvero un mal comune: io ho avuto un’esperienza simile con Fastweb. La differenza sta nel fatto che il call center non è stato cortese e disponibile come quello di Vodafone…insomma, alla fine è andata meglio a te 🙂

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento

*