Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
Agosto: 2020
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Stefano Torre, esempio di coraggio e bellezza

Schermata 2017-06-20 alle 13.12.28Stefano Torre ha 52 anni e si candida provocatoriamente come sindaco a Piacenza. Per avere un po’ di spazio mediatico si fa persino intervistare da Cruciani, che reputa impossibile una sua performance superiore a 500 voti. Infatti ne prende 1800, toccando un clamoroso 4.28%. Non viene eletto per una settantina di voti: Piacenza ha perso una grande chance. Il suo programma elettorale, che fa il verso alla propensione bugiarda dei politici di professione, trasuda leggenda. Abolizione della morte. Creazione in pieno centro di un vulcano, che serva come attrazione turistica ma pure come pista da sci e smaltimento dei rifiuti. Risoluzione del traffico rendendo navigabile il centro storico. Costruzione di un muro per evitare che quei rompicoglioni di Pontenure arrivino e rovinino la razza piacentina. Viagra gratuito per chi ha più di 45 anni. Sostituzione dell’acquedotto con un vinodotto. E via così. Il battage mediatico, che Torre riesce a generare grazie anche alla tuba tipo Rino Gaetano a Sanremo e ad alcune apparizioni televisivi particolarmente efficaci, ne agevola l’exploit elettorale. Sarebbe già abbastanza, ma è qui che qualcuno capisce che quel Torre lì non è solo autoironico e genialoide: c’è di più. Molto di più. Quel signore nasconde qualcosa: una storia tremenda e bellissima. La raccoglie, per il portale Sportello Quotidiano, il giornalista Thomas Trenchi. Torre è “un uomo bionico”. E’ lui a definirsi così, ma l’ironia è solo apparente. Soffre di una malattia rarissima, si chiama Distonia DYT11. Porta alla perdita progressiva del controllo dei movimenti. Torre ne avverte i sintomi a otto anni: neanche riesce a tenere in mano la biro. Al tempo la medicina non contempla malattie di questo tipo e scambiano tutto per bizze da bambino irrequieto. Lo “curano” a ceffoni e punizioni. Gli anni passano e la malattia peggiora: Torre non cammina più in avanti, ma solo all’indietro oppure corre. A vent’anni lo portano in un centro all’avanguardia che sta studiando la sua malattia. Solo che i medici non si accorgono che Stefano è affetto proprio da quella distonia lì. Nel frattempo Torre diventa mancino perché la mano destra non la controlla più: per imparare a usare la sinistra si dà alla scherma e all’inizio prende un sacco di botte. A 47 anni, stremato, fa un altro controllo: un medico della mutua, al suo primo giorno di lavoro, ci mette cinque minuti a capire di cosa soffra Torre. Gli propongono l’inserimento nel cervello di due elettrodi in profondità, collegati a due computer installati nel petto. Torre ha due figli e ci mette due anni per operarsi. Ha paura: i rischi sono alti. Ormai però usa solo tre dita ed è obbligato a vivere con il braccio schiacciato dietro la schiena e le gambe incrociate. Lo operano una prima volta: da sveglio, perché devi essere vigile. Cinque ore a trapanarti il cranio con le viti, mentre i medici fanno battute. Solo che sbagliano e gli viene un ictus. Ci riprovano una settimana dopo e funziona, ma gli effetti cominciano a vedersi dopo tre mesi. “Oggi”, scrive Trenchi, “Torre vive con due computer a pile piantati nel petto che rischiano di scaricarsi ogni quattro o cinque anni e ogni tanto perde il controllo delle gambe, ma non si lamenta, anzi, è finalmente realizzato”. Ha pure scoperto di avere un altro talento, oltre allo sconfinato coraggio: “la faccia di bronzo. Non so se avrei potuto fare una campagna così forte e stravagante, senza essere passato attraverso una simile storia personale». (Il Fatto Quotidiano, rubrica Identikit, 20 giugno 2017)

3 Commenti a “Stefano Torre, esempio di coraggio e bellezza”

  • m.grazia:

    Da prendere ad esempio per la costanza, la volontà e l’intelligenza, la sopportazione e l’ironia. Una persona vera completa, provata ma grintosa, provocatoria e spiritosa. E se avesse vinto??? Peccato non poterlo sperimentare☹ !

  • Clesippo Geganio:

    cosa si può commentare, autoironia e sberleffo dell’odierna politica italiana che vive una realtà votata al declino irreversibile, unica speranza di riemergere dagli abissi della follia indotta dalla politica liberticida è la lenta e costante invasione-introduzione della cultura islamica (non estremista) che paradossalmente può risvegliare in noi occidentali-italiani quegli “anticorpi immunitari” in grado di non farci morire di inedia intellettuale e spirituale, anche se non per pessimismo la vedo difficile, in quanto la “politica” per decenni ha lavorato scientemente all’erosione dell’etica e morale pubblica collettiva, come se avesse effettuato una lobotomia delle coscienze personali in gran parte degli italiani.

  • Torre è veramente un genio.
    Ha portato avanti con estrema determinazione e in forma satirica una denuncia del malcostume politico che dovrebbe dare a tutti lo stimolo per dire basta.
    Ha anche dimostrato che – almeno qui a Piacenza – i 5 stelle sono solo un voto di protesta e che se fosse data “vera” voce al comune dissenso, potrebbe ancora cambiare qualcosa.
    Speriamo non si fermi, che trovi la forza di andare oltre.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento

*