Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
luglio: 2019
L M M G V S D
« Mag    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Essere un mito senza darlo a vedere: il capolavoro di Mark Knopfler

knopfSessantasei anni suonati, e suonati bene, Mark Knopfler non è mai stato intaccato dalla spettacolarizzazione. Artista essenziale e dunque per questo ossimoro, ancor più nei cacofonici Anni Ottanta che lo hanno visto scintillare, non ha mai conosciuto l’eccentricità. La cosa più strana che ha fatto, peraltro inspiegabilmente, è stata salire sul palco con la fascetta antisudore, neanche fosse un Bjorn Borg della chitarra, indossando oltretutto stivaletti rossi non poco raggelanti. Era trent’anni fa, quando con i Dire Straits incideva uno dei live più belli nella storia della musica (Alchemy).  Tanto tempo è passato: tanto, ma poi non troppo. Dotato di un carisma che scaturisce per contrasto rispetto alle maniere sobrie e quasi “impiegatizie”, non ha mai inseguito fronzoli. Ieri come oggi. Sta attraversando l’Italia, stasera sarà a Lucca, ieri era a Roma e lunedì a Barolo al Collisioni Festival. Chi lo segue a ogni data, e ne commenta le gesta nel monumentale forum italiano “Knopfleriani.it”, racconta che a Piazzola sul Brenta due sere prima era parso più in forma. Qualche sbavatura, mixaggio inizialmente sbagliato, voce che a tratti non si sentiva. Il concerto, di fronte a una piazza stracolma, ha funzionato lo stesso. Quattordici brani e decine di chitarre cambiate. Ogni volta che ne chiedeva una nuova, lanciava il segnale di un assolo imminente. Un rituale sempre uguale a se stesso: la liturgia dell’epifania chitarristica, la quiete prima non tanto della tempesta quanto della pentecoste sonora. Knopfler non piace ai (presunti) puristi e agli (ancor più presunti) ribelli: troppo normale, mai un vizio o giù di lì. Persino negli Ottanta il suo suono si era stabilizzato in quella terra di mezzo del “commerciale ma non troppo”. Non era sperimentazione, ma non era neanche – per dirla con Jannacci – brutta musica fatta solamente con la batteria. Knopfler era e resta un innovatore che ti regala il capolavoro con la semplicità di chi ti offre un buon caffè. Ama tanto la musica e poco la ribalta. Ha spesso privilegiato collaborazioni con amici persino più famosi di lui, beandosi di una sorta di semi-clandestinità di lusso. Quando suonava con Bob Dylan era il meno noto dei due, e gli piaceva. Quando duettava con Eric Clapton era il meno divo dei due, e gli andava bene così. Poi, con calcolata discrezione, si sedeva accanto a Slowhand e knopf2disegnava arabeschi discreti, magari durante una Layla acustica. Era allora che, definitivamente, capivi la sua natura: come certi attori non protagonisti nei film che porteresti sull’isola deserta, Knopfler era (è) fondamentale pur non sembrandolo. Se fosse un calciatore, e non uno dei chitarristi più grandi di sempre, Knopfler non sarebbe un fantasista aduso al dribbling ma un regista intriso di garbata perfezione. Un Dino Sani, un Redondo, un Pirlo. Camicia blu e jeans d’ordinanza, capelli (pochi) rasati, Knopfler è parso a Barolo un po’ stanco nella esecuzione di Romeo and Juliet, eternata da troppi smartphone illuminati come fastidiosi ceri votivi, e di Sultans of Swing, eseguita probabilmente controvoglia. Il repertorio dei Dire Straits, che pure è invecchiato benissimo (riascoltare Communiquè per credere), deve suonargli ormai distante. Poi però ha elargito l’epica Telegraph Road, i cui cinque minuti finali – incendiari, enormi, definitivi – valgono una carriera e anzi una vita. La sua produzione come solista è meno nota, per quanto vendutissima. Dal recente Tracker ha proposto solo Broken Bones. E’ comunque bastata Hill’s Farmer Blues per capire che il talento è ancora vivido.So Far Away è una scheggia immutata degli Ottanta, Your Latest Trick è morbida come un tempo, le atmosfere folk-irish diPrivateering gli piacciono proprio tanto. E Going Home non smette di commuovere. Nessuno ha mai capito come Knopfler sia riuscito, letteralmente, a inventare un suono. Allergico agli orpelli come al plettro, è ancora ben dentro la mediamente nota istantanea di Douglas Adams: «Mark Knopfler ha la straordinaria capacità di far emettere alla sua Schecter Custom Stratocaster dei suoni che paiono prodotti dagli angeli il sabato sera, quando sono esausti per il fatto di essere stati buoni tutta la settimana e sentono il bisogno di una birra forte». Gli angeli suonano ancora, ora accompagnati da fratelli in armi e ora no. (Il Fatto Quotidiano, 22 luglio 2015)

7 Commenti a “Essere un mito senza darlo a vedere: il capolavoro di Mark Knopfler”

  • Ignazio:

    L’ho sempre seguito sin dai tempi dei Dire Straits e mi piace ancora….ho assistito al suo concerto di Lucca il 22 luglio scorso ed è stata una splendida serata… Non ha bisogno dell’apparenza lui, perchè l’apparenza “muore” con il personaggio, non si è mai creato “buffoneschi fantocci”, mai è caduto nella volgarità…. Non ha bisogno di questi miseri “mezzucci” per parlare al cuore della gente, gli basta la musica: la musica allo stato puro parla da sè, cavalca le onde del tempo e non muore mai… Va riconosciuto tanto ad un artista del genere e gli auguro di poter ancora scrivere e suonare per noi pagine di bella musica…

  • AG:

    Mai sentito niente di più centrato :” l’epica Telegraph Road, i cui cinque minuti finali – incendiari, enormi, definitivi – valgono una carriera e anzi una vita”.

  • L’ho visto ieri sera a Lucca. È stato splendido. Anche se aveva mezza band acciaccata.

  • Angelo:

    66 anni cavolo…!!! e chi se la dimentica “Sultans of swing..” e tutto l’album d’esordio del 1978…”Dire Straits..” accidenti ragazzi fate qualcosa. Replicatevi. Il mondo ha bisogno della musica e della vostra arte…

    Saludos 😉

  • Simona battistelli:

    Articolo conciso ed essenziale che con precisione delinea il carisma di un grande artista che non ha bisogno di “mostrarsi” per “esserci”. E soprattutto per restare .

  • Roberto:

    Trent’anni fa il mio caro e fraterno amico, Nazareno Paolocci (Oggi ricercatore a Baltimora alla prestigiosa JHU) mi fece scoprire i Dire Straits , da allora non ho mai smesso di seguire questo magnifico Musicista.

  • Violeta:

    Mark Knopfler il chitarrista riservato e sempre cordiale con tutti i suoi fan ,conosciuto più in dettaglio da chi ha avuto la passione per Eric Clapton,Led Zeppelin,Dire Straits,Beatles è rimasto un perfezionista equilibrato,senza desiderio di fare immediato commercio e un ottimo battagliere per le cause umanitarie importanti!Sultans of swing cantata controvoglia?Forse si trovava solo nel giorno in cui ricordava un grande della Terra-Nelson Mandela e a cui ha dedicato per il 70 esimo anniversario un grande concerto a Londra insieme a Dire Straits !La memoria di una grande personalità come Mandela crea certe volte momenti di nostalgia per la sua scomparsa.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento

*