Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Italia, paese al contrario e non proprio in forma

Schermata 01-2457041 alle 10.40.24Il livello non proprio eccelso del paese Italia si capisce anche dai piccoli particolari. Si capisce guardando, e peggio ancora ascoltando, le Boschi e Picierno. Si capisce dalle reazioni piccate dei renziani a Cofferati (“Non sai perdere”: wow, che profonda elaborazione politica). Si capisce da un partito, teoricamente democratico, che reputa “valide” delle Primarie con 13 seggi irregolari accertati e 2 procure (tra cui una antimafia) che stanno ancora indagando: quasi a dire che il voto, anche se truccato, è
valido lo stesso perché il taroccamento è stato tenue. Garbato. Misurato. Un po’ come per l’evasione fiscale e la frode: okay, è un reato grave, ma se lo fai sotto il 3% è solo AMICONE-LUIGIuna svista innocente e chi se ne frega. Il livello non eccelso del paese Italia si capisce poi da Berlusconi che striglia Brunetta perché ha osato essere troppo antirenziano (in Italia funziona così: la norma è se l’opposizione vota a favore del governo, non viceversa). Si capisce da una “sinistra” che per vincere si è spostata così a destra che ormai persino uno come Fassina sembra quasi Trotzkij. Si capisce da un vicepresidente del Senato, tal Gasparri, che si chiede su Twitter – testuale – se Greta e Vanessa “hanno fatto sesso consenziente coi guerriglieri”. Si capisce da questo e molto, molto altro. Forse però si capisce ancora di più dalla baracconata milanese “pro-famiglia” durante la quale, all’acme dell’elaborazione intellettuale, alcuni esperti hanno così sentenziato: “Gli omosessuali vanno curati”. Un pensiero così becero e retrogrado che, negli ultimi anni, lo avevano teorizzato giusto noti filosofi contemporanei come Povia e Minnie. Vien poi da chiedersi, e me lo chiedo da eterosessuale fervente che dunque, in via teorica, dovrebbe essere reputato “normale” da cotanti soloni: “curati” per diventare come? Per arrivare dove? Per somigliare a chi? Ed è questo il bello (va be’): i “normali”, che esortano gli altri a farsi curare, sono Maroni, Adinolfi, Formigoni, Lupi e Amicone. Ve lo immaginate? Curarsi una vita intera, tra mille dolori e stenti, per poi guarire e ritrovarsi Maroni. Oppure Adinolfi. Oppure Formigoni. Oppure Lupi. O addirittura Amicone. Molto meglio restare “malati”.

9 Commenti a “Italia, paese al contrario e non proprio in forma”

  • Clesippo Geganio:

    ma possiamo essere un popolo rispettabile se votiamo gasparri la russa razzi scilipoti o dalema che ieri sera con M. le pen ha dimostrato d’essere il nulla non chè marie sia una cima di statista, ma porcazozza la politica italiana ha fatto un’altra figuraccia di melma pari a questa di renzi, guardate qui:
    https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=renzi%20e%20schulz

  • Clesippo Geganio:

    se non si comprende che la nostra crisi (tutta italiana) è prevalentemente culturale non troveremo mai gli antidoti alla crisi politica economica e sociale.

    Quella frase risulta infelice ed offensiva perchè espressa da un uomo in veste istituzionale di vice Presidente del Senato della Repubblica Italiana non da un qualunque cittadino, ma sentire alcuni suoi colleghi di partito deputati e senatori difenderlo conferma il disfacimento etico e morale che devasta la nostra società.
    Sarà più facile uscire dalla crisi economica che da quella culturale e istituzionale.

  • Fam:

    L’articolo contiene un’inesattezza: Minnie non ha mai detto che l’omosessualità è una malattia, è una persona seria.

  • Nunzia Capurso:

    Giuro che se alle prossime elezioni gli astensionisti superano i votanti, scrivo una lettera al Parlamento europeo chiedendo che il mio Paese venga commissariato. MO’ BASTA!!!!

  • claudia:

    “Non sai perdere”
    E non solo: non sa nemmeno imbrogliare, tantomeno rubare. Un vero mentecatto. E dire che hanno provato in tutti i modi a fargli capire come funzionano le cose: gli avranno fatto sentire almeno un centinaio di volte “Amico mio, fatte li cazzi tua” – famosa giaculatoria fallica conosciuta anche come ‘iaculatoria pre(co)x’ – ma lui niente, dall’orecchio malandrino proprio non ci sente. Adesso gli toccherà fare un corso di ricondizionamento in un campo d’addestramento subsahariano sulla scia delle truppe cammellate berlusconiane di cui Gasparri è l’esemplare più riuscito.
    A proposito di Gasparri, ammettiamolo: costui è una grande testa che si rivela freudianamente dietro le righe di ciò che twitta…

  • Angelo:

    io insisto che codesti articoli mi fanno incazzare il doppio. Perché..?!? Perché in Italia il 35% non è in grado di interpretare un testo di media difficoltà. Lo scrivo perché il lavoro di giornalisti come Andrea Scanzi sarà sempre invano..sarà come l’abbaiare alla luna. Personaggi ambigui come Renzi e il maestro Berluscaz l’avranno sempre vinta. Loro parlano al popolino.. Noi altri non contiamo. Funziona come con il marketing. Il marketing ( la pubblicità) non prende in considerazione gli over 50 ( è solo un esempio) per loro sono come i morti, non esistono. Ecco noi non veniamo considerati. Credete che se Scanzi o Travaglio o comunque giornalisti che fanno opinione avessero più influenza loro se ne fregherebbero..?!? Avrebbero la strizza.. Invece in Italia la media culturale è da terza elementare e Berlusconi lo sapeva altroché se lo sapeva ed è rimasto al potere x 20 anni..

  • carlo:

    andrea, proprio ieri sera discutevo con un 58enne, un caro amico, di politica… ho provato anche a scendere nei particolari, le cose accadute, nei particolari… ma niente, cotto, finito, alla frutta, confuso, incazzato (certo), ma senza una direzione, senza più un lumicino di speranza, di voglia di comprendere, “bisogna metterli al muro, tutti!!…”
    ecco, questo è il campo su cui stanno lavorando i nostri esimi governanti, hanno spazio libero davanti a loro, possono fare quello che gli pare… io non ho vissuto il periodo fascista (ho 53 anni), ma mi sembra di averlo vissuto da sempre… un caro saluto, grazie per il tuo impegno.

  • Leonardo:

    Andrea, nessun commento per non foraggiare il tuo straboccante narcisismo.

  • Roberto Beggio:

    Cosa dire un’analisi perfetta,almeno per me, visto che la penso esattamente così!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento

*