Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
Agosto: 2020
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Gaber se fosse Gaber (recensione)

“C’è una fine per tutto, e non è detto che sia sempre la morte”… Sicuramente non lo è per Giorgio Gaber. Il recital Gaber se fosse Gaber di Andrea Scanzi non si è limitato ad essere un omaggio ai dieci anni dalla morte del Signor G., il 1° gennaio 2003, ma è stato qualcosa di più. L’incontro spettacolo — prodotto dalla Fondazione Giorgio Gaber e scritto da Andrea Scanzi — ha tracciato la storia recente del Paese attraverso il volo utopico, arrabbiato e ironico di quel ‘gabbiano ipotetico’ che fu Giorgio Gaber, cantante, insieme a Sandro Luporini cantore di un’Italia fatta di contraddizioni, della politica come dell’amore, dell’uomo con tutte le sue debolezze e piccolezze. Il racconto di Scanzi parte dagli anni Sessanta e da quando Mina lo invitò a fare con lei una tournée e lo portò dalla tv in teatro da cui non se ne sarebbe più andato. Gaber se fosse Gaber calibra con sapienza e senza essere ripetitivo filmati, canzoni e una narrazione che s’intesse — come è logico che sia — di citazioni dei testi di Luporini-Gaber per leggere la storia recente e come la società sia cambiata, il tutto attraverso i movimenti dinoccolati, la mimica stupita di un Gaber che riempiva la scena e lo faceva con leggerezza, con quell’aprir di braccia e alzarsi in punta di piedi che sembrava suggerire un volo possibile, sicuramente rincorso, voluto, sperato, sognato fino all’ultimo. Si passa dagli anni Settanta fra rivoluzione, passione politica e disincanto, per arrivare agli anni Ottanta del disimpegno che per Gaber furono sguardo rivolto all’uomo/albero, fino al Grigio e alla sua follia solipsistica, per passare poi all’indignazione/disillusione di Qualcuno era comunista nella Milano di Tangentopoli, fino all’invito ad un nuovo possibile umanesimo. Andrea Scanzi puntella con precisione e trasporto la carriera del Signor G., ne svela il portato intellettuale, critico, morale e moralista (per dirla alla francese), il tutto in un lungo respiro, quasi in apnea. E la platea trattiene il respiro con Andrea Scanzi, lo fa ricordando quando il Signor G. era sul palco del Ponchielli ed era sempre una festa, lo fa per riassaporare quel senso di leggera inquietudine che alla fine degli spettacoli di Giorgio Gaber qualcuno si portava via perché si ritrovava di nuovo spiazzato da quello strano cantant’attore che non sapeva decidersi fra parola e musica e per questo — forse — s’era inventato il Teatro canzone. Andrea Scanzi ha costruito un testo teatrale puntuale, preciso, incisivo, che sfiora la nostalgia senza giocarci troppo, che sa fare sintesi e analisi al tempo stesso, in cui
l’attore non si fa trarre in inganno dal facile mimetismo, ma non nasconde di essere stato travolto da Gaber visto a diciassette anni a tal punto che ora ne perpetua in maniera sentita e non retorica la lezione… Applausi al ‘gabbiano ipotetico’, al Signor G (Nicola Arrigoni, La Provincia, Cremona, 18.1.2013)

3 Commenti a “Gaber se fosse Gaber (recensione)”

  • betti:

    …ho visto lo spettacolo a Latisana…condivido anche l’ultima recensione.
    Bravo Scanzi… c’è un futuro davanti a chi fa impegno civile a teatro!
    Gli argomenti non mancano.
    betti

  • Michele:

    “ho condiviso l’odio di chi rifiuta tutto
    come se fosse nata una nuova razza
    e c’ho creduto tanto, c’ho creduto da impazzire
    ero disposto a perdere un pezzo di vita…
    insomma, si fa per dire.”

    Questo è Gaber. 1978. Ora, io mi chiedo: ma uno come Scanzi, cosa può capire? Uno che ha scritto “due best-sellers” (sì, con la esse finale)? Uno nato nel 1974 che scrive di tennis (e sul tennis Gaber, giustamente, cagava), cosa può sapere cosa significhi essere disposto a perdere un pezzo di vita per qualcosa che nemmeno si sapeva cosa fosse? Come può fare uno spettacolo su Gaber chi, quando Gaber scriveva Io se fossi Dio, aveva otto anni? Solo chi è stato disposto a morire per un’idea può scrivere di Gaber: e dubito che Scanzi abbia mai avuto un’idea per la quale poter anche morire. Ma perchè non andare avanti a scrivere di vino e di Grillo, invece di voler spiegare a tutti chi era Gaber? Come se Gaber si lasciasse spiegare da un ragazzino che scrive best sellers. E che gioca a tennis:
    quaranta a trenta… tof… tof… parità.
    E le mucche: pllaaff… Un lago di merda.
    Parità.

  • congratulazioni Andrea!! Non ho vissuto le gesta di Gaber, ma vederlo così mi fa capire che è stato davvero un artista nel senso vero della parola!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Andrea Scanzi

Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioé senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona
   e non alle sue idee
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni.

Tali regole valgono (sostanzialmente) anche per la pagina ufficiale
Facebook e il profilo Twitter.
Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio,
cancellare i messaggi.
Il proprietario del blog non interverrà mai nei commenti ai suoi post.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile
per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Lascia un Commento

*