Macchianera Italian Awards 2014: Nomination
aprile: 2015
L M M G V S D
« mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

La vita è un ballo fuori tempo (recensione Antonio Padellaro, Il Fatto Quotidiano)

IMG_201cover3_2Ho sempre pensato che avesse ragione Italo Calvino nel sostenere che, anzitutto nella letteratura, la salvezza vada cercata nell’ironia e nel sorriso. Lui ce lo ha insegnato tante volte, per esempio nel Barone rampante. In Calvino l’ironia non è però mai disimpegno o rifugio nel privato, ma chiave di lettura privilegiata per raccontare e comprendere il presente, inducendo il lettore (sorridendo) a una riflessione sulle miserie e sulle storture del presente. E’ quello che ho trovato in tanti libri che mi hanno cresciuto, da quelli di Vonnegut a quelli di Benni, da quelli di Pennac a quelli di Vazquez Montalban. E tanti, tanti altri. Nel mio infinito piccolo, senza certo poter raggiungere anche solo un centesimo di quello che hanno fatto loro, nel mio primo romanzo (oggi in uscita) ho fatto la stessa cosa: utilizzare l’ironia, la satira, il grottesco e il surreale per raccontare questi nostri tempi sbandati. Riderete, o così spero, ne “La vita è un ballo fuori tempo”, ma spero che ci troverete anche molto del nostro e vostro presente. Un presente che morde, e fa male. Un presente di cui sorridere, senza però rinunciare al diritto di essere – quantomeno – i gabbiani ipotetici di gaberiana memoria.
Antonio Padellaro, stamani sul Fatto Quotidiano, ha capito tutto questo. Riuscendo a vedere, nel mio romanzo, cose che io stesso probabilmente non avevo ancora focalizzato. Lo ringrazio, una volta di più, e vi propongo il suo articolo.

“Una fiction piena di riferimenti e caricature, una travolgente parodia italiana che ci coinvolge troppo per lasciarci indifferenti”.

“Ho quarant’anni e non permetterò a nessuno di dire che questa è la più bella età della vita, dirà il nostro quarantenne parafrasando Paul Nizan, anche se a giudicare dall’aspetto e dai successi professionali potrebbe benissimo sentirsi “magnifico”, come il Nanni Moretti del film. C’è che non gli va giù il mondo circostante da cui si sente costantemente molestato, la finzione come colonna sonora, il servo encomio ai potenti come impadellaroput esistenziale. Insomma, ha sempre odiato “i porci ed i ruffiani e i falsi che si fanno una carriera con certe prestazioni fuori orario”, ma a differenza di Pierangelo Bertoli (che il nostro forse ama meno di Eugenio Finardi) non riesce ad affrontare la vita a muso duro animato com’è da una natura leggera, ironica, beffarda, sognante e fortunatamente incapace di indignazione, ultimo rifugio degli ipocriti e di chi con le parole fatte e strafatte si lava la coscienza. Come Alice che finisce in un sogno per inseguire un coniglio bianco, inventa allora un mondo surreale e grottesco dove i personaggi più ridicoli diventano sagome iperrealiste, perfino spassose nei loro disgustosi eccessi. Ai tanti quarantenni come lui, che pensano e parlano come eroi di una graphic novel un po’ per sopravvivere e un po’ per non morire di tristezza, Andrea Scanzi, firma del Fatto e personaggio televisivo (per me Andrea e basta) dedica il suo ultimo romanzo La vita è un ballo fuori tempo. Dove Stevie, suo sfigatissimo alter ego sbarca il lunario nella redazione de La Patria, foglio di regime in crollo di vendite diretto da J.J. Cernia, assoluta nullità ebbro della propria abiezione, “diventato giustamente uno dei consiglieri di fiducia del presidente del Consiglio Tullio Stelvio Bacarozzi con il quale aveva condiviso l’esperienza esiziale di mastrolupetto nella Congrega dei Fagioli Lessi”. Ora, quale premier contemporaneo si nasconda dietro il Bacarozzi è del tutto evidente leggendo il Decalogo del Giornalismo del Bene, imposto alle sue vittime dattilografe dal Cernia e improntate all’ “ottimismo, alla speranza e alla positività”. Un gioco delle maschere così scoperto che perfino le demenziali dichiarazioni del riconoscibilissimo ministro delle Riforme, Elena Pia Bozzo sembrano del tutto plausibili, il che la dice lunga sulla catastrofe culturale che devasta il paese purtroppo non abbastanza immaginario di Lupinia. Non diremo altro delle caricature e delle infamie di una travolgente parodia che ci coinvolge troppo per lasciarci indifferenti. IMG_2029_2Perché davvero nessuno poteva immaginare che Renzi avrebbe trasformato l’Italia in una fiction così scadente e dominata dalla cupidigia di servilismo. Almeno, con i Bacarozzi e le Bozzi ci si diverte. Il guaio di Steve (e di tanti suoi coetanei) è di essersi rassegnato troppo facilmente al buio della ragione e allo stupro continuato dell’etica pubblica. E anche se gli bolle dentro un vulcano di rabbia egli lo comprime per quieto vivere ma soprattutto agendo sull’anestetico dell’autoironia, che insieme alle cuffie dell’  iPod e alle domeniche calcistiche hanno assopito l’istinto ribelle di un paio di generazioni. Aiutato dalla presenza di un vitalissimo nonno e di un giovane stagista che armano i loro ideali in attesa di tempi migliori come i partigiani con i loro fucili durante la Resistenza, proprio nel pallone Stevie trova il proprio riscatto (e una speranza estrema di rivoluzione) e stronca finalmente sulla Patria giocatori e dirigenza della Dinamo Brodo, inguardabile squadra protetta dagli amici degli amici del Cernia: governo, mafia o massoneria, fate voi. Perde il lavoro ma comincia a rispettarsi di più il che non guasta. Ogni tempo ha il suo fascismo diceva Primo Levi citato da Stevie, ma per battere questo molesto fascismo da operetta, ci dice Andrea, basta non arrendersi e riderci su. Speriamo”. (Antonio Padellaro, 23 aprile 2015, Il Fatto Quotidiano).

La vita è un ballo fuori tempo (il mio primo romanzo)

Il mio primo romanzo. Spero vi piaccia.

Buona lettura. E grazie, ma davvero, di tutto

___________________________

“Renzi? Parla come la brutta copia di Jovanotti”

Schermata 03-2457108 alle 11.16.07“Renzi? E’ il finto nuovo, proprio come Berlusconi. E’ identica anche la narrazione. Berlusconi diceva “noi siamo il popolo dell’amore e voi dell’odio”, Renzi dice “Noi siamo il bene e voi i gufi”. E’ uguale. E’ una rottamazione finta, perché i De Luca e Crisafulli ci sono ancora, pur di vincere Renzi raccatta di tutto. Non c’è alcuna meritocrazia, a dispetto delle prime adunanze alla Leopolda: è meritocratico mettere la Barracciu sottosegretaria? Trovate davvero che le Boschi e le Madia siano più preparate delle Gelmini e delle Carfagna? Io no, e non lo dico con gioia. Evidentemente hanno la patente dell’essere “di sinistra” (come no), e questo le salva da tutto secondo certa stampa. E poi la politica: a livello economico (Jobs Act) e costituzionale (ddl Boschi, Italicum), Renzi prosegue nel solco berlusconiano. Di nuovo e di sinistra non ha nulla. E oltretutto gode di un consenso nei media che negli ultimi 30 anni non si era mai visto. Vorrei poi dire un’ultima cosa sulla famosa “narrazione” di Renzi. Certo, è stato bravo a indovinare alcuni jingle, come la parola “rottamazione”, ma ripete sempre le stesse cose e c’è una pochezza semantica imbarazzante: “L’Italia è il paese in cui il domani arriva prima”, “L’industria della lagna non serve”, “E’ il cambiamento che ci chiede di cambiare”. Ma che roba è? Siamo all’asilo? Renzi ha detto che D’Alema parla “come una vecchia gloria del wrestling”. Può anche essere, ma Renzi parla come la brutta copia di Jovanotti, e tenendo conto che pure l’originale non è Bob Dylan, direi che c’è poco da entusiasmarsi. A sinistra di Renzi c’è uno spazio immenso e ci sono milioni di elettori che rimbalzano come palline da flipper: chi si è avvicinato ai 5 Stelle, chi ai dissidenti Pd, chi a Sel o Tsipras, chi guarda a Landini e chi si astiene. Ecco: l’unica alternativa valida a Renzi può essere lì, perché se davvero si tratta di scegliere solo tra Renzi e Salvini, poveri noi” (Otto e mezzo, 25 marzo 2015, Qui il video).

Fedez: “Sono un artista, sono un incoerente”

Schermata 03-2457106 alle 14.37.33“Sarà un concerto molto meno dinamico di quanto ci si aspetti”. Fedez è alle prese con i cambiamenti da apportare alla prima del suo nuovo Pop-hoolista Tour. La data zero di Rimini ha dato chiare indicazioni e qualcosa è stato cambiato prima delle date di ieri e sabato al Mediolanum Forum di Assago (sold out, ovviamente). “C’era una macchina enorme sul palco, hanno dovuto smontarla e rimontarla in un giorno, è stata dura”. Venerdì sarà all’Atlantico di Roma. Venticinque anni, un successo crescente e una propensione sempre più coltivata alla polemica, Fedez ha raggiunto la fama definitiva come giurato a X Factor. Un’esperienza che ha portato esiti contrastanti: il plauso di larga parte di pubblico e critica, gli scazzi (“Ma c’è stima”) con Morgan, la freddezza con Victoria Cabello (“E’ quella con cui ho legato di meno”). Ha scritto una canzone per un evento organizzato dal Movimento 5 Stelle, sente spesso il deputato Alessandro Di Battista (“E’ così preso dalle sue battaglie che a cena non riesce a parlare d’altro, neanche di figa. Però va bene così: c’era bisogno di persone pulite in politica. Siamo amici, lo stimo”). Artista che divide drasticamente, anche per il nuovo tour – concepito con il collaboratore fidato Matteo Grandi – vuole che la gente non venga solo per divertirsi. “Certo, ci sarà anche modo di ballare, ma penso a questo spettacolo più come a una cosa teatrale che a un concerto. Vorrei che fosse un luogo per pensare e meditare: un luogo dove ponderare molto, anche se detta così non so se mi faccio buona pubblicità”.
Proponi anche tanti contributi video.
“Riguarderanno alcune parole chiave. Per esempio il concetto di “populista”. Lo spettacolo avrà molte false partenze e sarà introdotto da una carrellata, non proprio breve, di “elogi” che ho ricevuto per il mio lavoro e le mie prese di posizione”.
Tipo?
“Matteo Salvini: mi ha mandato affanculo durante una manifestazione. Maurizio Gasparri: mi ha definito “coso dipinto” e ha insultato una mia fan reputandola sovrappeso. Oppure un giornalista dell’Espresso, Riccardo Bocca: mi ha attaccato dopo avere elemosinato qualche biglietto gratis per venire a vedermi: un uomo coerente. E poi il conduttore di Tv Talk”.
Massimo Bernardini?
“Ha definito i miei testi un po’ qualunquisti. Un’accusa che, anche nella storia della musica d’autore, è tornata spessa”.
A Gaber lo ripetevano di continuo.
“Non azzardo paragoni simili, per carità, ma anche il rapporto tra artista e critica verrà toccato. Penso a L’Avvelenata di Guccini, nata dopo una stroncatura ricevuta”.
La firmò Riccardo Bertoncelli. Oggi sono amici.
“Non è l’unico caso. Nello spettacolo cito un tale, Simone Dessì, che accusò Fabrizio De André di non essere coerente perché – più o meno – giocava al rivoluzionario ma non era credibile in quanto proveniente da una famiglia borghese”.
Simone Dessì era uno pseudonimo, dietro il quale si celava Luigi Manconi. Sociologo, critico musicale e politico. Ora è senatore del Partito Democratico.
“Non lo sapevo, ma scrivere protetti da pseudonimo è ancora peggio”.
Messa così, però, sembra che tu mal tolleri le stroncature.
“Al contrario, mi divertono e ci stanno. Figuriamoci se voglio piacere a tutti. Il punto è un altro: insistere sul concetto di coerenza e, ancor più, di incoerenza. La fortuna dell’essere artisti non è quella di raggiungere fama e ricchezza, ma quella di avere il diritto – e anzi il dovere – di essere pienamente incoerente”.
Un concetto ardito: molti artisti, soprattutto di sinistra, sono stati massacrati per la loro (presunta) incoerenza. Lo sa bene Francesco De Gregori, di cui proporrai contributi video inediti.
“Con Francesco ormai siamo amici. Avrei voluto che nei video parlasse del “processo” di cui fu vittima sul palco del Palalido, ma ho capito che è un tema ancora troppo doloroso per lui. Non ne vuole parlare. De Gregori è la prova che un artista deve essere “incoerente”. Cioè libero di cambiare genere, di osare e talvolta anche di sbagliare. Penso anche a Caravaggio”.
Addirittura.
“E’ un esempio estremo di incoerenza necessaria. Lavorava per la Chiesa, prendeva soldi dal Vaticano e utilizzava prostitute per dipingere la Madonna. L’apoteosi di quel che si suole definire “sputare nel piatto in cui si mangia”. Ogni grande artista è incoerente, ogni grande artista prima o poi sputa nel piatto in cui mangia”.
Sputi anche tu: da un lato partecipi ai talent, dall’altro critichi lo star-system.
“Esatto, a volte sputo anch’io. Lo si può sostenere serenamente. E lo sosterranno ancora di più quando Fedez Chroniclespasserà dalla Rete alla tivù”.

Una sorta di reality sulla tua vita quotidiana: l’apoteosi del narcisismo?
“Non saprei dirti. A me pare solo una cosa divertente: un far vedere come vive ogni giorno un artista senza prendersi sul serio”.
Quale tivù lo trasmetterà?
“L’ufficio stampa non vuole che te lo dica, quindi te lo dico: Mediaset. Non una serie a puntate, ma un film unico di novanta minuti o giù di lì”.
Schermata 03-2457106 alle 14.37.44Fin qui, di canzoni, hai parlato poco.
“Ci saranno, ovvio. Proporrò tanti brani durante la serata. La musica resterà dominante. Sarà uno spettacolo molto stancante. Mi cambierò almeno dieci volte e a un certo punto sarò vestito anche da mega-assorbente insanguinato. Un’immagine tremenda, me ne rendo conto”.
Credi ancora che i 5 Stelle siano “il meno peggio”?
“In questo periodo ho vissuto un po’ fuori dal mondo, direi quasi alienato, ma credo nella loro onestà. Non vuol dire che li condivida sempre, ma è l’unica novità reale. A Renzi non credo, il suo “cambiamento” non mi convince”.
Ti accuseranno una volta di più di essere il cantore di Grillo.
“Macché. L’ho conosciuto molto tempo dopo aver espresso pubblicamente la mia simpatia. Mi cercò proprio dopo aver letto una mia intervista sul Fatto. Io non ho bandiere di partiti in mano, ma in Italia c’è sempre questa voglia di etichettare e catalogare. Pazienza, me ne farò una ragione. Quello che mi colpisce, piuttosto, è un’altra cosa”.
Schermata 03-2457106 alle 14.37.51Quale?
“Com’è che se io dico di stimare i 5 Stelle è un reato, mentre se Jovanotti ripete di amare Renzi è normale?”.
Per te Beppe Grillo chi è?
“Un grande uomo di spettacolo e un grande libero pensatore. E’ tosto quello che sta cercando di fare: poteva benissimo risparmiarselo, non ci guadagna. E’ arrivato in Parlamento con un metodo del tutto inedito. Gliene va dato atto, al di là del fatto che le sue scelte siano condivise o meno”.
Se ti dicono che sei un paraculo che gioca al ribelle, cosa rispondi?
“Che ho una grande fortuna: il mio percorso. E’ la cosa di cui vado più fiero. Sono arrivato al successo grazie a Internet: un percorso lungo e in salita, che però ti garantisce libertà assoluta e ti permette di non dover dire grazie a nessuno. Ho fidelizzato il pubblico, radicando il rapporto tra me e chi mi segue. Il “personaggio televisivo”, di per sé, può durare anche solo dieci giorni”.
Anche tu lo sei.
“Infatti, televisivamente parlando, potrei durare dieci giorni. Anche meno”. (Il Fatto Quotidiano, 23 marzo 2015).

La Lega di Salvini? Ecco che cos’è

Schermata 2015-03-05 a 08.08.27“Chiedersi se la Lega di Salvini è “fascista” è legittimo, ma è anche inutile. Se dici “fascista” o “razzista” a uno come Buonanno, lo prende come un complimento. Salvini non è un fascista: è un furbacchione, che pur di vincere raccatta di tutto. Lepenismo, putinismo, mussosalvinismo, fascioleghismo. Secessione da una parte, iper-nazionalismo dall’altra: tutto e il suo contrario. Presterei piuttosto attenzione ad altri aspetti. 1) Basta con questa storia della manifestazione trionfale in Piazza del Popolo: c’erano 12mila persone, una miseria. Storace, non esattamente Berlinguer, in quella stessa piazza ne portò 20mila per manifestare contro Monti. 2) La Lega non è “il nuovo”. La Lega è una delle massime responsabili dello sfacelo degli ultimi 20 anni della politica italiana, perché accanto a Berlusconi c’era sempre. E Salvini è il meno nuovo di tutti: parla di “gente che lavora” e “fannulloni”, ma lui è il più fannullone di tutti. Non ha mai lavorato un giorno in vita sua, fa politica da 22 anni, politicamente è il più vecchio della Seconda Repubblica. “Nuovo” de che? 3) La Lega è certo in crescita nei sondaggi, ma si sta sfaldando: da una parte Salvini e dall’altra Tosi. Se non ricordo male, fino a due anni fa Tosi era “il candidato premier” della Lega per il centrodestra. Non proprio una figura marginale. 4) La Lega non ha una classe dirigente all’altezza: dietro Salvini, che è bravissimo e furbissimo, e ha pure combattuto battaglie giuste (per esempio contro la Legge Fornero), non c’è nulla. Infatti in tivù va solo lui, perché se ci vanno altri è un disastro. 5) La Lega non è “anticasta”, ma più casta di tutti. In soli sei mesi, nel 2013, Schermata 2015-03-05 a 08.12.13Maroni ha dilapidato 5 milioni e 900mila euro dei 6 milioni complessivi. Nelle casse della Lega non c’è più un euro. Hanno sperperato quasi tutto. Hanno speso 125mila euro per ripulire le notizie “cattive” da Internet, hanno dato 50mila euro alla scuola Bosina della moglie di Bossi. E poi c’è la storia del quotidiano La Padania, che la simpatica Lussana ben conosce: 60 milioni di euro di soldi pubblici, dico 60 milioni. E poi i tre bonifici da 150mila euro di Maroni, e poi più di 20mila abbonamenti obbligatori al quotidiano (per 773mila euro) imposti sempre da Maroni. Ciò nonostante la Padania ha chiuso, e giustamente: era un giornale orrendo. Così Salvini ha mandato a casa i 71 dipendenti, dopo che la Lega – sostengono gli ex dipendenti – aveva promesso loro un contratto di solidarietà. Questo sarebbe “il partito nuovo” Ma nuovo de che? E’ un accrocchio con dentro La Russa, Corsaro, Saltamartini, Alemanno: per carità. E senza Berlusconi non vanno da nessuna parte, di sicuro non al governo.
Ecco cos’è la Lega. Lo scenario è chiaro: con un Partito Democratico renziano che è ormai la Dc 2.0, per Salvini – se vuole sfondare – c’è spazio solo nell’estrema destra. Così lui ripropone le ricette xenofobe e fascistelle del MSI pre-Almirante, uccidendo qualsiasi possibilità di una destra italiana “normale”. Nella Lega di Salvini, i Borghezio e i Calderoli ci stanno benissimo. Buonanno, uno che in Piazza del Popolo stava accanto a Salvini e gli parlava all’orecchio, a Piazzapulita due sere fa ha detto testuale: “I rom sono la feccia della società”. Ci rendiamo conto? Sono parole inaccettabili: in un paese normale, per una frase così, si va in galera. La Lussana dice che Buonanno “ha avuto un botto di applausi per quella frase”. Ma che bel ragionamento: allora andate in tivù e dite che “i neri sono tutti da ammazzare”, così ne prenderete altri. Questa Lussana spera di prendere altri voti alimentando le pulsioni peggiori e le intolleranze più bieche: davvero un genio”.

(Otto e mezzo, 3 marzo 2015. Il video).

Intervista a Luca Vanni, il tennista che non si arrende

vanni2Luca Vanni non è abituato alla ribalta. A fine 2013 era quasi fuori dai primi mille, un anno fa 700 al mondo. Ora è a un passo dai primi 100. Altissimo, servizio notevole, rovescio bimane. Trent’anni a giugno, è un ragazzo timido. Simpatico, disponibilissimo. Genuino. E’ nato e vive a Foiano della Chiana. Il paese aretino è noto anche per il Carnevale, e proprio durante il Carnevale hanno voluto abbracciarlo: i concittadini ai piedi del Palazzo, lui in cima al terrazzo con il Sindaco: “Però non fatemi parlare al microfono, questa gente la conosco da sempre, mi vergogno”. La vita di Vanni è quella del tennista di seconda fila che, ostinatamente, si oppone a sfiducia e infortuni. Vive viaggiando tra future e challenger, centrifugato tra ritmi forsennati e prize money che un Djokovic neanche prenderebbe in considerazione. Poi, tre settimane fa, l’exploit in un torneo ATP: partendo dalle qualificazioni raggiunge la finale a Sao Paolo, terra rossa brasiliana, e serve per il match contro il 30 al mondo (Cuevas). Fino a quel momento non aveva mai vinto un incontro in un torneo Atp. Se avesse trionfato sarebbe diventato 80 al mondo, con la finale ha toccato il best ranking di 108. L’impresa gli è valsa la convocazione come quinto di Davis contro il Kazakistan, riserva senza diritto di giocare, al seguito della prima squadra con Fognini, Seppi, Bolelli e Lorenzi. “Alla Davis non dici mai di no. Una parte di me pensa che, in questo modo, non potrò andare a fare le quali a Indian Wells e perderò punti. Per entrare al Roland Garros è fondamentale essere a ridosso dei cento, ma questa convocazione è un grande onore”.
vanni3A Sao Paolo sei stato a un passo dall’impresa autentica: è maggiore la gioia per la finale raggiunta o il rimpianto per non avere vinto il titolo?
Inutile nasconderlo, un po’ ci penso a quel servizio non tenuto sul 5-4 del terzo set. Non dirmi però che ho avuto il “braccino”, anzi proprio per non averlo ho spinto ogni colpo. Ho sbagliato uno smash, non proprio il mio colpo migliore, ma non ho rimpianti. E Sao Paolo non è l’unica cosa che ho fatto in carriera. Certo, cambia il peso degli incontri. Cambiano gli hotel, gli spettatori. In campo, però, è sempre e solo tennis.
In semifinale avevi contro l’idolo locale, Joao Sousa. Ti hanno gridato di tutto. Sembrava di essere tornati a Maceiò, quando la torcida provocò i crampi psicologici a Pescosolido.
C’erano 6mila spettatori, 50 per me e 5950 per lui. Stadio immenso, tetto altissimo. Più mi insultavano, più mi caricavano. A fine match, al microfono, ho lanciato baci e ringraziato il pubblico “per l’affetto”: ero appena ironico.
Tra una vittoria e l’altra, registravi video sotto la doccia. Sembravi vagamente ubriaco.
Macché ubriaco. Il problema è che l’inglese non lo conosco benissimo. Così parlavo in maniera incerta. E poi ero felice. Tutta quella ribalta mi era nuova, come le conferenze stampa. Dopo la prima vittoria, ho visto la scrivania con il mio nome sopra e un plotone di giornalisti. Ero terrorizzato: che gli dico? Che gli racconto? Mi faranno il terzo grado.
vanniInvece?
Invece, quando rompi il ghiaccio, poi ti diverti. I giornalisti pendono dalle tue labbra, sembra quasi che tu gli stia rivelando notizie fondamentali. E’ buffo. L’unico problema era che a volte non mi venivano le parole. Ci ho messo mezzora a ricordarmi che “orgoglioso” si dice “proud”.
E’ vero che, in Brasile, hai comprato una racchetta al primo negozio che hai trovato perché quella precedente l’avevi spaccata durante le quali?
Più o meno. A fine 2014 provo una Wilson nera, per professionisti. Mi piace e me la faccio spedire. Però me ne mandano un’altra arancione. Dicono che è identica, colore a parte, ma per me non lo è. Poi parto per il Sudamerica con quella racchetta.
Solo quella?
Solo quella. Vinco il primo turno di quali a fatica, non mi trovo bene e ne compro un’altra in un negozio: una racchetta normale, che può acquistare chiunque.
Non potevi contattare direttamente la Wilson?
L’ho fatto, conosco uno dei rappresentanti. L’ho cercato su Skype di continuo, ma non mi ha mai risposto. Poi, guarda caso, dopo aver vinto la semifinale mi ha richiamato: “Ehi, Lucone, cercavi qualcosa?”.
IMG_1097Al primo turno di quali hai faticato con il numero 871 del mondo, sette giorni dopo per poco non batti il 30. Com’è possibile?
Il tennis non è una scienza esatta, soprattutto nei campi minori, quelli che nessuna tivù mai trasmetterà. Può davvero succedere di tutto. Il campo in cui ho giocato il primo turno di quali era assurdo. Sotto un tendone, attaccato a un altro campo dove la gente si allenava. A due passi c’era il Carnevale, un casino che non hai idea, e il campo non era neanche regolamentare: erano proprio sbagliate le misure.
A Sao Paolo neanche dovevi esserci.
La settimana prima c’era Quito: Ecuador, altura. Ero a Foligno, dove mi alleno, e non sapevo se partire: fuori di due dal tabellone. Poi si è liberato qualche posto e ho preso il volo. Già che c’ero ho fatto Sao Paolo.
Come calcoli le trasferte? Intendo i costi.
Quando in banca hai 20mila euro, non è che puoi buttare via i soldi. Come trasferta spendevo 2mila euro, in Ecuador ne prendevo 3200 anche se uscivo subito (come è successo). Potevo starci. Una volta che sei lì, ammortizzi. Dividi la camera con qualcuno, ti organizzi con altri per le trasferte. E comunque nei tornei ATP ti trattano da Re.
vannivanniTipo?
Hotel 5 stelle, navetta, rimborso pasti per due. Non ci sono abituato. Nei future fai tutto da solo e nei challenger ti rimborsano poco. Sono abituato a risparmiare su tutto, anche se una chianina e un rosso con la fidanzata, qualche volta, me le concedo.
Viaggi da solo.
Ho un grande allenatore, Fabio Gorietti, ma preferisco fare quello che mi pare. Se dico di trovarci alle 20 per cena e lui arriva alle 20.10, mi innervosisco. Non c’è niente da fare, il tennista è un nomade singolo.
Sei arrivato alla soglia dei primi 100 a quasi trent’anni.
Mi sono diplomato a Ragioneria a Foiano, poi dai 19 anni ci ho provato. Mi allenavo a Perugia, mi manteneva mio padre. Mi pesava. Nel 2006 mi iscrivo a un future e vinco una partita: un punto Atp. Poi ne vinco un’altra: due punti Atp. E mi ritrovo 650 del mondo.
Cambia molto?
Qualcosa. Prima mi guadagnavo da vivere facendo l’istruttore di tennis al Circolo Giotto di Arezzo: quindici euro l’ora. Poi partecipavo alla serie A, ai tornei a squadre: Italia, Francia, Germania. Per darti un’idea, se non hai classifica prendi tipo 400 euro a partita. Se sei 650 al mondo, te ne danno – che so – 1000. Non ti cambia la vita, ma sopravvivi.
Hai avuto molti infortuni.
A 20 anni mi sono saltate le ginocchia due volte. Nel 2013, dopo tanta gavetta e troppo dolore, mi sono operato al tendine rotuleo. Da mesi andavo avanti col cortisone. Dopo due sconfitte al primo turno in Australia, a Burnie e West Lakes, ero a pezzi. Quasi non camminavo più. Prima del torneo successivo – dovevo affrontare Duckworth – mi sono cancellato al mattino, ho preso il volo per casa e mi hanno operato. Febbraio 2013.
Sei quasi uscito dai primi mille.
Nel 2014, per risalire la classifica, non so neanche quante partite ho giocato. D’estate è stato un delirio: c’erano i future a Santa Margherita di Pula in Sardegna. Li vincevo e la domenica volavo a Catania, a Roma, in Croazia. Facevo il campionato a squadre e al lunedì tornavo in Sardegna. Spesso neanche dormivo.
IMG_1154Mai pensato di smettere?
Qualche volta. Non sai quanti pianti dentro la vasca: “Perché capitano tutte a me?”, mi chiedevo. Andavo a lavorare nel mobilificio di mio padre, ma dopo un po’ mi cacciava: “Qui non ti voglio”. Lui mi ha sempre spronato, altri no. A 19 anni avevo scritto una lettera ai miei genitori promettendo che ce l’avrei fatta: forse sono stato di parola.
Il momento più duro?
Dopo l’ultima operazione. Quattro mesi di stop. Ho passato un giorno agli Internazionali di Roma. Vedevo gli altri giocare ed era come avere una coltellata al cuore. Sognavo di essere nel tabellone principale l’anno successivo, oppure quello dopo. Cioè questo. Magari ce la faccio.
Chi ti conosce dice che, senza infortuni, saresti un top 40.
Prova a rovesciare il concetto: siamo sicuri che, senza infortuni, sarei vicino ai 100? Certo, ho avuto sfortuna. Anche dopo l’operazione: sei mesi fa, in volo per la Francia, per poco un’otite mi manda al Creatore. Un’altra volta avevo così male al polso che ho usato solo il rovescio in back: ci ho pure vinto il doppio, con quel back del cavolo.
Però?
Però gli infortuni mi hanno spinto a non mollare. Forse senza infortuni mi sarei adagiato sui 300-400 al mondo. In fondo ottieni ciò che meriti, la vita ha una sua giustizia. Anche se non capita sempre. Penso soprattutto a Federico.
Luzzi. Una leucemia fulminante se lo è portato via a neanche 29 anni. Aretino come te.
Ci allenavamo insieme, giocavamo i pokerini. Mi diceva che dovevo pormi come obiettivo quello di giocare le quali negli Slam. Anche Bracciali è aretino. E Starace si è allenato per anni al Blue Team di Arezzo. Potito è un po’ il mio punto di riferimento.
Lo scandalo scommesse lo ha travolto.
Lo so e non posso dire se sia colpevole o meno. Alludevo alla sua voglia, alla sua umiltà. Ricordo quando mi portò con sé in Spagna e mi regalò un biglietto prima di giocare con Nadal. Un gesto che non dimenticherò mai.
Sono gli unici big che conosci?
Fognini mi ha mandato un sms dopo la vittoria con Joao Souza, Seppi e Bolelli li conoscerò in Davis. Paolino (Lorenzi) è un amico da sempre, i suoi genitori stanno a Cortona. Anche lui è esploso tardi, però ha sempre gravitato nei 200. La mia è una storia molto più altalenante.
Che obiettivo ti prefiggi?
Cosa posso dirti? Tutto è possibile. Non fraintendermi, non sto dicendo che entrerò nei primi venti. Ma vivo alla giornata. E’ la cosa che mi viene meglio. (Il Fatto Quotidiano, 2 marzo 2015. Extended Version)

“La prego, ‘onorevole’ Santanché: squittisca dopo la pubblicità”

Schermata 2015-02-25 a 10.21.58“Devo dire che, vista da qui, la situazione è quantomeno divertente. Da una parte c’è un intellettuale che ha scritto libri straordinari, come “Il razzismo spiegato a mia figlia”, e dall’altra una politica – mi si perdoni l’eufemismo – che non sa nulla di Islam. L’onorevole Santanchè, e chiedo scusa per la parola “onorevole” (ma anche per la parola “Santanché”), è una che ha definito Maometto “poligamo e pedofilo”. E’ una che, anni fa, per attaccare Pisapia confuse una bandiera della pace di Vauro con la bandiera fondamentalista di Hamas. Non sa niente di niente, e ci tocca pure sentirla difendere la satira: proprio lei che, con il peggiore centrodestra d’Europa, per vent’anni ha cercato di silenziare la satira come dimostra per esempio il caso Luttazzi. La Santanché sa che, se si va al voto domani, il centrodestra lo votano in cinque, e allora cavalca la questione immigrazione come e peggio di Salvini. Si fa politica su un tema delicatissimo, un tema etico: vogliamo restare umani, come diceva Vittorio Arrigoni, peraltro ucciso da jihadisti salafiti, o vogliamo ridurre tutto alle semplificazioni banali e ridicole della Santanché? Lei dice “gli immigrati non li voglio a casa mia”. Ecco: io non voglio la Santanché a casa mia. Espongo i fatti, non sto insultando nessuno, anzi potrei dire cose molto peggiori alla Santanché. A Tahar Ben Jelloun vorrei dire che gli italiani, per fortuna, non sono tutti come quella lì: spesso questo paese è molto meglio dei politici che teoricamente dovrebbero rappresentarlo. Peraltro vedo che la Santanché mi risponde criticando orecchini: che critica ficcante, che critica contenutisticamente rilevante: la prossima quale sarà, mi dirà che ho troppi anelli? Wow, che ragionamenti politici. E non mi interrompa, onorevole Santanché, anzi onorevole Darth Vader: la prego, squittisca dopo la pubblicità” (Otto e mezzo, 24 febbraio 2015. Il video).

Fognini, Seppi, Bolelli: è vera gloria

seppiNon ho mai guardato granché alla nazionalità negli sport. Men che meno in quelli individuali. Sfido chiunque, del resto, ad avere amato più Patrese di Piquet o Gianni Ocleppo di John McEnroe. I miei idoli, nel tennis, sono stati Edberg, McEnroe, Cash, Leconte, Noah, Korda, Rafter, Ivanisevic, Kuerten. Gli unici italiani che ho amato davvero sono stati Canè e Camporese. Anche adesso, tra i miei pupilli autentici, ci sono Kyrgios, Tsonga, (quel che resta di) Gasquet, (quel pazzo di) Janowicz, (quell’umorale di) Dolgopolov, Gilles Muller, Stakhovskiy. Gente così, quasi sempre figlia di dèi minori e quasi mai italiana.
L’Italtennis maschile aspetta da più di 30 anni un top ten. Non nasce dai tempi di Adriano Panatta e Barazzutti. In questi anni abbiamo avuto, al massimo, qualche top 30 (Volandri, Starace), qualche top 20 (Camporese, Gaudenzi, Furlan, Seppi) e un top 15 (Fognini). E’ però innegabile che, negli ultimi anni, qualcosa sia cambiato e migliorato. Basta anche solo mettere in fila i risultati di questo inizio 2015: Seppi che batte Federer a Melbourne, Bolelli che batte Raonic a Marsiglia, Fognini che batte Nadal a Rio. E poi ancora Bolelli e Fognini che vincono in doppio gli Australian Open.
Per chi non li ha mai visti, breve descrizione dei tre. Andreas Seppi (best ranking 18) è uno dei giocatori più ripetitivi e noiosi degli ultimi 147 anni, ed è usato anche in medicina per aiutare gli insonni, ma ha davvero tratto il massimo da mezzi non certo illimitati. Bravissima persona, è il classico esempio di abnegazione (cit). Negli ultimi tempi è diventato anche un po’ meno addormentante: con Federer, per esempio, è stato sublime. Simone Bolelli (best ranking 36), per talento ed eleganza, sarebbe il bolellimigliore dei tre. Un giocatore d’altri tempi. Sulle superfici veloci, se sta bene e crede in se stesso, merita tutta la vita i primi 30. Purtroppo tende a smarrirsi, non brilla in grinta e “scioglie” puntualmente nei momenti chiave. Resta Fognini, che definii in tempi sospetti “il Balotelli del tennis”. Simpatico fuori dal campo, lo è molto meno in campo. Questo gli ha inimicato i feticisti del politicamente corretto e gli appassionati del presepe tennistico. Fognini è stato 13 al mondo: la migliore classifica di un italiano dai tempi di Panatta. In campo è in grado di distruggere tutto quel che crea, e lo fa spesso con una maleducazione assoluta, ma il punto è: chi se ne frega? Capisco la rabbia per Balotelli, uno che gioca in uno sport collettivo e dunque – se rema contro – non danneggia solo se stesso ma tutta la squadra. Non è il caso di Fognini: il quale, Davis a parte, quando sbaglia fa male solo a se stesso. Fognini non è un esempio, un modello, un maestro di virtù: è un tennista. Un tennista tipicamente italiano, pazzo e umorale, alla Cané. Chi lo odia dice che è un sopravvalutato, che pensa più alle donne che agli allenamenti (digli scemo) e che ha costruito la sua classifica solo in tornei minori; ora che ha vinto con fogniniNadal (sulla terra battuta), replicheranno senz’altro che il maiorchino si è infortunato sul 5-5 del terzo set e che ormai anche Nadal non è più quello di una volta. Tutte cose vere, ma solo in parte: Nadal non lo batti mai per caso, non certo sulla terra battuta, e Fognini – sulla terra – vale i primi 10. Purtroppo li vale solo quando gli gira: un anno fa, da maggio in poi, ha buttato via tabelloni “facili” e forse irripetibili che gli avrebbero permesso di entrare nei top ten. Restano, però, il suo talento e la sua follia che, se ben convogliata, equivale a genio e bellezza. Quanto al suo essere “maleducato”, lo erano anche McEnroe e Connors: chi se ne frega. Chi confonde il tennis col presepe, può sempre guardarsi la registrazione di Bruguera-Berasategui. Nel tennis il “maleducato” serve eccome, altrimenti sai che palle se tutti fossero come Seppi o Bautista Agut. Il punto, casomai, è potersi “permettere” quella maleducazione. Ed è qui, nei risultati, che Fognini deve lavorare: per capirsi, vincere stasera in finale con Ferrer avrebbe un peso ancora maggiore rispetto all’impresa (vera) con Nadal, perché significherebbe non essersi fermato all’exploit – come spesso capita all’Italtennis – ma avere ormai una dimensione continuativa da giocatore di vertice.
Tre tennisti così, comunque, l’Italia non li vedeva – intendo contemporaneamente – da decenni.

(A proposito di tennis. Oggi, ore 17, sarò con Luca Vanni al Carnevale di Foiano. Alle ore 17 la sua cittadina in Valdichiana gli regalerà un abbraccio per l’exploit di due settimane fa a Sao Paolo e il best ranking di 108 al mondo. Sul palco, anzi sulla terrazza, lo introdurrò io. Vi aspettiamo).

L’incalzante Bignardi, l’imperdibile Madia e i grillini “un po’ strani”

madia 1Daria Bignardi aveva promesso una serata imperdibile. Ha detto proprio così, due sere fa, prima che Le invasioni barbariche cominciasse: una puntata imperdibile, perché “ci sarà un’intervista a una persona che concede pochissimi faccia a faccia”. Wow. E chi sarà mai? Il Dalai Lama? Jeeg Robot d’acciaio? No, Marianna Madia. E in effetti, un po’ in tutta Italia, si avvertiva il bisogno di un faccia a faccia con il ministro Madia. Era davvero il sogno di tutti. Peccato solo che, a guardare gli ascolti (3.05%), l’evento fosse imperdibile per pochi. Ormai Le invasioni barbariche è visto solo da chi vive su Twitter: finisce sempre nei trending topics, poi però lo share mette tenerezza. Va però detto che l’intervista al ministro Madia era effettivamente rutilante. L’evento è stato inframezzato da una prova attoriale di Beppe Severgnini, durante la quale i microfoni – gufi e disfattisti – hanno smesso di funzionare. La Madia, durante la conversazione, ha continuato a fingersi ingenua e svampita per suscitare simpatia. Certo, a volte negli anni ha esagerato, per esempio quando scambiò un Ministero per un altro, ma la tecnica è redditizia: la sua scalata al potere si conferma inarrestabile. Aiuta, forse, anche quel suo stile vagamente vittoriano e antico, da comparsa de L’età dell’innocenza scartata al madia 2casting da Martin Scorsese. Ascoltiamola: “Non so quando, ma arriveremo al matrimonio tra persone dello stesso sesso” (intanto, per non ferire Alfano, i temi etici sono stati accantonati. Altrimenti il governo cade). “Sono cattolica praticante, amo la vita di Gesù” (buono a sapersi). A proposito del servizio di Signorini su lei che “ci sa fare col gelato”, perché stava leccando un cono: “Spesso sono gli uomini lo fanno, più che subirlo. E il direttore è un uomo“ (qualsiasi altra persona, per una battuta così, sarebbe stata mandata al confino per omofobia). E ancora: “Di Battista? Caro amico no, ma abbiamo fatto i catechisti insieme a 20 anni in una parrocchia a Roma”. L’amicizia, però, è finita all’improvviso: “Poi lui se n’è andato nelle Ande” (e qui, in tutta onestà, non si riesce a criticare il deputato 5 Stelle per aver preferito le Ande alla Madia). La Bignardi ha incalzato – ci sia concesso l’eufemismo – il Ministro sullo stringente tema Di Battista: “L’ho perso di vista, poi un giorno l’ho ritrovato eletto in Parlamento con i Cinque Stelle. Loro sono strani, non so se lo hai visto. E’ come se, per esempio, Di Battista reciti una parte”. Attenzione, però. I 5 Stelle sono “strani”, però in fondo sono normali anche loro: “Secondo me singolarmente sono più normali di come appaiono”. Capito? Se li incontri, e magari prima di incontrarli segui anche una profilassi malarica, i 5 Stelle sono “più normali di come appaiono”. Hanno due gambe, due braccia, due mani. Come la Madia. Davvero rivelazioni “imperdibili”. Come molte altre: “I miei funzionari ridono, ridono sempre (come non capirli); “La pubblica amministrazione è la vita quotidiana di tutti i cittadini, migliorarla è un dovere” (parole forti); “Sono stata in discoteca solo una volta e ho avuto pure uno shock acustico” (questo, un po’, si intuiva). Infine: “La storia passava in quel momento e io ho scelto profondamente di farlo”. E qui, in lontananza, qualcuno ha come sentito le sirene dell’ambulanza avvicinarsi. (Il Fatto Quotidiano, 18 febbraio 2015)

La pericolosissima fuffa di Renzi

Schermata 02-2457073 alle 11.31.46Ieri, visitando la General Motors a Torino, Renzi ha detto tra le altre cose: “L’Italia è da sempre la terra in cui il domani arriva prima. L’industria della lagna non è vincente”. Rileggete bene: “la terra in cui il domani arriva prima; “l’industria della lagna“. Ma cosa dice? Come parla? Che roba è? Gliel’hanno tolto il ciuccio dal cervello? Se un mio compagno all’asilo avesse proferito banalità simili, gli avrei prontamente consigliato di comprare il 45 giri di Cicale di Heather Parisi per darsi un tono intellettuale. Questo qua non solo non è un bimbo che fa l’asilo, anche se dallo sguardo e dalla faccia sembrerebbe, ma è pure Presidente del Consiglio. La sua pochezza contenutistica è sconfortante. Ambirebbe ad avere una narrazione kennedyana, ma ricorda al massimo i testi di Kekko dei Modà. Nel frattempo, tra un tweet e l’altro, lui e i suoi bastonano tutto quel giornalismo che non è disposto a celebrare questa ghenga composta – quasi sempre – da arroganti presuntuosi e impreparati: per esempio Il Fatto, per esempio Riccardo Iacona, per esempio Milena Gabanelli, per esempio Piazzapulita. Proprio come il suo amico Silvio. Non è Renzi a essere pericoloso in sé, anzi larga parte di quel che fa induce al ridicolo. Al ridicolo e al patetico. Renzi non può fare paura, altrimenti toccherebbe aver timore di Jerry Calà o dei Gormiti. A essere pericoloso è questo mix tra la pochezza sconfinata e il ruolo che riveste: come dare una Lamborghini in mano a un poppante. Poveri noi.